COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

7 Gennaio: Raimondo de Peñafort

Santo del giorno

Una rassegna quotidiana dei Santi, maestri e testimoni del Vangelo di tutti i tempi che come fari luminosi orientano il nostro cammino di cristiani e missionari.

 7 Gennaio
Raimondo de Peñafort.
Spiritualità e studio sono le “armi” di chi porta il Vangelo


7-gen

Il servizio alla Parola è fatto di preghiera e cura della spiritualità ma deve essere sempre affiancato anche da un approfondito studio e un rigoroso impegno: ne va della credibilità della stessa testimonianza cristiana. Ce lo ricorda la figura del terzo superiore generale dei Domenicani, san Raimondo de Peñafort.
Nato in Catalogna nel 1175 studiò a Barcellona e poi a Bologna; divenuto canonico della Cattedrale della città catalana, nel 1222 entrò tra i domenicani nel convento cittadino fondato da poco. Nel 1223 aiutò Pietro Nolasco a fondare i Mercedari per il riscatto degli schiavi. Per volere del Papa, poi, si dedicò al riordino degli atti pontifici emanati in materia dogmatica e disciplinare. Nel 1238 divenne generale dei Domenicani e dopo sette anni di instancabile guida dell’ordine, si ritirò. Morì infine a Barcellona nel 1275.
«Quest’uomo se ne va come è venuto, così povero e così modesto come al suo arrivo»: così veniva descritta la sua partenza da Roma nel 1235 dove per cinque anni aveva servito papa Gregorio IX come penitenziere, consigliere e confessore. Tornava a Barcellona, dove sperava di poter condurre una vita di preghiera e di studio. Ma nel 1238 i Domenicani lo vollero come terzo maestro generale dell’Ordine. Lui avrebbe rifiutato, come aveva già rifiutato l’episcopato. Il Papa lo chiamava “padre dei poveri” (obbligava il Pontefice a occuparsi prima delle pratiche dei meno abbienti) e anche da generale dei domenicani continuò a occuparsi degli ultimi.

Altri santi. San Crispino I, vescovo (V sec.); beato Matteo Guimerà di Agrigento, vescovo (1376-1450)

Matteo Liut
Avvenire


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 07/01/2019 da in ITALIANO, Santo del giorno.

  • 303.010 visite
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 585 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: