– COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Bandiere africane, l’importanza dei colori


L’origine delle bandiere nazionali e il simbolismo che in esse si raffigura rappresenta uno studio antico e di assoluto interesse. Le bandiere hanno sempre lo scopo di comunicare e tutte costituiscono segnalibri tra le pagine della storia. Tutti i grandi momenti della storia sono stati segnati da una bandiera: la rivoluzione francese e il tricolore sono oggi un’unica immagine.
Sulla trattazione delle bandiere del mondo vi rimando ad alcuni siti, come quello di Roberto Breschi o al Flags of The World..

liberia

LIBERIA

 

In Africa la prima bandiera fu quella della Liberia (risalente al 1847 e ancor oggi in uso) che chiaramente derivata da quella americana.

 

 

 

 

 

etiopia2

ETIOPIA

La seconda fu invece quella dell’Etiopia (datata 1897, ancor oggi in uso) e costituita da tre colori: il rosso, il giallo e il verde, che in seguito sarebbero diventati simbolo del panafricanismo. Sono anche i colori del rastafarianesimo -i rasta per semplificare – movimento nato appunto in Etiopia negli anni trenta e diffusosi nel mondo, a partir dagli anni ’70 – grazie al musicista Bob Marley.

guinea

GUINEA

Oggi infatti 18 stati africani contengono, nella loro bandiera, i colori rosso, giallo e verde (la bandiera nella foto è della Guinea, che è uguale a quella del Mali).

Pur con variazioni da paese a paese, il rosso che originariamente rappresentava la forza è stato usato per simboleggiare il sacrificio per l’indipendenza (quindi, il sangue versato nella lotta di liberazione), il giallo, che nella bandiera etiope rappresentava la pace e l’amore, è diventato il sole e la ricchezza della terra (spesso l’oro e le risorse minerarie), mentre il verde, che per gli etiopici simboleggiava la terra e la speranza per il futuro ha mantenuto lo stesso significato anche nel simbolismo panafricano.

ghana_flag

GHANA

E’ interessante notare che il Ghana, primo paese dell’Africa nera a giungere all’indipendenza nel 1958 e quindi a dotarsi di una bandiera nazionale, aggiungerà ai colori panafricani una stella nera al centro, che da allora simboleggerà la libertà e l’unità africana.

Nelle bandiere africane fu poi adottato il blu – simbolo del mare e dei fiumi e in genere dell’acqua e il bianco, simbolo di pace e giustizia.

south africa

SUDAFRICA

Tutti i colori, quelli panafricani, assieme al nero, il blu e il bianco si trovano oggi nella nuova bandiera del Sudafrica adottata nel 1994 all’indomani della Costituzione multirazziale (vedi foto).

Il verde, rappresenta anche i colori dell’islam ed è usato, con tale simbolismo, nei paesi del nord Africa come la Libia e l’Algeria, ma anche in Mauritania e nelle Comore.

Testo di Gianfranco Della Valle
http://www.sancara.org

Annunci

Un commento su “Bandiere africane, l’importanza dei colori

  1. Mr Twiki
    04/01/2019

    Veramente molto interessante!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 04/01/2019 da in Cultura, ITALIANO con tag , .
Follow – COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Categorie

Traduci – Translate

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: