COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Meditazioni pasquali (29) Pasqua, esplosione della vita e della gioia!

 


Pasqua 2


È arrivata la Pasqua! È arrivata la vita! Gli occhi, i nostri sensi possono contemplarla e percepirla ovunque attorno a noi. Nei vari colori della natura rigogliosa, prontamente risvegliata dal sole primaverile dopo il lungo letargo invernale. Nei delicati profumi dei fiori, dei germogli e dei prati luccicanti. Nella brezza gentile che ci accarezza il viso. Nel cinguettio allegro degli uccelli, che salutano l’azzurro del cielo. Nei sapori freschi dei primi prodotti e frutti della nuova stagione… Esplode ovunque la vita e la gioia. Ma tutto ciò è solo un segno di altro!…

È arrivata la Pasqua! È arrivata la vita! Risuona ovunque il grido gioioso di Cristo Risorto, vincitore della morte, Signore della Vita. Viene l’Era nuova, quella della nostra umanità, il Sogno nascosto nel cuore della storia! Ecco il messaggio recondito portato dalla luna nuova della primavera.

Da quanto tempo le ceneri spente delle nostre speranze giacevano nel sepolcro del nostro cuore? Da quattro giorni, come i resti di Lazzaro? Da quaranta giorni, come le ceneri dell’inizio della Quaresima, in attesa del fuoco nuovo della notte di Pasqua? O addirittura da quarant’anni, come il popolo d’Israele, che seminava i suoi morti nelle sabbie del deserto?

La Speranza non è il nostro forte. Particolarmente quando arriviamo al punto cruciale e invalicabile della morte. Finché c’è vita (ma non oltre!) c’è speranza. “Se tu fossi arrivato prima, nostro fratello non sarebbe morto… ma ormai è troppo tardi”, sembrano dire le due sorelle di Lazzaro, Marta e Maria. Al di là di quel fatidico valico, solo la Fede – ma a stento! – riesce ancora a fare qualche passo. Però una volta varcata la soglia del “quarto giorno”, quello dell’inizio della decomposizione, allora non c’è più niente da fare. E si direbbe che nemmeno Dio possa farci qualcosa. Non ci resta che la compassione per piangere i nostri morti.

E così, col trascorrere del tempo, il nostro cuore diventa un grande cimitero, pieno di tombe di sogni frantumati, di passioni spente, di attese deluse, di promesse disattese, di amici e parenti persi, di sofferenze accumulate…

Come far entrare la Luce in queste nostre catacombe? Un segreto c’è! Da qualche parte del nostro cuore c’è un giardino, dove abbiamo scavato un sepolcro nuovo. Un modo di addomesticare la nostra morte. Ebbene, fai come Giuseppe di Arimatea. Esci allo scoperto, dichiarati discepolo di Cristo, richiama il suo corpo e offrigli con amore quel tuo sepolcro. Deponi lì il corpo di Gesù. Vedrai che, al terzo giorno, quel sepolcro esploderà di Luce, di Vita e di Gioia. Si apriranno allora tutte le tombe del tuo cimitero. I tuoi “lazzari” verranno fuori, svegliati da Gesù. Ed Egli t’inviterà a scioglierli e lasciarli andare. Alcuni perché partano e raggiungano in pace la Casa del Padre, senza sentirsi legati dal tuo continuo rimpianto. Altri perché ti accompagnino ancora sulle strade della vita, in sogni, promesse e passioni ravvivate dallo Spirito del Risorto.

L’Amore è il segreto della vita e della gioia. L’amore vince la morte. L’amore alimenta la fiammella della speranza e sostiene la fragilità della fede per renderla capace di affrontare il “quarto giorno”! Dalla mia carrozzina da disabile e malato di SLA, vorrei gridare: l’unica vera disabilità è la distrofia del cuore, l’incapacità di amare, che ci paralizza e ci impietrisce.

Cari amici, GIOIOSA E SANTA CELEBRAZIONE DI PASQUA. Che il Sole della Primavera di Cristo Risorto penetri nello scetticismo, nell’oscurità e nella freddezza dei nostri cuori, per risvegliarvi la speranza, la fede e l’amore. E la Vita e la Gioia scoppieranno dentro di noi. E usciremo finalmente dalla lunga notte, verso l’aurora della nuova ed eterna Primavera.

Manuel João Pereira mccj (MJ)
Pasqua 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19/05/2019 da in ITALIANO con tag , .

  • 352.795 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 765 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: