COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Continua la guerra della croce: “La croce è razzista, offende i migranti”

Continua la “guerra della croce”
Arrestate 36 persone per aver innalzato il simbolo precedentemente divelto dopo le polemiche: “Offende i migranti”

 


continua-la-guerra-della-croce

Croce sull’isola di Lesbo: prima distrutta, poi reinnalzata

Federico Cenci
8 marzo 2019
http://www.interris.it

Avevano eretto un’enorme croce vicino alla spiaggia di Mitilene, a Lesbo. L’iniziativa è costata cara a trentasei persone, trentacinque greci e un albanese, arrestate domenica 3 marzo e rilasciate il giorno successivo in attesa di venire processati in una data ancora da stabilirsi. L’accusa nei loro confronti è di occupazione abusiva di suolo pubblico e disobbedienza, in quanto il luogo in cui è stata innalzata la croce è parte del sito archeologico di Mitilene.

Il fatto

La vicenda ebbe anche una discreta eco internazionale. La grande croce in cemento era stata costruita a inizio settembre su una roccia a picco sul mare sotto il castello di Mitilene. Dopo poco più di un mese, tuttavia, fu abbattuta. Gli autori del blitz non si conoscono, mentre è nitida l’indignazione che il simbolo cristiano aveva provocato nei confronti di alcune ong. In particolare una, chiamata “Coesistenza e comunicazione nell’Egeo”, secondo Lesvos news, avrebbe manifestato contro la presenza della croce. Ma non era stata l’unica organizzazione a protestare: una delle organizzazioni che accoglie immigrati sull’isola (che attualmente sono oltre 6.500) aveva chiesto al sindaco di rimuoverla perché avrebbe infastidito i musulmani presenti a Lesbo. Tuttavia, c’è stato chi si è opposto all’idea di vedere un simbolo cristiano (presente anche sulla bandiera greca) distrutto proprio in un luogo simbolico, un’ideale porta d’accesso nel Paese da parte di genti di altre culture: così qualche giorno dopo la distruzione, un gruppo di persone aveva rimesso in piedi la croce, poggiandola su delle grosse pietre capaci di reggerla.

“Se abbattono la croce, la reinnalzeremo”

Le autorità hanno però provveduto ad avviare un’indagine per individuare gli autori del ripristino del simbolo cristiano fino a trovarli e processarli. “Sembra che abbiamo disturbato molte persone. L’accusa che ci muovono è ridicola. Se abbattono [la croce], la reinnalzeremo. Devono capire che questa è la nostra terra, questa è la nostra religione e questo è il suo simbolo”, ha detto uno degli arrestati, come riferisce Euronews. Il gruppo, che l’ha “rimessa in piedi” nella notte, portava con sé una grande bandiera greca. Sulla vicenda era intervenuto anche il ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini, rilanciando su Twitter un articolo di In Terris, per evidenziare che “una società che offende le proprie radici è una società SENZA FUTURO”. Il capo del Viminale aveva auspicato che gli abitanti del luogo potessero rimettere in piedi “questa spledida croce a picco sul mare”

Notizia precedente

“La croce è razzista, offende i migranti”. Abbattuta
Una ong ne aveva chiesto la rimozione alle autorità perché infastidirebbe i musulmani accolti nell’isola

Federico Cenci
13 ottobre 2018
http://www.interris.it

La Grecia perde i pezzi. Questo prestigioso tassello d’Europa ha perso negli anni scorsi quel che rimaneva della propria sovranità, ha perso parte della sua coesione sociale a causa della crisi, ma rischia di perdere anche il suo patrimonio religioso e identitario. In nome dell’accoglienza a tutti i costi, della società del meltin’ pot, c’è chi ha chiesto la rimozione di una croce e chi ha fatto seguire alle parole i fatti, abbattendola.


img800-la-croce--razzista--offende-i-migranti--abbattuta-139135

Croce divelta a Lesbo

“La croce infastidisce i musulmani”

Il fatto è avvenuto a Lesbo, dove un’enorme croce in cemento, costruita a inizio settembre su una roccia a picco sul mare sotto il castello di Mitilene, è stata distrutta la notte del 7 ottobre. Come riferisce Tempi, non si conoscono gli autori del crimine, anche se ci sono alcune ipotesi sulle motivazioni. Il riferimento è alla protesta che l’ong “Coesistenza e comunicazione nell’Egeo”, secondo Lesvos news, avrebbe manifestato nei confronti del simbolo cristiano. Una delle organizzazioni che accoglie immigrati sull’isola (che attualmente sono oltre 6.500) aveva chiesto al sindaco di rimuoverla perché avrebbe infastidito i musulmani presenti a Lesbo.

“Simbolo religioso inappropriato”

Si legge nella lettera, come riporta Tempi: “Il crocifisso è stato eretto per impedire ai migranti e rifugiati di venire qui a nuotare. Questo atto è illegale e offensivo soprattutto verso il simbolo della cristianità, che è un simbolo di amore e sacrificio, non razzismo e intolleranza”. Ma nella missiva si dimentica che è anche un simbolo di identità, specie in Grecia, la cui prima versione della bandiera, croce bianca su sfondo azzurro, fu tessuta, benedetta e issata nel 1807 dai monaci del monastero Evangelistria, sull’isola di Skiathos, dove si erano rifugiati molti eroi rivoluzionari che stavano combattendo per liberare il popolo ellenico, cristiano, dal giogo ottomano. La la lettera della ong si conclude comunque così: “Si sbarazzi di questo simbolo religioso inappropriato in un luogo dove la gente nuota”. L’atto di teppismo non ha però lasciato indifferenti gli abitanti del posto, i quali – si legge su Ta Nea – hanno promesso che sono pronti a ricostruirla. Nessun commento è giunto, invece, da parte della autorità locali e nemmeno da parte dell’ong che aveva mostrato insofferenza verso il simbolo cristiano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 09/03/2019 da in Attualità sociale, Dialogo Interreligioso, ITALIANO.
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Categorie

Traduci – Translate

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: