COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Il Santo della Settimana (10) GIOVANNI DI DIO (8 marzo)

8 Marzo
SAN GIOVANNI DI DIO
L’apostolo degli infermi
che creò un Ordine con tre parole
 


Giovanni di Dio


Fu contadino, soldato, venditore ambulante e libraio. Dopo aver letto alcuni mistici si dedica a penitenze clamorose sicché lo ritengono pazzo e finisce in manicomio. Qui scopre la sua vocazione: assistere i malati. Fonda il primo ospedale moderno a Granada nel 1539 e plasma i suoi discepoli nell’assistenza agli infermi. Non ha lasciato un libro di Regole e l’Ordine da lui creato prende per sempre il nome dalle tre parole che ripeté fino alla morte: “Fatebenefratelli”

A otto anni scompare da casa e dal paesino nativo, Montemor-o-Novo, presso Evora, in Portogallo. Scappato di casa o rapito? Non si sa, e sua madre ne muore di dolore. Ricompare poi, ma in Spagna, a Oropesa, in casa di un fattore di campagna che lo tiene come un figlio. Si istruisce, lavora: potrebbe sposare la figlia del fattore. Invece, no. Se ne va e diventa soldato contro i francesi, nel Nord della Spagna. Rischia di morire, ma non per mano nemica: vogliono impiccarlo i suoi superiori, perché qualcuno gli ha rubato il bottino di guerra che aveva in consegna. Poi si limitano a espellerlo dall’esercito e lui ricompare a Oropesa, ma non per molto. Lo ritroviamo presto combattente addirittura a Vienna, assediata nel 1529 dalle truppe del sultano turco Solimano II il Magnifico, che ha già espugnato Belgrado e Buda (poi Budapest). Qui Giovanni combatte con l’esercito di Carlo V, imperatore in Europa e re in Spagna. Dopodiché è difficile seguirlo: i suoi biografi lo rincorrono di paese in paese e di mestiere in mestiere, a volte inciampando nelle date. Tanti spagnoli e portoghesi, all’epoca, vanno all’avventura delle “Indie”, per l’Oriente o per l’Occidente. E lui fa cosa abbastanza simile in terraferma: mai fisso in un posto, mai “di ruolo” in un mestiere.

Pellegrino a Compostela, pastore a Siviglia, venditore ambulante a Gibilterra e infine libraio, a Granada: ma questo non è un suo mestiere fra tanti. Lui dei libri si innamora una volta per tutte, per l’intera vita. Le pagine stampate, e insieme le illustrazioni: quella che noi oggi chiamiamo civiltà dell’immagine, ha già un pioniere cinquecentesco in lui, uomo di comunicazione fra i suoi contemporanei, tra la gente di Granada, alla quale continua a raccomandare libri e immagini, anche come sussidio per la fede: “Che nessuno si privi di un simile aiuto: le immagini, basta guardarle per ravvivare la devozione, esse risvegliano l’attenzione, fissano i ricordi”. Ed è ben naturale che un uomo così diventi poi il santo patrono dei librai. Al momento, però, lì a Granada, va a finire in manicomio. Accade nel 1539: lui ha ascoltato un suo omonimo spagnolo, il futuro santo Giovanni d’Avila, un mistico dalla parola trascinante, ed eccolo ora dedicarsi a penitenze clamorose, inaspettate in lui, sicché lo credono impazzito. Finisce in manicomio e senza saperlo, imbocca la strada che mai più abbandonerà, fino alla morte: quella della sofferenza.

UN CRISTIANO DELLA FANTASIA CHE CAMBIA NOME E SI DEDICA AGLI INFERMI

Giovanni scopre i malati più malati. Quelli di cui le famiglie così spesso si vogliono “liberare”, le vittime dell’abbandono. E arriva al punto di fingersi ancora pazzo, per rimanere lì, a vedere e capire. Di mestieri ne ha fatti tanti. E quello definitivo lo scopre in manicomio: il suo “mestiere” saranno i malati, d’ora in poi e per sempre. Si vota a loro, crea un dormitorio per i poveri, più tardi apre un ospedale. E prende anche un nuovo nome, come chi entri in un Ordine religioso: si chiama dalla nascita Giovanni Cidade o Ciudad, ed ecco ora le sue nuove generalità: Giovanni di Dio. Ma non è né prete né frate. Non fa parte del mondo di vescovi, teologi e canonisti che si preparano a rinnovare la Chiesa nelle annose sessioni del concilio di Trento, dopo la Riforma di Lutero e i distacchi. Lui appartiene a quell’altra gente, che già da tempo è al lavoro dentro il corpo della Chiesa: gli uomini e le donne della “riforma personale”, cristiani della fantasia. Lui, Giovanni, ha scoperto la sofferenza del suo prossimo, e decide per conto suo. Poi si presenta al vescovo di Granada, impegnandosi a vivere per chi soffre, insieme a quelli che vorranno fare come lui. Ne arrivano due, dapprima, e indossano come lui un saio segnato dalla croce. Altri poi sopraggiungono, e nel 1540 nasce, molto in piccolo, la Congregazione dei Fratelli della Misericordia.

Insieme, essi pensano in modo nuovo ai malati e a come assisterli, organizzando l’attività infermieristica. E i rapporti con le persone che soffrono: questa è una delle novità fondamentali che i Fratelli introducono e diffondono. Lo dirà, più di trecento anni dopo, un maestro non credente di psichiatria e antropologia, Cesare Lombroso (1835-1909): “In quanto al trattamento dei malati, Giovanni di Dio fu un riformatore, il creatore dell’ospedale moderno”. Fa sorgere un ospedale a Toledo, rischia di morire nell’incendio di quello reale a Granada (1549) per salvare i malati. E intanto si occupa di famiglie senza padre, di studenti senza soldi, di disoccupati, di prostitute. Sembra che ogni problema nuovo lo ricarichi. Ha l’ottimismo dei marinai

del suo tempo, e la fiducia che il mozzo di guardia notturna in pieno oceano esprime con la cantilena sull’ora buona che scorre e sulla prossima che sarà meglio: “Buena es la que va – mejor es la que viene”. Plasma i suoi discepoli a questo spirito, ed essi lo perpetueranno. Muore in ginocchio stringendo il crocifisso e lascia uomini della carità, armati di scienza. Moltiplicando gli ospedali, essi verranno riconosciuti via via, regolati secondo i tempi, assumendo poi il nome di Ordine Ospitaliero di San Giovanni di Dio. Il terzo millennio li vede presenti in 49 stati del mondo, su continenti e isole (Filippine, Nuova Guinea, Nuova Zelanda). Giovanni di Dio non ha lasciato un libro di Regole – nemmeno un abbozzo – e solo nel 1595, decenni dopo la sua morte, i suoi sistemi di assistenza e la spiritualità dell’opera sono stati fissati nella Regla y Constituciones para al Hospital de Juan de Dios en Granata. E l’Ordine da lui creato prende per sempre il nome dalle tre parole che lui ha ripetuto fino al suo ultimo giorno: “Fatebenefratelli”.

PATRONO DI AMMALATI E OSPEDALI

Fonda il suo primo ospedale a Granada nel 1539. Muore nel 1550 a soli 55 anni il giorno del suo compleanno, l’8 marzo. Nel 1630 viene dichiarato Beato da Papa Urbano VII, nel 1690 è canonizzato da Papa Alessandro VIII. Tra la fine del 1800 e gli inizi del 1900 viene proclamato Patrono degli ammalati, degli ospedali, degli infermieri e delle loro associazioni e, infine, patrono di Granada.

http://www.famigliacristiana.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/03/2019 da in ITALIANO, Santo della settimana.

  • 318.743 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 722 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: