COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Cirillo e Metodio: Evangelizzare non è conquistare…

Sconfinamenti della missione (5)

mosaico nella Cattedrale di Saint Sebastian progettato da gesuita Marko Ivan Rupnik (2011) con i Santi Cirillo e Metodio

Mosaico nella Cattedrale di Saint Sebastian a Bratislava, Slovacchia, progettato dal gesuita Marko Rupnik (2011) con i Santi Cirillo e Metodio

Luca 10, 1-9: “Evangelizzare non è conquistare…”.
(Commento di don Franco Mastrolonardo)

Il Vangelo di oggi e la festività di due grandissimi evangelizzatori come Cirillo e Metodio mi danno l’opportunità di tirar fuori dal  cilindro un pensiero che mi è maturato dopo la visione del film “Silence” di Martin Scorsese.
Il film racconta delle missioni in Giappone a meta del XVII secolo.
Il regista Scorsese non ha voluto semplicemente raccontare la cronaca e l’eroicità dei martiri. E’ andato a guardare invece la complessità della missione ponendo come protagonisti dei lapsi, cioè dei cristiani che hanno abiurato la loro fede.
In qualche modo ha costretto lo spettatore a demitizzare la figura eroica dei gesuiti e a guardare la missione nè come una conquista, ma neppure come una vetrina di martiri. No, la missione è passata grazie a uomini che, per motivi che non andiamo ad esaminare ora, hanno accettato di assumere la religiosità, la cultura e i riti della popolazione indigena giapponese, fin quasi al paradosso di aver rinnegato pubblicamente la propria fede. Una sorta di martirio nel martirio, una kenosi, uno spogliamento totale. Davvero agnelli in mezzo ai lupi, tenuti lì prigionieri per tutta una vita a vivere come lupi. Ma questo ci ha dato modo di scoprire che i lupi non sono poi così cattivi. Mi spiego meglio. Quando Gesù parla di lupi di fatto si riferisce anche a quelli che poi alla fine del brano di Vangelo li accolgono. Sono lupi anche quelli. Ecco, stando in casa loro, mangiando quello che mangiano loro e vivendo come loro…così è passato il Vangelo. Non c’è bisogno di portare tutti i nostri segni, i nostri schemi, la nostra cultura tant’è che Gesù chiede ai suoi discepoli di andare senza nulla. Nel film di Scorsese il gesuita Ferreira ha saputo accettare la sfida di dire il Vangelo non con le parole e i segni, che spesso diventano “idoli concettuali”, ma con un linguaggio “nuovo”, appreso dalla cultura indigena che non ha intaccato l’essenzialità del Vangelo. Così dobbiamo fare anche noi con questa cultura che sta sopravanzando: non averne paura anche se siamo in inferiorità, non osteggiarla con i nostri schemi trapassati e cogliere il nuovo e il bello che c’è. Gesù sa difendersi da solo, non ha bisogno di soldati ma di amanti.

https://www.preg.audio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14/02/2019 da in ITALIANO, Sconfinamenti della Missione.
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Categorie

Traduci – Translate

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: