COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Lectio sul Vangelo di Giovanni – Fausti (capitoli 10-12)

Lectio sul Vangelo di Giovanni
Capitoli 10-11-12
Silvano Fausti


Buon Pastore

Testo word Fausti – Giovanni Cap. 10-12
Testo  pdf   Fausti – Giovanni Cap. 10-12

IO-SONO LA PORTA, IO-SONO IL PASTORE
10,1 – 21

“Io-Sono la porta, Io-Sono il pastore”, dice Gesù a quei farisei ciechi (9,40s) che pretendono di essere le guide del popolo. Si rivolge a loro per illuminarli sulla loro cecità, facendo vedere la bruttezza di ciò che seguono e fanno seguire.

Egli si proclama la porta attraverso cui si entra nella vita, il pastore che conduce verso la libertà. È infatti il Figlio, venuto a condurre i fratelli fuori dalle tenebre e dalla morte. I farisei, che stanno davanti a lui dopo la guarigione del cieco nato, sono falsi pastori, che opprimono e sfruttano il gregge dei loro fedeli, perseguitando chi è uscito dal loro controllo.

A noi oggi non piace l’immagine dell’“uomo pecora” che segua un pastore. A differenza dell’animale, programmato dall’istinto, l’uomo è libero. Non necessitato dai propri bisogni, è mosso dal desiderio di ciò che ritiene essere meglio per lui. Di sua natura l’uomo è cultura, aperto a un cammino e un progresso sempre maggiori. Ma la cultura nasce e cresce secondo degli ideali che si propongono, o impongono, da imitare: è un’imitazione dei desideri dell’altro. Oggi, coi mass-media, questo meccanismo, ancor più oleato ed efficiente, lascia spazi sempre minori alla libertà. I nostri modelli culturali, incarnati da persone concrete che li rappresentano, sono i pastori, i capi che seguiamo. Il modello è da seguire e raggiungere, eventualmente da superare, in un crescendo di competizione e rivalità, prima con gli altri e poi con il capo stesso. Si tratta di una sudditanza inquieta che genera lotta e violenza, tenuta a bada da regole, perché non ci si distrugga a vicenda. La legge è dettata dal più forte, che si impone perché può eliminare chi si oppone. Il risultato è che siamo sudditi del modello-pastore vincente, che è sempre quello in grado esercitare maggiore violenza. Chi si ribella è perdente, emarginato o ucciso, a meno che sia tanto forte da prenderne il posto. È la legge della giungla: l’uomo è un lupo per l’altro uomo e domina chi può nuocere di più, a spese dell’innocente (cf. Gdc 9,7-15).

Di questo sistema oppressivo non si accorge chi sta in alto, ma chi sta in basso e ne fa le spese. La violenza è un coltello: chi sta dalla parte del manico, non sente alcun male, a differenza di chi sta dalla parte della lama. Ma anche questi pensa di essere felice se riesce a impugnare il manico. Ne nasce un mondo di carnefici e vittime, nel quale giochiamo tutti al medesimo gioco: seguiamo ciecamente lo stesso pastore, che presto o tardi ci beffa tutti. In questo modo la violenza aumenta e aumenterà a dismisura, fino a quando le spade non si trasformeranno in vomeri e le lance in falci (Is 2,4). Ciò è possibile nella storia dell’umanità quando anche i potenti si scoprono vulnerabili come tutti; allora anch’essi “conoscono l’affanno dei mortali”, perché “sono colpiti come gli altri” (Sal 73,5). In questo modo cade la maschera che li inganna e possono scoprire quanto è indesiderabile e brutto ciò che ritengono bello e desiderabile. Ma, fino a quando non si sperimenta sulla propria pelle quanto sia male ciò cui si aspira come a sommo bene, tutto continuerà come prima: “L’uomo nella prosperità non comprende, è come gli animali che periscono”; suo pastore è la morte: è condotto agli inferi, dove prima ha condotto gli altri (cf. Sal 49,13.15.21). Chissà che ciò non avvenga presto, costatando quanto è debole l’onnipotenza della tecnologia: è un colosso dai piedi d’argilla, tanto affascinante e tremendo quanto fragile (cf. Dn 2,31-35). Forse oggi, per la prima volta nella storia, se apriamo gli occhi e superiamo il complesso dello spettatore, televisivo o meno, vediamo che è vero quanto dice Gesù a proposito dei galilei trucidati da Pilato e del crollo della torre di Siloe: “Se non vi convertite, tutti allo stesso modo perirete ” (Lc 13,3.5).

Gesù propone un modello alternativo, che fa uscire da questo gioco di morte: offre all’uomo di realizzare la sua umanità, chiamandolo a diventare come Dio. Propone infatti di imitare non i desideri dell’altro – con i conflitti che ne derivano –, bensì quelli del Padre, che non è rivale di nessuno, ma principio di vita e libertà per tutti. Facendo come lui diventiamo figli, adulti e uguali a lui, come da sempre abbiamo desiderato. L’inganno originario è stato quello di pensare Dio come nostro antagonista e di averlo preso come modello, rendendoci impossibile la vita. Come può vivere uno, se gli è contro suo padre? Sarà contro di lui, contro di sé e contro gli altri, diventando simile al padre che detesta.

Gesù si presenta come il Figlio che conosce l’amore del Padre e ha i suoi stessi desideri: comunicare vita e libertà ai fratelli. Per questo si propone come il pastore “bello”, vero, in contrapposizione al pastore brutto e falso, del quale siamo succubi. Seguendo lui, diventiamo ciò che siamo: figli del Padre e fratelli tra di noi. Solo così usciamo dalla tenebra e veniamo alla luce della verità, che ci rende liberi. A una cultura di competitività, rivalità e violenza, subentra una cultura di fraternità, solidarietà e amore. Finalmente una vita bella, vivibile, “da Dio”: felicità e grazia ci saranno compagne tutti i giorni della nostra vita e abiteremo nella casa dei nostri desideri (cf. Sal 23).

Gesù pastore ci libera dal “brigantaggio” che governa i nostri rapporti, con il dominio del più violento di turno. In realtà colui che prendiamo come modello non è che un pastore di morte, la cui fine è scontata sin dall’inizio: è la vittima designata dal gioco stesso che sta giocando, quando arriva un bandito più nocivo di lui.

Se nel c. 9 si parlava di luce che apre gli occhi su una realtà nuova, quella del Figlio, ora si parla del pastore-modello che guida verso un nuovo tipo di vita. L’accostamento è suggerito anche dal libro di Enoch (composto prima del 164 a. C.), che presenta la storia di Israele come quella di un gregge alle prese con i lupi: purtroppo i montoni alla guida del gregge sono ciechi, sino a quando viene il pastore che ridà loro la vista. “Vedere” la realtà è necessario per vivere senza farsi troppo male. Per salire rapidamente una scala al buio, non è bene spiccare un poderoso balzo verso la rampa che scende!

Il discorso di Gesù è una polemica con i capi del popolo, che per l’ex cieco non sono più il modello da seguire. Gesù qui mostra la diversità tra il suo ed il loro modo di agire: lui libera, dà luce e vita, essi invece opprimono, depredano e tengono schiavo il gregge.

Sullo sfondo del discorso c’è un’immagine familiare in Palestina. Il rapporto particolare che c’è tra gregge e pastore è figura di quello tra re e popolo, simile a quello tra Dio e i suoi fedeli. È l’antica figura del re pastore, di Dio stesso come pastore (cf. Sal 23; Is 40,11).

Abramo e i patriarchi erano pastori; Mosè, Giosuè e Davide sono chiamati pastori del popolo, guidato da loro in nome di Dio. La vita del pastore dipende dalle sue pecore e quella delle pecore dal loro pastore. Senza di lui esse sono in balia di fiere e predoni, senza alcuno che le conduca ai pascoli e alle acque.

I profeti hanno parlato spesso dei capi del popolo come di pastori cattivi e infedeli. Sono dei lupi, che usano i noti metodi della favola sul lupo e l’agnello. La promessa dei profeti mantiene viva l’attesa di veri pastori, anzi di Dio stesso come pastore (cf. Ger 23,1-6; Zc 11,4-17; Ez 34,1ss; Sal 23). Gesù si presenta come il vero pastore, che conosce e fa il suo lavoro in favore delle pecore: mentre gli altri le fanno morire, lui dà loro la vita, la sua stessa vita di Figlio.

il discorso si presenta come una progressiva rivelazione di Gesù e della sua opera di Figlio per i fratelli.

Si può articolare il testo in due parti diseguali, ognuna delle quali contiene le parole di Gesù e le reazioni di chi ascolta.

La prima parte (vv. 1-6) è un racconto simbolico, in cui si contrappone il pastore e il ladro. Il primo entra dalla porta, riconosciuto dal guardiano e dalle pecore che conoscono la sua voce; le chiama per nome, le “espelle” dal recinto e cammina davanti ad esse, che lo seguono. Il secondo evita la porta e sale da un’altra parte; ma le pecore non riconoscono la sua voce e non lo seguono, anzi, fuggono da lui. Si sottolinea che gli ascoltatori non capiscono. Infatti sono ciechi che credono di vedere (9,41); neppure ammettono che ci sia altro modo di agire rispetto al loro. Per chi invece, come il cieco nato, è illuminato, il racconto è chiaro.

Nel recinto le pecore sono custodite di notte. Con Gesù, luce del mondo (8,12), è venuto il giorno (cf. 11,9s). Di giorno le pecore restano nell’ovile per essere munte e tosate, vendute o macellate; comunque languiscono e muoiono di fame e di sete. In altre parole: i capi tengono il popolo al chiuso, spogliato dei suoi beni e ucciso nella sua libertà. Si comportano da briganti, non da rappresentanti dell’unico pastore. Hanno ridotto il tempio stesso a luogo di mercato (cf. 2,16). Gesù, il pastore vero, è venuto a salvare i fratelli da questa schiavitù, dando inizio ad un nuovo esodo; li “espelle” dal recinto del tempio e, camminando innanzi a loro, come jHWH nel primo esodo, li conduce ai pascoli della vita. L’azione dei capi, che hanno “espulso” il cieco guarito (9,34), diventa, per ironia divina, la stessa del Signore che “espelle” le “sue” pecore fuori dalle loro mani. Quest’espulsione è un atto di nascita, come quello di Israele dall’Egitto.

C’è un’orribile schiavitù, la peggiore, che è quella ideologica e religiosa (probabilmente è la stessa cosa, che cambia solo abito). Ogni religione e ideologia che non rispetta l’uomo, perfino nella sua libertà di sbagliare, è anche contro Dio, soprattutto quando lo fa in suo nome. In ogni dialogo religioso la vera domanda teologica da porsi è “antropologica”: mortifica o vivifica l’uomo? Il rispetto che si ha per l’uomo corrisponde alla verità o meno dell’immagine che si ha di Dio. Infatti accettare Dio, l’Altro, significa in concreto accettare l’alterità di ogni altro. In nome di Dio quali intolleranze e abomini contro l’umanità, soprattutto contro la donna che, in una cultura maschilista, è il primo “altro”, rimosso e negato! Maschio e femmina sono l’alterità originaria. Negarla è togliere all’uomo la sua l’immagine e somiglianza con Dio (Gen 1,27).

Più che l’ateismo, forma antidolatrica di derivazione ebraico-cristiana, oggi il problema è quale Dio si propone: uno che è principio di ogni alterità nell’amore, oppure uno che fagocita ogni altro e riduce tutto a nulla? Giustamente è stato osservato un forte legame, anzi una specularità perfetta, che genera una “guerra santa” bilaterale, tra il “Mac-Mondo” della globalizzazione e il fondamentalismo religioso. Rende davvero un cattivo servizio a Dio e all’uomo chi pensa che Dio e l’uomo siano come pensa lui!

nella seconda parte (vv. 7-22), Gesù passa a un discorso in prima persona, dicendo: “Io-Sono la porta, Io-Sono il pastore bello”. Rivela progressivamente la sua identità, sempre in contrapposizione ai capi, che sono ladri, predoni e mercenari.

Gesù è “la porta delle pecore”: attraverso di lui si accede ai pascoli della vita. In altre parole: ci fa uscire dalla schiavitù della legge alla libertà del Figlio (vv. 7-10). Ci dona infatti la sua vita stessa vita di Figlio, rendendoci partecipi del suo rapporto di conoscenza e di amore con il Padre (vv. 11-15).

Ma il Figlio non è pastore solo di Israele : è il salvatore del mondo (4,42). Il Signore non vuole fare un unico recinto in cui chiudere tutti come schiavi. Vuole invece tirar fuori gli uomini da ogni ovile per fare di tutti un popolo libero, abbattendo ogni steccato e inimicizia (cf. Ef 1,3ss; 2,14-18). Come Israele, così anche gli altri uomini saranno da lui portati alla libertà. Il nuovo popolo è composto da persone libere, al di là di ogni recinzione religiosa e culturale (v. 16). Il Padre ama Gesù, perché è il Figlio che fa dono della sua vita ai fratelli. Questo è il potere, libero e liberante, del Figlio, “il comando” ricevuto dal Padre (vv. 17-18): quello dell’amore.

Davanti alla sua rivelazione c’è, come sempre, una duplice reazione: gli uni lo dichiarano pazzo delirante, gli altri lo difendono come uno che apre gli occhi ai ciechi (vv. 19-21). È la duplice reazione che avviene anche tra noi e dentro di noi che ascoltiamo.

In questo capitolo la Parola vuol operare, nei capi che ascoltano e in noi che leggiamo, la stessa illuminazione del cieco: intende cambiare il falso modello di uomo che ci tiene schiavi della menzogna e della morte.

Gesù è pastore in quanto “agnello di Dio”, che con la sua mitezza vince la violenza dei fratelli. Egli ci libera dai capi che ci tiranneggiano, e per di più con il nostro consenso. Infatti seguiamo tutti il loro falso modello e ci riconosciamo in loro, invece di considerarli come dei malati di cui avere cura. Con lui cessa il sistema di violenza che, da Adamo e Caino in poi, ha regolato il nostro rapporto con il Padre e i fratelli: inizia il nuovo esodo, verso la libertà del Figlio, che ama come è amato.

La Chiesa non prende come modello da imitare i vari pastori che schiavizzano l’uomo con il potere e la violenza. Segue il pastore bello, che non conosce altro potere che quello di servire, altra violenza che quella di amare, altra ricchezza che quella di donare, altra vittoria che quella di perdonare. La neutralità che la chiesa dimostra nei vari conflitti, e giustamente quando non si tratta di prendere le difese del povero, deve venire solo da qui e non da palesi o occulti opportunismi.

IO E IL PADRE SIAMO UNO
10, 22 – 42

“Io e il Padre siamo uno”, risponde Gesù agli avversari che gli fanno l’interrogatorio. Dopo l’illuminazione di chi è venuto alla luce, c’è il giudizio delle tenebre contro il Figlio dell’uomo, luce del mondo (8,12). Alla fine lo eleveranno sul lucerniere, da dove splenderà in tutto il suo fulgore, facendo conoscere “Io-Sono” (8,28) e attirando tutti a sé (12,32). Anche chi è cieco capisce bene le sue affermazioni e lo accusa: “Tu, essendo uomo, ti fai Dio” (v. 33).

Il processo a Gesù, iniziato nella sua prima venuta nel tempio (2,13ss), condotto avanti nella seconda con la volontà di ucciderlo (5,1-18), sviluppato nella terza in una lunga sezione (7,1-10,21), culmina in questa quarta venuta, in cui si formula il motivo della condanna. La decisione di ucciderlo o di catturarlo non può ancora essere eseguita (vv. 31.39). sarà sentenziata dal sommo sacerdote in 11,50 e richiamata in 18,14, quando Gesù comparirà davanti a lui.

Giovanni mette a questo punto l’interrogatorio sull’identità di Gesù che gli altri vangeli pongono davanti al Sinedrio (cf. Mc 14,53-64p), con particolari assonanze con Lc 22,67-71. Giovanni non riferisce il processo davanti al Sinedrio, perché presenta tutta la vita di Gesù come un processo. Allo stesso modo non racconta la trasfigurazione, perché legge tutto alla luce della trasfigurazione. Il suo vangelo è, dall’inizio alla fine, un processo: il processo dell’uomo che accoglie o rifiuta la Parola che lo fa diventare figlio di Dio. È il dramma dell’uomo; ma anche di Dio, che gli è Padre. Nel giudizio che noi facciamo su Gesù, il Figlio, è dato il giudizio che noi facciamo su noi stessi. L’uccisione, che di lui decretiamo ed eseguiamo, svela quella violenza che è nel nostro cuore, la quale decreta ed esegue la nostra condanna, uccidendoci nella nostra verità di figli e fratelli. La sua uccisione però ci salva. Egli infatti è pastore in quanto agnello che toglie il male del mondo (1,29).

Siamo all’ultimo incontro/scontro tra Gesù e i “giudei”, tra il Figlio e il nostro non volergli essere fratelli. Avviene d’inverno, nella freddezza, anzi nella tempesta che prelude la passione. Il destino di Gesù, già segnato dall’inizio, è voluto e preordinato da lui stesso, che prende l’iniziativa. Anticipando a questo punto i capi d’accusa, l’evangelista mostra con chiarezza il motivo della sua condanna. Il processo è il luogo di testimonianza della verità! La verità di Gesù è il suo essere Cristo e Figlio di Dio, il suo essere Cristo in quanto Figlio di Dio. Sarà ucciso perché presenta un Cristo e un Dio “altro” da quello che noi pensiamo.

Si pensava allora, e si penserà anche in seguito, a Dio e al suo Messia come a qualcuno che si impone su tutti, con una forza capace di vincere ogni potere avverso, compresa la malattia e la morte. Gesù presenta un Dio e un Messia che non corrisponde alle nostre attese e ai nostri timori: è Signore in quanto servo, è pastore in quanto mite agnello, è salvatore in quanto dà la vita. Ci salva mostrando chi è Dio per noi e chi siamo noi per lui: Dio è Padre che ama e noi suoi figli amati nel Figlio, che si fa nostro fratello, nonostante ogni nostra resistenza o rifiuto.

Le nostre idee sul Messia e sulla salvezza sono ambigue come le nostre concezioni di vita e di morte, di Dio e di uomo. Da qui il “segreto messianico”, comune a tutti i vangeli e tematizzato espressamente da Marco. La stessa funzione hanno gli equivoci giovannei. Il Signore infatti compie le sue promesse, non le nostre attese.

Gesù riprende qui delle immagini del brano precedente: le pecore, la conoscenza reciproca, l’unione con il Padre, il dare la vita, il rubare, il non ascoltare la voce, il seguire e ascoltare la voce. Il luogo è ancora il tempio, il tempo è una festa che richiama quella delle Capanne (7,1ss). È infatti la hanukkàh, che celebra la riconsacrazione del nuovo tempio ad opera di Giuda Maccabeo, dopo la profanazione. Gesù passeggia liberamente nel portico di Salomone, che corre lungo la facciata orientale del grande cortile esterno del tempio. Si trova nella casa del Padre suo, che i suoi avversari distruggeranno e che lui rinnoverà dopo tre giorni (cf. 2,13-22). Qui dirà che lui stesso è la casa del Padre, come il Padre è la casa del Figlio (v. 38). Egli infatti è il nuovo tempio, il vero pastore, il Signore stesso che conduce le sue pecore al pascolo della vita, e della vita in abbondanza. Offre, infatti, a tutti di partecipare alla sua vita di Figlio.

Il testo, che inizia nel tempio, termina al di là del Giordano (v. 40), dove Gesù era apparso all’inizio (1,28ss). Qui le folle riconoscono che è vero quanto Giovanni aveva detto di lui (vv. 41s; cf. 1,20-36). Si chiude così il cerchio della sua attività di Figlio, accreditata dal Padre con i segni che ha compiuto. L’evangelista li ha raccontati perché noi crediamo che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio e perché, credendo, abbiamo la vita nel suo nome (20,30s).

Tra la cornice di un tempo e un luogo determinato – festa della Dedicazione e tempio (vv. 22-23) – e di un tempo e luogo indeterminato, dove Gesù dimora ed è riconosciuto (vv. 40-42), c’è il suo processo diviso in due parti (vv. 24-31.32-39), ognuna delle quali sfocia nella volontà omicida degli ascoltatori (vv. 31.39). Le due parti riguardano l’identità di Gesù, rispettivamente come Messia e Figlio di Dio. Siamo al nocciolo della fede cristiana.

La prima parte inizia con una provocazione a Gesù perché dica con chiarezza se è il Messia. Egli risponde che l’ha già detto, ma non vogliono credergli. Le sue opere e parole – il rinnovo dell’alleanza e del tempio (c. 2), la nascita dall’alto (c. 3), il dono dell’acqua viva e della vita (c. 4), la guarigione dalla paralisi (c. 5), il dono della manna (c. 6), dello Spirito (c. 7), della verità che ci fa liberi (c. 8) e della luce (c. 9) – lo mostrano come Messia (vv. 24-31). È lui il pastore, il Signore stesso che viene a prendersi cura del suo popolo (10,1-21).

La seconda parte è una provocazione di Gesù a riconoscerlo come Figlio di Dio (vv. 32-39). Egli apre l’attesa messianica a una prospettiva inaudita: il Messia è il Figlio stesso di Dio, la salvezza che porta è il dono della sua vita. Il sogno di Adamo, diventare come Dio (Gen 3,5), è il dono che Dio vuole fargli. Ma la mano, chiusa nel tentativo di rapirlo, non è in grado di accoglierlo. C’è un crescendo nella storia del male: se il padre Adamo negò il Padre e suo figlio Caino uccise il fratello, i suoi discendenti uccideranno il Figlio che si fa loro fratello. Ciò che suona come bestemmia (v. 33) è la verità di Dio: Dio è amore e Gesù verrà ucciso in quanto Figlio che ama i fratelli con lo stesso amore del Padre.

Gesù testimonia la verità della sua rivelazione attraverso le Scritture e le sue opere, che lo manifestano come Figlio di Dio, che è nel Padre come il Padre è in lui (vv. 34-39). Siamo al culmine della sua rivelazione. A noi accoglierlo o rifiutarlo, ucciderlo o credere in lui.

Gesù è il Cristo e il Figlio di Dio. È Cristo in quanto Figlio: libera la nostra libertà rivelandoci che Dio è Padre amante e noi suoi figli amati. Sarà ucciso perché si proclama Figlio; ma proprio in quanto ucciso, offrendo la vita per noi, rivela la gloria di Dio e salva ogni uomo.

La Chiesa ha come centro della propria fede ciò che per i religiosi è scandalo e bestemmia: un Dio che ama l’uomo, si fa suo simile e gli dona la propria vita.

IO-SONO LA RISURREZIONE E LA VITA:
CHI CREDE IN ME, ANCHE SE MUORE, VIVRÀ

11,1 – 54

“Io-Sono la risurrezione e la vita: chi crede in me, anche se muore, vivrà”, dice Gesù a Marta. Egli infatti è vita e luce, luce che splende nelle tenebre, vita che risveglia dalla morte.

L’ultima opera del Messia è stata l’illuminazione del cieco: ci ha aperto gli occhi sulla realtà, mostrando la verità di Dio e dell’uomo. Ora ci dà la libertà davanti al nostro limite ultimo: la risurrezione di Lazzaro ci apre gli occhi sulla morte, ipoteca di tutta la vita. Guardare negli occhi la morte e scrutarne il mistero, è necessario per vivere. Altrimenti la nostra esistenza rimane una fuga, coatta e inutile, da ciò che sappiamo essere il sicuro punto d’arrivo.

L’uomo è l’unico animale cosciente di morire: sa di essere-per-la-morte. Per questo, di sua natura, è cultura. La cultura infatti è una “macchina di immortalità”; ogni nostro sapere e potere è finalizzato ad affrancarci dalla morte e avere più vita. È una macchina splendida e imponente. Ma anche assurda ed impotente: non potendo vincere, cerchiamo di rinviare e rimuovere, o, nel migliore dei casi, interpretare l’appuntamento ineluttabile. La morte comunque, finché viviamo, ci costringe al suo gioco e ci tiene sempre in scacco, che, presto o tardi, è matto. Salvarci da essa è il desiderio che detta ogni nostra mossa, ma sappiamo già in anticipo che sarà frustrato. Non siamo liberi di perseguire la nostra aspirazione: ci sentiamo incantati e dominati dal Fato, che vanifica ogni nostra opera. Restiamo in attesa che sia reciso il tenue filo che ci tiene sospesi nel vuoto, per ricadere nel nulla, noi e ogni nostra fatica. L’esistenza è una condanna. A pensarci bene, l’unica libertà che abbiamo è quella di chi deve essere giustiziato da un momento all’altro, con la tortura di non sapere quando.

Gesù ci salva non “dalla” morte. È impossibile: siamo mortali. Ci salva invece “nella” morte. Non ci toglie quel limite che ci è necessario per esistere, né la dignità di esserne coscienti; ci offre però di comprenderlo e viverlo in modo nuovo, divino. Ogni nostro limite, compreso l’ultimo, non è la negazione di noi stessi, ma luogo di relazione con gli altri e con l’Altro. Invece di chiuderci in difesa o in attacco, possiamo aprirci alla comunione e realizzarci a immagine di Dio, che è amore.

Gesù non ci offre una ricetta, menzognera, per salvarci dal comune destino; ci fa invece vedere come si può vivere l’amore fino a dare la vita. Questa, come il respiro, non possiamo possederla e trattenerla: morremmo subito. Siamo però liberi di spenderla nell’egoismo o investirla nell’amore, sapendo che: “chi ama la sua vita la perde e chi odia la sua vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna” (12,25). Noi conosciamo una vita che è per la morte; Gesù ci rivela una morte che è per la vita.

Siamo all’ultimo dei “segni”, che rivelano la gloria del Figlio di Dio. Dopo questo racconto seguirà la sua passione, che realizza il significato di tutta la sua azione: Gesù è il Figlio perché comunica la propria vita ai fratelli, e la comunica perché è il Figlio.

Gesù, come Lazzaro e ogni uomo, muore. Egli però ha il potere di offrire la vita e di riceverla di nuovo. Anzi proprio perché la offre, la riceve come Figlio uguale al Padre, datore di vita. Questo è il “comando” ricevuto dal Padre (10,18), che lo costituisce Figlio e lo rende nostro fratello.

Quest’ultimo segno richiama il primo: rivela la gloria del Figlio dell’uomo (vv. 4.40; cf. 2,11!), donata a ogni figlio d’uomo. è quella gloria che apparirà sulla croce: la gloria dell’Unigenito del Padre (1,14b), che dà, a chi lo accoglie, il potere di diventare figli di Dio (1,12).

Gesù, dando la vita a Lazzaro, sarà condannato a morte (v. 53). Chi dona vita, riceve morte; ma, proprio ricevendo morte, dà vita. È il paradosso della croce, ormai all’orizzonte. Essa esprime l’apice sia del male che è nell’uomo, sia del bene che Dio gli vuole: manifesta la “sua gloria”, amore senza limiti, che si fa carico di ogni nostro limite. Nel piano di Dio il nostro male è assunto come luogo in cui egli si rivela pienamente e ci salva.

Ogni segno, che Gesù finora ha compiuto, illumina un singolo aspetto della Parola come vita e luce degli uomini. La risurrezione di Lazzaro, invece, è un segno globale: dare la vita a un morto significa la vittoria sul nemico ultimo dell’uomo (1Cor 15,26). Siamo al culmine del “libro dei segni”.

È vero che Lazzaro morirà ancora. Ma il suo ritorno alla vita indica che la morte non è più padrona dell’uomo ed è segno della risurrezione, che sarà comunione di vita con il Padre della vita. Gesù ci rivela che c’è morte e morte, come c’è vita e vita. C’è una vita morta, propria di chi, schiavo della paura di perderla, si chiude nell’egoismo per trattenerla; e c’è una morte vivificante, intesa come dono della vita, atto supremo di amore.

La risurrezione è credere in Gesù: chi aderisce a lui, già fin d’ora è in comunione con il Figlio e, anche se muore, vivrà (v. 25). Anzi, chi vive e crede in lui, non morrà in eterno (v. 26). Infatti partecipa della vita di Dio, che è amore: “Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla vita, perché amiamo i fratelli: chi non ama rimane nella morte” (1Gv 3,14).

Il ritorno in vita di Lazzaro è segno di ciò che accade alle sorelle Marta e Maria: il fratello esce momentaneamente dal sepolcro, ma per tornarci ancora, mentre le sorelle escono dal villaggio di afflizione e dalla casa di lutto per incontrare, già adesso su questa terra, il Signore della vita. Il vero risorto non è Lazzaro, tornato alla vita mortale, ma le sue sorelle e quanti credono in Gesù, passati alla vita immortale.

In genere nel vangelo di Giovanni c’è un racconto breve del segno, seguito da dialoghi e discorsi che lo illustrano. In quest’ultimo invece, come nel primo compiuto a Cana, parole e gesti si intrecciano con brevi annotazioni dell’evangelista, ottenendo uno svolgimento drammatico di grande efficacia. Questo racconto, come altri, è proprio di Giovanni. La sua struttura è simile all’episodio della figlia di Giairo (cf. Mc 5,22-24.35-43p). troviamo un Lazzaro anche in Luca 16,27-31, dove il ricco epulone chiede che egli risusciti dai morti e sia inviato ai suoi fratelli. Può essere una reminiscenza del fatto narrato da Giovanni, utilizzato da Luca in una parabola. Da Luca conosciamo pure Marta e Maria (Lc 10,38-42).

Probabilmente Giovanni ha liberamente elaborato un evento storico in un racconto teologico, per illustrare che Gesù è risurrezione e vita. Posto alla fine del libro dei segni, dove si anticipa la gloria del Figlio, e prima della passione, dove si realizza, questo racconto mostra anche la causa e l’effetto della croce: Gesù è ucciso perché ci dà la vita, ma, proprio dando la vita, ci libera dalla morte.

Il capitolo si articola in due grandi parti diseguali: Gesù dà la vita (vv. 1-45) e per questo riceve la morte (vv. 46-54). Il protagonista del racconto non è Lazzaro, ma Gesù, nominato 22 volte. Anche i tre fratelli Marta, Maria e Lazzaro sono nominati 22 volte: rispettivamente 8 volte Marta, 8 volte Maria e 6 volte Lazzaro. il tema è la fede in lui, risurrezione e vita. Il racconto, dopo l’antefatto (vv. 1-3), presenta Gesù, con i discepoli (vv. 4-16), con Marta e Maria (vv. 17-37), con Lazzaro (vv. 38-44) e, infine, le opposte reazioni nei confronti di lui, che sempre sta al centro dell’attenzione (vv. 45-53).

Tutti i personaggi sono in movimento: Gesù e i suoi discepoli da oltre il Giordano a Betania, i giudei da Gerusalemme, Marta dal villaggio, Maria da casa e Lazzaro dal sepolcro. Qui tutti si danno convegno, i già e i non ancora morti. La vita è un movimento, che inevitabilmente finisce nel rigore cadaverico della tomba. Lazzaro giace dentro; gli altri per ora stanno fuori. La Parola, che fece uscire dal nulla tutte le cose, nel Figlio dell’uomo si fa ascoltare anche dai morti, facendoli uscire dai sepolcri: è la nuova creazione, l’esodo definitivo dalla morte alla vita (cf. 5,24-29). “Riconoscerete che io sono il Signore, quando aprirò le vostre tombe e vi risusciterò dai vostri sepolcri” (Ez 37,13).

Il messaggio primo del testo è Gesù come risurrezione e vita di quelli che credono in lui. Molti padri hanno visto in Lazzaro, oltre che una prefigurazione di Gesù morto e risorto e della nostra risurrezione futura, anche un simbolo della vita nuova del battezzato, liberato dal peccato, vera morte dell’uomo (cf. Sap 2,24; Gen 3,19; Gb 18,5-21; Pr 11,19; Rm 5,12). Il testo, altamente simbolico ed evocativo, suggerisce varie interpretazioni. La risurrezione di Lazzaro fu chiamata da Pietro Crisologo “il segno dei segni”. Ovviamente ogni singolo dettaglio è significativo, e spesso a vari livelli, come rileveremo nella lettura.

Il superamento della morte è il desiderio più profondo dell’uomo; egli non vuole che il suo essere al mondo abbia come destinazione il nulla. Se ciò che è bello e buono, si tramutasse alla fine nella maschera brutta e cattiva della morte, che senso avrebbe vivere? Se il nulla fosse il fine di tutto, tutto sarebbe assurdo e nulla esisterebbe. Ma il nulla non può essere il fine, perché non può essere il principio della vita che effettivamente c’è. Il fine di ogni realtà corrisponde al suo principio.

Siamo destinati non all’annientamento, ma alla comunione con il Figlio e il Padre. Questo racconto ci presenta il cuore del messaggio cristiano, che risponde al bisogno di felicità e pienezza presente in ogni uomo. Seguendo questo desiderio, si può ragionevolmente aver fede nel Dio della vita e accettarlo. Si può anche rifiutarlo e aver fede nel nulla. Ma irragionevolmente, perché dal nulla non può venire nulla, mentre di fatto esistiamo e abbiamo quell’anelito di vita che ci costituisce uomini. Il rifiuto di Dio e della vita deriva, più che da una sua ragionevolezza, dal nostro modo tragico di concepire la morte, con i disturbi emotivi che ne conseguono. Da questo ci guarisce il presente racconto.

Gesù è risurrezione e vita. La risurrezione è una vita che non ignora la morte; anzi passa attraverso di essa, dandole il suo vero significato.

La Chiesa crede che Gesù è il Figlio di Dio. Egli ha vissuto la sua morte violenta come dono della propria vita ai fratelli: in lui ci è offerta ora la possibilità di essere liberi dalla paura della morte, che ci tiene schiavi nell’egoismo, per vivere come lui nell’amore. Questa è la vita eterna, la vita piena che il Figlio è venuto a portare ai fratelli.

UNSE I PIEDI DI GESÚ
11,55-12,11

“Unse i piedi di Gesù”: Maria unge i piedi di colui che presto laverà i piedi dei suoi discepoli; profuma i piedi del Messia, che il giorno dopo entrerà a Gerusalemme per regnare.

Il racconto, uno dei più sorprendenti e delicati del vangelo, segna l’inizio dell’ultima settimana di Gesù: è il principio della nuova creazione, la luce che illumina ciò che il Signore è venuto a compiere a Gerusalemme. Questa donna è la prima che fa qualcosa per Gesù, il quale se ne compiace: dice che ha fatto “un’opera bella”(cf. Mc 14,6; Mt 26,10). È l’opera bella per eccellenza, che riporta la creazione alla bellezza originaria da cui è scaturita: finalmente una creatura risponde all’amore del suo Creatore! In questo gesto la creazione raggiunge il fine per cui è fatta. Dio è amore amante, presente ovunque è amato. Ciò che da sempre avviene tra Padre e Figlio, ora accade sulla terra, per la prima volta, tra il Signore e questa donna: “Il Signore crea una cosa nuova sulla terra: la donna cingerà l’uomo” (Ger 31,22b).

Il gesto, disapprovato da Giuda, unico discepolo nominato nella scena, è pienamente approvato da Gesù. Solo lui capisce la donna, come solo la donna capisce lui: con la sua passione per lui, lo consacra, quasi lo genera al suo cammino di passione.

La scena inizia e finisce richiamando l’atteggiamento delle folle, per ora favorevoli a Gesù (11,55s; 12,9), opposto a quello dei capi, che vogliono catturarlo e ucciderlo (11,57; 12,10s).

il contesto immediato dell’unzione è il banchetto per la risurrezione di Lazzaro. È la festa per il ritorno alla vita, che si celebra mangiando (cf. Mc 5,43). Ricorda gli incontri dei discepoli con il Risorto (cf. 21,9-14; Lc 24,29-31.41-43): “Ecco, sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me” (Ap 3,20).

In questo banchetto si descrive la vita nuova della comunità, rappresentata dal servizio di Marta e dall’amore di Maria. Servizio e amore saranno il tema della seconda parte del vangelo, la rivelazione della Gloria, di cui la prima parte è segno.

Servizio del prossimo e amore di Dio sono i cieli nuovi e la terra nuova, compimento di ogni promessa (Is 65,17; 66,22; 2Pt 3,13; Ap 21,1). Infatti da questo “noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla vita, perché amiamo i fratelli” (1Gv 3,14), non solo “a parole né con la lingua, ma con i fatti e nella verità” (1Gv 3,18); d’altra parte “da questo conosciamo di amare i figli di Dio: se amiamo Dio e ne osserviamo i comandamenti” (1Gv 5,2). Con la risurrezione di Lazzaro, figura di quella di Gesù, inizia il Regno, caratterizzato dal servizio fraterno, risposta d’amore a colui che per primo si è fatto servo.

Il servizio di Marta è solo menzionato, il gesto di Maria invece è posto in particolare rilievo. Certamente esprime riconoscenza per la restituzione del fratello alla vita. Ma ciò non spiega perché Maria abbia fatto “questo” gesto, il cui significato è tanto grande da essere dichiarato da Gesù come prefigurazione del suo mistero. Si tratta di un atto d’amore gratuito, esagerato fino allo spreco, che riconosce in lui il Messia, il Figlio di Dio, che viene a dare la vita per i fratelli. Gesù connette direttamente questa unzione con la propria morte. Si tratta però di un preannuncio implicito della sua risurrezione: Maria infatti unge il Vivente, non un corpo morto, come invece farà Nicodemo (19,39s).

Il vero protagonista del racconto è il profumo, che di sua natura si dona, diffondendo piacere e gioia. È simbolo del Dio amore, che non può non amare e non comunicarsi a tutti. Ma di amore dato non si vive: si può solo morire. Chi ama dà la vita e vive solo se è corrisposto. Dio è amore, pienamente amante e amato nella Trinità; sulla terra effonde il suo profumo e vive ovunque è amato. Dove c’è amore, lì c’è Dio.

Il gesto di Maria è il principio della creazione nuova, che inizia quando la sposa risponde allo Sposo, che la ama di amore eterno (cf. Ger 31,3). In questa donna Dio trova ciò che da sempre cerca: essere amato da chi ama. Ciò che Maria fa, anticipa non solo ciò che Gesù farà tra poco, ma anche ciò che la Parola, alla fine del vangelo, compirà in chi l’ascolta.

Questo racconto chiude la prima parte del vangelo e apre alla seconda. Siamo a sei giorni dalla terza Pasqua, l’ultima delle sei feste menzionate nel vangelo di Giovanni. La Pasqua “dei giudei”, in cui il popolo sacrifica l’agnello a Dio, diventerà la Pasqua del Signore, con il sacrificio dell’agnello di Dio (19,28-30), che muore per la salvezza di tutti (11,51s). Con l’unzione di Betania comincia il racconto degli ultimi sei giorni di Gesù, che richiama i sei iniziali (1,19-2,12). I primi sei terminavano con le nozze di Cana e l’annuncio dell’“ora”; gli ultimi sei, in cui viene l’“ora”, cominciano con questa scena nuziale a Betania. Il settimo giorno, vuoto, sarà il riposo della tomba e cederà il posto all’ottavo giorno, senza tramonto, che inizierà, a sua volta, con la scena nuziale di Maria, che finalmente abbraccia colui che ha cercato (20,1-18).

Sei è il numero dell’uomo, creato al sesto giorno. È però anche il numero del Figlio dell’uomo, con i sei giorni iniziali e finali, le sei feste e l’ora sesta della sesta festa, nella quale l’agnello è condotto al macello. La creazione dell’uomo si compie nel Figlio dell’uomo, nella sua Pasqua: il suo sangue lo libera per il nuovo esodo, la nuova alleanza e la nuova festa. Questa ormai non sarà più al settimo giorno, ultimo della settimana, ma al primo dopo il sabato: la domenica, il giorno del Signore, inizio del tempo nuovo. Se il numero sei indica incompiutezza e il sette compimento, l’otto è l’inizio oltre il compimento.

Il testo si articola in tre parti. La prima (11,55-57) espone le diverse attese nei confronti di Gesù: c’è chi l’attende per la festa, chi per ucciderlo. La seconda (12,1-8) è la celebrazione del dono della vita, con il banchetto e l’unzione. La terza (12,9-11) descrive l’accorrere delle folle per vedere Gesù e Lazzaro, con la successiva decisione dei capi di eliminare ambedue. Chi non aderisce alla festa per il dono della vita, si mette dalla parte di chi uccide.

Gesù è lo Sposo, il cui nome è “profumo effuso”. Tra sei giorni sarà spezzato il vaso del suo corpo e ne uscirà la gloria di Dio, la cui fragranza si espanderà per il mondo intero.

La Chiesa è rappresentata da Maria, la sposa, che risponde all’amore dello Sposo.

IL TUO RE VIENE SEDUTO SU UN PULEDRO D’ASINA
12,12-19

“Il tuo re viene, seduto su un puledro d’asina”. Queste parole annunciano la venuta del Messia (cf. Sof 3,14; Zc 9,9). I discepoli vedono realizzarsi sotto i loro occhi la grande promessa; ma non la capiscono, anche se i profeti l’hanno predetta. La Scrittura e gli avvenimenti della vita di Gesù, che ne sono il compimento, saranno capiti solo dopo la sua glorificazione, ormai prossima.

Gesù è il re, l’unto del Signore che viene. Viene verso la sua città, portando su di sé il profumo con il quale Maria l’ha consacrato il giorno prima a Betania. Le folle gli vengono incontro, lo acclamano e lo seguono per le opere che ha compiuto, ultima delle quali è il dono della vita a Lazzaro. Già prima, quando aveva dato il pane, volevano farlo re (6,15). Gesù è capace di garantire il cibo per vivere e di far vivere chi muore. Cosa si vuole di più dal Messia, da Dio stesso?

Le folle gli vanno incontro come a un re che viene in visita: portano rami di palma, segno di vittoria. Lo acclamano re di Israele, colui che viene nel nome del Signore, per liberare il popolo dall’oppressione mortale in cui si trova (Sal 118,26). Finalmente viene l’atteso discendente di Davide (cf. 2Sam 7,8-16), che trionferà dei nemici (cf. Sal 2) e regnerà per sempre. La sorpresa, anzi lo scandalo, sarà vedere che il Signore farà testata d’angolo proprio la pietra che i costruttori hanno scartato, come dice lo stesso salmo con il quale acclamano Gesù (Sal 118,22).

Il titolo di re appare sedici volte in Giovanni, di cui dodici nella passione. Re è innanzi tutto il Signore, del quale non bisogna farsi immagini, perché l’unica immagine a sua somiglianza è l’uomo che ne ascolta la parola. L’uomo però, fin dall’inizio, non ha ascoltato la sua parola e si è fatto molte immagini di Dio, riducendolo a propria somiglianza. Fare Dio simile a noi, invece di fare noi simili a lui, è l’origine dei nostri mali.

Il risultato di questa perversione nel concepire Dio e l’uomo prende corpo nella figura del re (cf. 1Sam 8,1ss; Gdc 9,8-15). Egli sarebbe l’uomo ideale, ideale di ogni uomo. È dio in terra e gode delle sue prerogative: è libero e potente, in grado di disporre di tutto e di tutti. Dio però è esattamente il contrario di ciò che noi pensiamo. Il suo modo di regnare è diverso dal nostro, come il “pastore bello” è diverso dai ladri e dai briganti (cf. 10,1ss). È vero che il Signore è re. Ma non usa la violenza per conquistare e mantenere il dominio, né si impone sugli altri perché ha il potere di ucciderli. Il suo simbolo è l’asinello, mite e umile (Zc 9,9): non spadroneggia, ma serve, non pratica violenza ma ama, non dà morte ma vita. Gesù è un Messia “politico”, che da sempre mette in crisi le nostre concezioni politiche. Propone infatti un nuovo modo di rapporti civili: a un mondo fatto di padroni e di antipadroni, che produce libertà per pochi e schiavitù per gli altri, succede un mondo di uomini liberi, a servizio gli uni degli altri nel reciproco amore (cf. 13,1-15; Fil 2,5-11; Gal 5,13). Invece del delirio di onnipotenza del superuomo, che suppone un sottouomo, c’è l’accettazione cordiale della propria umanità e dei limiti naturali come luogo di solidarietà.

Solo dopo la gloria della croce i discepoli capiranno perché, in risposta alle folle che lo acclamano re, Gesù si trovi un asinello e cavalchi su di esso. Mostra così il suo modo di regnare. Gesù è l’unto di Dio e il salvatore del mondo proprio in quanto va verso la sepoltura (cf. v. 7). È “umile”: accetta la condizione “umana”, che è quella di finire sotto terra, come l’amico Lazzaro e tutti. Gesù non nega né rimuove i limiti propri dell’uomo; la stessa morte è per lui luogo di “umanità”, di comunione con i fratelli, frutto della sua comunione con il Padre.

Il seguito del testo mostrerà come Gesù è messia e salvatore del mondo proprio in quanto crocifisso (vv. 20-36), con una gloria incomprensibile (vv. 37-50).

Giovanni pone il racconto in un contesto diverso dagli altri vangeli, immediatamente dopo l’unzione di Betania e prima della predizione del suo innalzamento e rifiuto. Inoltre offre delle variazioni proprie che rileveremo nella lettura del testo. Il suo intento è mostrare che la gloria del re, insieme alle Scritture che ne parlano, è comprensibile solo dopo l’evento pasquale.

Gesù è il re che viene nel nome del Signore. Per questo è diverso dai re che vengono nel nome degli uomini.

La Chiesa, come ogni uomo, è chiamata a capire l’ambiguità di fondo che c’è nell’idea di Dio e di uomo; deve decidersi per il Signore che libera e dà vita, preferendolo ai vari signori che opprimono e danno morte.

È VENUTA L’ORA CHE SIA GLORIFICATO IL FIGLIO DELL’UOMO
2,20 – 36

è venuta l’ora che sia glorificato il Figlio dell’uomo”, dice Gesù. Ormai è alla fine della sua azione e comincia la passione. È venuta l’ora (v. 23), l’ora decisiva, per la quale è venuto (v. 27). In essa si manifesta, a nostra salvezza, la gloria sua e del Padre, della quale ciò che finora ha compiuto è “segno”.

Le folle lo hanno appena osannato come Messia. L’hanno visto venire sull’asinello, ma non hanno capito. Quanto Gesù ora dice di sé, confermato dalla voce dal cielo, toglie ogni ambiguità.

Anche i greci ora vogliono “vedere Gesù” (v. 21). Sono l’anticipo di “tutti” quelli che saranno attratti a lui quando sarà innalzato dalla terra (v. 32), primizia del molto frutto del chicco di frumento, caduto nella terra, che muore (v. 24). È vero: tutto il mondo va dietro a lui, anche i pagani (cf. v. 19).

Ma chi è questo re? Gesù, rispondendo ai discepoli che gli riferiscono la richiesta dei greci, chiarisce come lui è re e dove si fa vedere: è il Figlio dell’uomo, che presto vedranno innalzato sulla croce.

Le parole di Gesù sono un compendio, che chiarisce il significato della sua vita. È, come sempre in Giovanni, una visione retrospettiva, simile a quella di un gambero che corre all’indietro e vede il cammino ormai dalla fine, con l’occhio sul principio. È certamente il modo migliore, forse unico, per capire una storia.

Gli elementi di questo brano, molto composito, si unificano attorno alla croce. Da essa il Signore regna e salva tutti. Nel suo essere innalzato dalla terra viene l’ora del Figlio che, nel suo amore di fratello, rivela quello del Padre.

La croce, che visivamente è un “innalzamento”, è in realtà l’abbassamento sommo, ostensione nuda dell’obbrobrio. Eppure questa abiezione estrema mostra la gloria abissale di Dio. Dio infatti è amore; e la caratteristica più alta dell’amore è l’umiltà.

I vv. 20-22 contengono la domanda dei greci di “vedere” Gesù, ben agganciata al brano precedente, dove i farisei constatano che tutto il mondo va dietro a lui (v. 19). Gesù risponde indirettamente: parla della sua morte, dove tutti possiamo vedere ciò che occhio umano mai non vide (cf. 1Cor 2,9). Dopo l’unzione di Betania e l’ingresso regale in Gerusalemme, è giunta l’ora della glorificazione del Figlio dell’uomo, che è quella del seme che muore e porta molto frutto (vv. 23-24). Se negli altri vangeli la Parola è il seme di Dio, in Giovanni Gesù stesso è il seme. Infatti è lui la Parola. Alla sua gloria è associato chiunque vuol seguirlo nel suo stesso cammino (vv. 25-26).

Dopo l’annuncio della morte come dono fecondo di vita, c’è un profondo turbamento, che richiama l’agonia nell’orto, accostato immediatamente alla voce dal cielo, che richiama la trasfigurazione (vv. 27-30). In poche righe Giovanni sbalza di seguito l’esperienza del Getsemani e quella del tabor, che gli altri vangeli raccontano in ordine inverso e a grande distanza l’una dall’altra. I due episodi si illuminano a vicenda e fanno comprendere agli ascoltatori il mistero del Figlio dell’uomo, che è Figlio di Dio.

Segue un’interpretazione del valore salvifico della croce: il Figlio dell’uomo innalzato sconfigge il “capo di questo mondo”, che tiene l’uomo schiavo della menzogna e della paura. Il Crocifisso infatti svelerà quel Dio amore che attira tutti a sé (vv.31-33).

Alla folla che non comprende come il Messia possa essere crocifisso e si chiede incredula chi sia questo Figlio dell’uomo, Gesù risponde esortandola a credere in lui, luce del mondo. alla fine si allontana e si nasconde (vv. 34-36).

Il brano seguente sarà una considerazione dell’evangelista sul mistero dell’incredulità nei confronti della croce, già prevista dai profeti (vv. 37-43), seguita da un ultimo grido di Gesù, che invita a credere in lui e nelle sue parole (vv. 44-50).

Al centro del brano sta l’innalzamento del Figlio dell’uomo. Le predizioni del suo innalzamento corrispondono alle tre predizioni sulla morte e risurrezione, che gli altri vangeli pongono nella seconda parte del vangelo. Giovanni invece le pone fin dall’inizio e ne spiega successivamente la ricchezza di significato: dapprima come rivelazione dell’amore del Padre e salvezza del mondo (3,14-16), poi come conoscenza di Io-Sono (8,28) e infine come glorificazione del Padre e del Figlio, vittoria sul male e attrazione di ogni uomo a Dio. Sulla croce di Gesù, tutti possono vedere in pienezza il mistero di Dio. Sia i giudei che i pagani potranno conoscere e accogliere il Messia, salvatore del mondo, solo se guardano in alto, verso il Figlio dell’uomo elevato. In lui Dio si rivela pienamente: è amore tra Padre e Figlio, comunicato dal Figlio a tutti i fratelli.

Gesù, dalla croce, attira tutti a sé. Infatti rivela la verità del Dio amore, che vince la menzogna del capo di questo mondo.

La Chiesa, come tutti, è chiamata a conoscere e seguire il suo cammino che va dalla morte alla vita, a differenza del nostro che va dalla vita alla morte. L’inevitabile turbamento che esso provoca in noi, come in lui, è superabile solo nella forza della voce di Dio, che ne manifesta il mistero di gloria e di fecondità.

NON CREDEVANO IN LUI
12,37 – 50

non credevano in lui”, nonostante i segni compiuti davanti a loro. Alla fine del libro dei segni, Giovanni fa una riflessione teologica sull’incredulità che Gesù ha incontrato. L’evangelista è preoccupato di comprendere il mistero, sempre presente, della mancanza di fede. Essa, come la fede, ha il potere di meravigliare il Signore stesso (cf. Mc 6,6a; Lc 7,9): l’uso, che l’uomo fa della sua libertà, è qualcosa di inedito, una novità capace di stupire anche chi gliel’ha data.

I segni, compiuti da Gesù e narrati nel vangelo, hanno un unico fine: portarci a credere in lui, il Figlio, per avere vita eterna (20,30s). Come mai davanti agli stessi segni c’è chi crede e chi non crede?

Ogni racconto di Giovanni conclude con una valutazione in termini di fede o di incredulità da parte di chi vede. Lo spettatore, come il lettore, è sempre “il terzo”, colui per il quale il segno è compiuto o narrato. Per tutti, infatti, la salvezza è aderire al Figlio: il Figlio dell’uomo è la verità dell’uomo.

Già nel prologo si parla della luce venuta nel mondo e non accolta (1,11): il dramma tenebra/luce, vita/morte e fede/incredulità attraversa tutto il vangelo. In 2,11 i discepoli vedono il primo segno e credono; qui invece le folle non credono, nonostante che abbiano visto tanti e tali segni.

Credere è un atto di intelligenza, che coglie ciò che i segni significano: è vedere l’invisibile, la gloria che in essi si manifesta, come il significato in una parola.

Giovanni legge l’incredulità sotto vari aspetti. Innanzi tutto non è una novità. Antica come Adamo, contagiò fin dall’inizio il popolo di Dio. Fu il male di cui soffrirono i padri nel deserto, come si allude al v. 37 (cf. Dt 29,1-3). Inoltre ha tre motivi.

Il primo motivo dell’incredulità nel Figlio dell’uomo innalzato è quanto dice Is 52,13-53,1 (cf. v. 38): l’incredibilità dell’opera di Dio, troppo sublime per essere compresa, luce eccessiva per il nostro debole occhio. Il secondo motivo è che l’uomo non è che non “vuole”, bensì non “può” credere (v. 39), perché è misteriosamente accecato (v. 40; Is 6,9-10). Il terzo e ultimo motivo è che l’uomo, cercando la gloria che viene dagli uomini (v. 43), non conosce quella che viene da Dio.

L’uomo è fatto per la luce della verità, che è l’amore di Dio per lui. Ma questo non può essere imposto: è liberamente accettato da chi lo conosce e necessariamente rifiutato da chi lo ignora. Chi ignora l’amore del Padre, non può riconoscere il Figlio, se stesso come figlio e gli altri come fratelli.

L’incredulità è causa della croce. Ma proprio sulla croce Dio rivela il suo amore “incredibile”, unico antidoto all’incredulità (cf. 3,14-16; 8,28; 12,32). Possiamo dire che il non credere produce il motivo ultimo per credere: la croce. È l’astuzia di Dio, che volge tutto al bene (Rm 8,28), anche il nostro male. Lui, che in un otre raccoglie la acque del mare (Sal 33,7), dalla croce si rivela come il Signore che dirige la storia al fine desiderato (cf. At 4,27s).

Il testo si articola in due parti. La prima (vv. 37-43), attraverso un’allusione a Dt 29,1-3, due libere citazioni di Isaia e un’annotazione dell’evangelista, esamina le tre cause dell’incredulità: l’incredibilità di Dio stesso, la cecità provocata nell’uomo e la sua conseguente vanità. Possiamo dire che, a diverso titolo, i “colpevoli” della croce sono tre: Dio, il nemico e l’uomo, ciascuno a modo proprio.

La seconda parte (vv. 44-50) è un ultimo appello di Gesù a credere in lui per avere vita. In esso risuonano i temi emersi nel prologo e giocati nel seguito del vangelo, con una parafrasi della prima rivelazione di Gesù (cf. 3,16-21). Sullo sfondo c’è Dt 18,15-22, dove si parla del profeta pari a Mosè, al quale dare ascolto.

Credere nel Figlio è “la decisione” che salva l’umanità dell’uomo: lo rende ciò che è, figlio di Dio. Dio ha fatto di tutto per condurlo a credere al suo amore e fargli conoscere la verità che lo fa libero. Questo è il senso globale della Scrittura e dell’opera di Gesù, che compie verso i fratelli l’opera del Padre.

Questa riflessione sull’incredulità è posta dopo l’ultimo annuncio del Figlio dell’uomo innalzato e prima del suo innalzamento. Il problema della fede si pone davanti al mistero della croce: è l’accettazione di un Messia, anzi di un Dio crocifisso. Ciò che è stupidità e debolezza per gli uomini (cf. 1Cor 1-3), rivela la gloria di quel Dio che nessuno mai ha visto e che il Figlio ha rivelato.

Si tratta di una postfazione al libro dei segni: chi non accoglie questi, provoca il giudizio di Dio e la rivelazione della Gloria. Con queste parole si chiude il libro dei segni e inizia l’ora in cui si compie ciò che essi significano.

Gesù è il Figlio, inviato dal Padre per comunicare ai fratelli la sua stessa vita di figlio. La diffidenza che incontra è “il” peccato, vecchio come la menzogna che ha allontanato l’uomo da Dio. È l’incredulità, denunciata da Mosè e Isaia, da legge e profeti, che sarà la causa della croce.

La Chiesa ha le sue resistenze a credere, come tutti; ma sperimenta anche la resa di chi vede compiersi in esse e attraverso di esse il grande mistero di Dio: la croce, rivelazione sua e salvezza nostra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13/05/2019 da in Bibbia, Giustizia e Pace, ITALIANO con tag , , , .

  • 311.916 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 708 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: