COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Popoli d’Africa: Zulu


zulu-pleme


Gli Zulu sono circa 11 milioni di persone che vivono in Sudafrica, in particolare nella provincia di Kwa-Zulu-Natal. Parlano lo isiZulu, una lingua bantu.

Essi appartengono all’ampia nazione Ngoni, che comprende anche gli Swazi e i Ndebele.
Discendono da popoli emigrati dal bacino del Congo verso sud intorno al XVI secolo e che vennero in contatto con l’etnia San che già abitava l’area e da cui acquisirono tradizioni e abitudini.

Essi credono in un Dio creatore chiamato Nkulunkulu, il quale non ha contatti diretti con gli uomini e non interviene nelle questioni quotidiane.

Durante il XVII e il XVIII secolo gli Zulu costituirono un importante regno che svolse un ruolo di primo piano nella storia del Sudafrica.

Il Regno Zulu ebbe origine grazie all’opera di Shaka (nato nel 1787) e figlio illegittimo del capo zulu (che allora era più semplicemente un sottoclan).

zulureed1Fu un Impero che nel XIX secolo diede filo da torcere ai colonizzatori. Infatti a partire dal 1838 l’imperatore Dingana (fratellastro di Shaka, che aveva ucciso nel 1828) si scontrò con i boeri e, successivamente, gli Zulu si scontrarono con gli inglesi. Il 22 gennaio 1879 infatti a Isandlwana gli inglesi furono sconfitti dagli zulu. Passarono solo pochi mesi prima che gli inglesi dividessero l’Impero Zulu e lo annientassero, nel 1887. Alla proclamazione dell’indipendenza nel Sudafrica gli Zulu – nonostante ancora oggi siano il gruppo etnico più numeroso – furono sempre meno riconosciuti e a seguito delle leggi segregazioniste considerati cittadini “inferiori”. Fu infatti costituito il bantustan (una sorta di riserva) chiamato Kwazulu dove, stando alle leggi, avrebbero dovuto risiedere tutti gli zulu del Sudafrica.

Dopo la fine dell’apartheid in Sudafrica, fu creata la provincia del KwaZulu-Natal (accorpando l’homeland KwaZulu e la provincia del Natal), dove vivono gran parte degli Zulu. In quell’area si è sviluppata anche l’ala indipendentista Zulu, guidata dal partito Inkatha Freedom Party il cui leader, Mangosuthu Buthalezi, pur presente nel Parlamento Sudafricano, ha rifiutato cariche di governo continuando, sempre con meno successo, a perseguire la causa indipendentista.

zulu_womanGli Zulu sono abili artigiani, i loro lavori con perle colorate e i cesti di vimini sono molto apprezzati. Sono inoltre abili danzatori (le loro danze rievocano gli antichi splendori di guerriglieri) e posseggono una cultura musicale ampia e complessa. Le musiche tradizionali zulu sono conosciute nel mondo grazie ad uno storico gruppo nato nel 1960 – i Ladysmith Black Mambazo – e al lavoro di quello che è stato definito “lo zulu bianco”, ovvero Johhny Clegg.

Oggi sono divisi a metà, tra quelli che vivono nelle città (spesso nei sobborghi) e quelli che abitano le zone rurali e che sono molto più legati alle tradizioni.

Gianfranco Della Valle
http://www.sancara.org

Annunci

Un commento su “Popoli d’Africa: Zulu

  1. Pingback: Popoli d’Africa: Zulu – News online

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14/01/2019 da in Cultura, ITALIANO con tag .
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Categorie

Traduci – Translate

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: