COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Nuova traduzione del Padre Nostro. Il vero problema non è quel “non indurre”

gesu-padre-nostro-manoscritto-medioevo


Continua a far parlare di sé la nuova edizione del Padre Nostro approvata a larga maggioranza dalla Conferenza episcopale italiana pochi giorni fa, nell’ambito di una più ampia revisione del Messale Romano. Se per l’effettiva adozione del nuovo testo si andrà con ogni probabilità al 2019 (si attende la valutazione della Santa Sede), la discussione, con sentimenti opposti, ha ormai raggiunto i fedeli, mischiandosi ad una buona dose di falsa informazione. Questa la versione più diffusa: papa Francesco ha cambiato il Padre Nostro. E poco importa che negli anni – almeno 16 di riflessione – l’adeguamento della preghiera cristiana per eccellenza abbia incassato il sostegno di personalità quali Benedetto XVI e i cardinali Giacomo Biffi e Carlo Maria Martini.

Diverso il caso di quanti, invece, vorrebbero spostare il confronto sull’opportunità teologica o linguistica del nuovo testo. Fra questi, il prof. Franco Ometto, docente di Islamistica sciita presso il Pontificio Istituto di Studi Arabi e Islamici di Roma, nonché di Linguistica e lingue moderne nelle università statali dell’Iran e di Teologia cristiana negli atenei islamici di Qum, sempre in Iran. A lui si deve anche la traduzione del Catechismo della Chiesa cattolica dal Latino al Persiano. Che, dal canto suo, assicura: rispetto al Padre Nostro «l’attenzione dei vescovi dovrebbe essere focalizzata non sul verbo inducas quanto sul termine tentatio, che al tempo di san Girolamo significava “esame”, “prova”». Del prof. Ometto l’intervento che segue, che ricevo e pubblico integralmente.

19.11.2018
http://www.caffestoria.it/


Finalmente i saggi vescovi ci hanno liberato da quel Padre ambiguo che prima ci rimette le colpe e subito dopo potrebbe indurci nella tentazione di peccare. Così è stato rifiutato quell’antipatico “indurre” ed è stato stato sostituito con un più blando “abbandonare” trovato chissà dove. Qui qualcosa non quadra, non certo da parte di Gesù, di Matteo, di Luca o di Girolamo, che hanno univocamente usato un verbo inequivocabile: “induco” (o eisfero). Non ci saremo per caso sbagliati noi, accanendoci su quel verbo “indurre”? Voi ci credete che “Dio non tenta nessuno al male” (Gc 1,13), cioè, non vuol farci cadere nel male; tutt’al più non ci sottrae alle prove (tumori, morte di un figlio, ingiustizie…) ma ci dà la forza di sopportarle (1Cor 10,13).

Ecco allora cosa chiediamo al Padre in buon italiano: di non metterci alla prova, come fece con Giobbe o Abramo, perché siamo troppo fragili e potremmo soccombere: allora ci gettiamo nelle Sue braccia. Del resto è Lui stesso che ci invita a pregare di fronte a prove durissime (Mt 24,20). Anche perché sappiamo che Lui è solito affliggere con prove coloro che ama (Ap 3,19).

Consideriamo con più attenzione il termine tentatio, che ai tempi di Girolamo, non certo uno sprovveduto in materia, significava principalmente e comunemente “esame” o “prova”. Il Pater è il prezioso testamento di Gesù: non si può cambiare una sola parola in un testamento, soprattutto in questo. E poi… le mie parole non passeranno (Mc 13:31)?! Comunque i saggi vescovi non si offendano se non mi fido delle loro conoscenze di latino e relative traduzioni (che traduzioni non sono, ma pie trovate).

Franco Ometto


Don Ezio Fonio
19 Nov 2018
Il vero problema non è la traduzione del Padre nostro, visto che dal 2008 nel lezionario della Messa si dice già “non abbandonarci nella tentazione”. Al di là delle traduzioni il vero problema sono i cosiddetti “tradizionalisti anti-bergogliani” che, sebbene minoranza, non colgono occasione per attaccare il Pontefice nel tentativo di deligittimarlo. E’ vero che nello stesso periodo il Santo Padre ha esposto il suo pensiero in merito, ma è un dato acquisito da decenni, non una novità sua. Invece, i vescovi italiani è dal 2001 che non sono riusciti a mettersi d’accordo sulla traduzione della III edizione tipica del Messale Romano dal latino in italiano. Ora finalmente siamo alla conclusione di questo lungo processo che dovrebbe avere il via libera dalla Curia Romana rapidamente, perché il Papa ha recentemente emanato una disposizione esecutiva per cui la Curia deve solo verificare che nei testi non ci siano errori nella dottrina cattolica e non imporre una traduzione piuttosto che l’altra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19/11/2018 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 613 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

  • 238.856 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: