COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Il Papa in Bulgaria (1) Ponte fra Est e Ovest, sia terra d’incontro


Bulgaria e Macedonia del Nord

Domenica 5 maggio

ROMA-SOFIA

  • 7:00 Partenza da Roma per Sofia – Incontro con i giornalisti durante il volo
  • 10:00 Arrivo all’aeroporto di Sofia – Accoglienza ufficiale
    10:10 Incontro con il Primo Ministro nella Governmental Lounge dell’Aeroporto
    10:40 Cerimonia di benvenuto nella piazza antistante il Palazzo Presidenziale
    11:00 Visita di cortesia al Presidente della Repubblica nel Palazzo Presidenziale
  • 11:30 Incontro con le Autorità, con la Società Civile e con il Corpo Diplomatico
  • 12:00 Visita al Patriarca e al Santo Sinodo
    12:50 Preghiera in silenzio davanti al trono dei Santi Cirillo e Metodio nella Cattedrale Patriarcale di San Alexander Nevsky
  • 13:00 Regina Coeli sulla Piazza di San Alexander Nevsky
  • 16:45 Santa Messa nella Piazza Knyaz Alexandar I

Papa in Bulgaria, ponte Est-Ovest:
non sia indifferente a chi bussa ai confini

Il primo giorno del viaggio di papa Francesco in Bulgaria e Macedonia del Nord. Il discorso alle autorità, poi l’incontro con la Chiesa ortodossa, sulla scia di papa Wojtyla.

Gianni Cardinale,
Avvenire, inviato in Bulgaria
domenica 5 maggio 2019

Il Papa in cattedrale prega i Santi Cirillo e Metodio

Il Papa in cattedrale prega i Santi Cirillo e Metodio

La Bulgaria è un Paese “ponte fra est e ovest”, capace di “favorire l’incontro tra culture, etnie, civiltà e religioni differenti, che da secoli hanno qui convissuto in pace”. Un Paese che conosce il “dramma dell’emigrazione” – e dell’inverno demografico – e per questo non può “chiudere gli occhi, il cuore e la mano” a chi bussa ai suoi confini per sfuggire “a guerre e conflitti o alla miseria”.

Papa Francesco inizia con questo “suggerimento” il suo 29mo viaggio apostolico. Siamo a Sofia, in piazza Atanas Burov, il Pontefice parla davanti alle autorità civili e diplomatiche. E’ stato accolto in aeroporto dal premier Boyko Borisov e ha avuto un incontro privato nel palazzo presidenziale con il capo dello stato, Rumen Radev. Il cielo è nuvolo ma non piove. Non ci sono grandi folle, ma i fedeli della Chiesa di Roma qui sono appena l’1 per cento e il bagno di fedeli ci sarà domani, lunedì, a Rakovsky, città in cui la maggioranza della popolazione è cattolica.

Durante il volo il Pontefice saluta, come fa sempre, i giornalisti al seguito. E scambia con loro alcune batture. Ad Eva Fernandez della spagnola Radio Cope che gli chie se visiterà il proprio Paese nel 2021 per i 500 anni della conversione di Sant’Ignazio, dice che “ci penserà”. A Vera Scherbakova di Itar-Tass che gli fa notare che siamo vicini alla Russia risponde con un sorriso: “Devo farci un salto”. A Enzo Romeo del Tg2 che gli dona il suo ultimo libro “Salvare l’Europa”, commenta: “Mi piace questo titolo!”, e con tono scherzoso aggiunge: “Non hanno voluto citare le radici cristiane ma Dio si è ‘vendicato’”.

Nel suo primo discorso in terra bulgara Papa Francesco sottolinea che la sua visita “intende idealmente riallacciarsi” a quella, la prima di un pontefice, realizzata da Giovanni Paolo II nel 2002, e si svolge “nel grato ricordo” della presenza a Sofia di Angelo Giuseppe Roncalli, come visitatore e delegato apostolico, che da papa convocò il Concilio che diede “grande impulso e incisività allo sviluppo dei rapporti ecumenici”. Il Pontefice saluta i leader delle comunità religiose presenti in piazza e ribadisce che “ogni religione” è “chiamata a promuovere armonia e concordia”, e quindi deve aiutare “la crescita di una cultura e di un ambiente permeati dal pieno rispetto per la persona umana e la sua dignità, instaurando vitali collegamenti fra civiltà, sensibilità e tradizioni diverse e rifiutando ogni violenza e coercizione”. In questo modo “si sconfiggeranno coloro che cercano con ogni mezzo di manipolarla e strumentalizzarla”.

Dopo l’incontro con le autorità civili, quello delicato con la Chiesa ortodossa bulgara, storicamente molto rigida nel dialogo ecumenico, tanto da escludere ogni liturgia o preghiera comune con esponenti di altre confessioni cristiane. Al Papa infatti viene concesso esclusivamente di raccogliersi in silenziosa orazione nella cattedrale del Patriarcato, davanti a un’immagine dei Santi Cirillo e Metodio, i grandi evangelizzatori di queste terre, compatroni d’Europa. Nella chiesa intitolata a San Alexander Nevsky il Pontefice è accompagnato solo dal metropolita dell’Europa occidentale e centrale Antonio.

In precedenza papa Francesco ha incontrato il Patriarca Neofit e il Santo Sinodo, presente anche l’ex re Simeone II. Nel suo discorso ha espresso il desiderio che un giorno si possa raggiungere la piena comunione tra le due Chiese. Nel frattempo però ha sottolineato le tre dimensioni che possono accompagnare il cammino verso questa meta:

  • “l’ecumenismo del sangue” con il martirio patito dai cristiani di tutte le confessioni,
  • “l’ecumenismo del povero” con la collaborazione possibile in campo caritativo,
  • “l’ecumenismo della missione” con la sottolineatura della priorità comune di trasmettere la fede alle nuove generazioni che altrimenti saranno tentate “di prestare fiducia alle tante sirene ingannevoli della società dei consumi”.

Terminata la preghiera in silenzio Papa Francesco ha recitato il Regina Coeli davanti ad una piccola folla di fedeli. Evocando di nuovo la figura di Roncalli, a giusto titolo ricordato in queste contrade come “il santo bulgaro”. Nel pomeriggio, dopo il pranzo consumato nella nunziatura apostolica, il Papa presiede la messa in piazza Kniaz Alexandar I. La celebrazione liturgica chiude la prima giornata della visita in Bulgaria. Domani, lunedì, dopo la visita privata al campo profughi “Vrazhdebna”, lo spostamento a Rakovsky, vicino Plovdiv, dove sono concentrati buona parte dei circa 70mila cattolici bulgari, con la celebrazione liturgica in cui prenderanno la prima comunione più di 200 bambini.

PROGRAMMA DEL  VIAGGIO DEL PAPA
IN BULGARIA E MACEDONIA DEL NORD
5-7 MAGGIO 2019

Domenica 5 maggio

ROMA-SOFIA

  • 7:00 Partenza da Roma per Sofia – Incontro con i giornalisti durante il volo
  • 10:00 Arrivo all’aeroporto di Sofia – Accoglienza ufficiale
    10:10 Incontro con il Primo Ministro nella Governmental Lounge dell’Aeroporto
    10:40 Cerimonia di benvenuto nella piazza antistante il Palazzo Presidenziale
    11:00 Visita di cortesia al Presidente della Repubblica nel Palazzo Presidenziale
  • 11:30 Incontro con le Autorità, con la Società Civile e con il Corpo Diplomatico
  • 12:00 Visita al Patriarca e al Santo Sinodo
    12:50 Preghiera in silenzio davanti al trono dei Santi Cirillo e Metodio nella Cattedrale Patriarcale di San Alexander Nevsky
  • 13:00 Regina Coeli sulla Piazza di San Alexander Nevsky
  • 16:45 Santa Messa nella Piazza Knyaz Alexandar I

Lunedì, 6 maggio 2019

SOFIA-RAKOVSKY-SOFIA

  • 8:30 Visita in privato ad un campo profughi
    9:30 Partenza in aereo per Rakovsky
  • 11:15 Santa Messa nella Chiesa del Sacro Cuore di Rakovsky
    13:00 Pranzo con i Vescovi della Bulgaria nel Convento delle Suore Francescane
    15:30 Incontro con la Comunità Cattolica nella Chiesa di San Michele Arcangelo
  • 17:15 Partenza in aereo per Sofia
    18:15 Incontro per la Pace presieduto dal Santo Padre alla presenza degli esponenti delle varie confessioni religiose in Bulgaria in Piazza Nezavisimost a Sofia

Martedì, 7 maggio 2019

SOFIA-SKOPJE-ROMA

  • 8:20 Partenza in aereo dall’Aeroporto di Sofia per Skopje
    8:15 Arrivo all’Aeroporto di Skopje – Accoglienza ufficiale
    9:00 Cerimonia di benvenuto nel Cortile del Palazzo Presidenziale
    9:15 Visita di cortesia al Presidente nel Palazzo Presidenziale
    9:30 Incontro con il Primo Ministro nel Palazzo Presidenziale
    9:45 Incontro con le Autorità, con la Società Civile e con il Corpo Diplomatico
  • 10:20 Visita al Memoriale Madre Teresa alla presenza dei Leader Religiosi e incontro con i poveri
  • 11:30 Santa Messa nella Piazza Macedonia
    13:30 Pranzo con il Seguito Papale
  • 16:00 Incontro Ecumenico e Interreligioso con i giovani nel Centro Pastorale
    17:00 Incontro con sacerdoti, le loro famiglie e religiosi nella Cattedrale
  • 18:15 Cerimonia di congedo all’Aeroporto di Skopje e partenza per Roma
    20:30 Arrivo all’Aeroporto di Roma/Ciampino
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/05/2019 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag , , .

  • 318.640 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 722 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: