COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Papa Francesco in Marocco, nuovo abbraccio di pace con l’islam

In continuità con il percorso partito ad Abu Dhabi negli Emirati Arabi, il Papa fa scalo in un altro Paese a maggioranza islamica. «Vengo come pellegrino di pace»


Rabat

L’interno della Cattedrale di Rabat dove domenica il Papa incontrerà il clero (Ap)

MAROCCO – “I marocchini vedranno il volto di Cristo nei fedeli”: i cristiani in attesa di Papa Francesco

Fès (Agenzia Fides) – “Le parrocchie delle due diocesi di Tangeri e di Rabat stanno vivendo con trepidazione e grande gioia la prossima venuta di Papa Francesco. Buona parte della popolazione vive con simpatia questo evento. Il ‘Baba’ di Roma è ben conosciuto e stimato come uomo di dialogo e di pace”: lo dice all’Agenzia Fides padre Matteo Revelli, sacerdote della Società per le Missioni Africane (SMA) e parroco di S. Francesco di Assisi a Fès.

“Giorni fa – continua il sacerdote – la televisione nazionale ha realizzato un’intervista alle associazioni marocchine che hanno sede all’interno dei locali della nostra parrocchia. Hanno voluto mettere in risalto che la chiesa non è un luogo chiuso riservato ai cristiani e al culto, ma vuole essere anche un luogo di incontro, apertura e dialogo. I nostri giovani cristiani e i giovani marocchini che fanno parte di queste associazioni condividono spazi attigui, senza particolari problemi fra di loro”.
P. Revelli spiega: “Per le giornate del 30 e 31 marzo, abbiamo organizzato un gruppo di 130 studenti che andranno a Rabat. L’autobus del sabato è riservato ai coristi e a quanti fanno parte dell’Associazione Studenti Africani in Marocco (AECAM). Gli studenti cattolici di Fès provengono da una trentina di paesi sub-sahariani. Alcuni di loro sono già battezzati nei loro paesi, altri sono ‘nominalmente cattolici’. Vedere tanti studenti che, in un contesto come il Marocco dove l’Islam è vissuto sovente con impegno, si sentono spinti a prendere sul serio la loro fede che avevano lasciato un po’ sopita rappresenta un fatto positivo. Si rivive oggi quella stessa esperienza che fece Charles de Foucauld, mentre esplorava il Marocco: vedendo l’impegno di preghiera e di digiuno dei musulmani durante il mese di Ramadan, egli decise di approfondire quella sua fede che aveva abbandonato”.

“Quattrocentocinquanta cattolici ‘dispersi’ geograficamente nella città di Fès, su circa un milione e mezzo di musulmani, può sembrare una presenza irrisoria, invece è ben reale e importante, perché permette ai nostri amici marocchini di vedere il volto di Cristo, non scritto in un libro Sacro, ma vissuto nella coerenza d vita di un cristiano”, insiste il missionario.

Attualmente in Marocco ci sono 3 sacerdoti SMA, provenienti da tre diverse province: padre Gilbert Bonouvrié dai Paesi Bassi, impegnato nel lavoro pastorale ad Agadir; padre Wladyslaw Penkala dalla Polonia, presente a Eljadida; p. Matteo Revelli, italiano, da 13 anni nell’animazione pastorale della parrocchia di Fès.

“La comunità cattolica di Fès in questi anni è cresciuta e consolidata in alcune sue strutture, pur sempre molto provvisorie, perché poggiano su persone che arrivano e partono in media ogni 3 anni, una volta terminati gli studi”, spiega p. Revelli. “In una parrocchia che ogni anno riceve circa 80 nuovi studenti provenienti da 20 paesi, non è facile fare capire in fretta quali sono le specificità dell’essere cristiani in Marocco, ed accoglier proposte pastorali diverse da quelle delle loro parrocchie di origine. La comunità degli studenti dà prova di dinamismo, di coesione, e questo pluralismo etnico e culturali è sempre una sfida, in tutte le attività pastorali”.

(MR/AP) (29/3/2019 Agenza Fides

Programma del viaggio

Sabato, 30 marzo 2019

ROMA- RABAT

10.45 Partenza in aereo da Roma/Fiumicino per Rabat
14.00 Arrivo all’aeroporto internazionale di Rabat-Salé
Accoglienza ufficiale
14:40 Cerimonia di benvenuto sulla Esplanade de la Tour Hassan
15:00 Incontro con il Popolo Marocchino, con le Autorità, con la Società Civile e con il Corpo Diplomatico sulla Esplanade de la Tour Hassan
16:00 Visita al Mausoleo Mohammed V
16:25 Visita di cortesia al Re Mohammed VI nel Palazzo Reale
17:10 Visita all’Istituto Mohammed VI degli Imam, Predicatori e Predicatrici
18:10 Incontro con i migranti nella sede della Caritas diocesana di Rabat

Domenica, 31 marzo 2019

RABAT- ROMA

9:30 Visita privata al Centre Rural des Services Sociaux di Témara
10:35 Incontro con i Sacerdoti, Religiosi, Consacrati e il Consiglio Ecumenico delle Chiese nella Cattedrale di Rabat
Angelus
12:00 Pranzo con alcuni membri del Seguito Papale e i Vescovi del Marocco
14:45 Santa Messa nel Complesso Sportivo Principe Moulay Abdellah
17:00 Cerimonia di congedo all’Aeroporto Internazionale di Rabat/Salé
17:15 Partenza in aereo per Roma
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/03/2019 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag , , .

  • 329.776 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 738 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: