COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Elezioni europee. Fra timori e speranze

La paura dell’onda sovranista e la necessità di tornare al disegno politico originario


CE


Un clima di grande attesa e di tensione accompagna le elezioni del Parlamento europeo di maggio 2019. La storia non si ripete mai nello stesso modo. Ma il timore della rottura dell’Unione europea (Ue) per la crescita impetuosa dei partiti nazionalisti fa cadere dalla rimozione collettiva la memoria del rapido passaggio dei nazisti dal 2,8% del 1928 alla conquista del potere per via elettorale in Germania nel 1933. Un fatto che spalancò la strada al disastro del secondo conflitto mondiale.

I sondaggi sono rassicuranti, ma è recente la sorpresa del 2016 per il referendum che ha decretato l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue (salvo clamorosi ripensamenti), avviando un periodo di forte instabilità con il rinvio della definizione delle condizioni della Brexit a ottobre 2019 e il paradosso della partecipazione dei britannici all’elezione del Parlamento europeo. Anche l’evoluta Finlandia ha visto, nel voto nazionale di aprile, una sorprendente affermazione del partito dei “veri finlandesi” giunti a un soffio dai vincitori laburisti.

Sonnambuli e rammolliti

Avvertendo il pericolo, il presidente francese Emmanuel Macron ha elaborato una sorta di lettera-manifesto destinato a ogni cittadino dell’Unione per affermare che «non possiamo essere i sonnambuli di un’Europa rammollita», evocando, in qualche modo, lo stato di confusione del continente che precipitò dai fasti della Belle époque all’inferno della Prima guerra mondiale.

Anche il suo concittadino filosofo Henry Bernard Levy gira il continente, sostenuto da grandi testate giornalistiche, per promuovere nei teatri un monologo sulla possibile fine del sogno europeo scalzato dalla retorica dei “populisti”, ma il celebre  intellettuale dovrebbe almeno fare i conti con certe sue scelte discutibili come il sostegno alla guerra in Libia voluta fortemente dall’allora presidente Sarkozy nel 2011, contestata dalla Germania e subita supinamente dall’Italia. Proprio la divisione sulla politica estera e gli interventi militari, emersa nella guerra in Iraq, è all’origine, secondo un europeista convinto come Romano Prodi, delle grandi paure dell’immigrazione e della crisi economica.

Unione politica incompiuta

L’ex presidente italiano della Commissione europea ribadisce sempre che la prima frattura nel disegno unitario si è avuta nel 1954, quando l’Assemblea nazionale francese bocciò il trattato del 1952 sulla Comunità europea di difesa, vanificando il progetto dei padri fondatori europei, in particolare del lungimirante Alcide De Gasperi, di consolidare un’unità politica rimasta sempre in bilico. Nel 2019, la situazione è ancora più compromessa perché, come riconosce Prodi, Trump ha aggravato la strategia Usa di «spaccare l’Europa» per rimuovere un ostacolo nella guida dell’economia e politica mondiale che resta terreno di contesa tra Cina, Stati Uniti e Russia. La scelta della chiusura dei singoli Stati europei nei loro interessi particolari si rivela, perciò, funzionale alla prospettiva di eliminare dal tavolo delle decisioni a livello globale il soggetto europeo che finirebbe in tal modo, come dice crudamente l’economista Gustavo Piga, nella lista del menù dello stesso tavolo. Non si tratta solo di egemonia geo-politica quanto della missione, che solo l’Europa unita può svolgere, di evitare un conflitto apocalittico tra le superpotenze.

Ma come è stato possibile in questi decenni passare dall’immagine di un’Europa come opera comune di popoli usciti stremati da guerre e dittature alla rappresentazione distorta di una costruzione fatta di burocrati e banchieri? Non solo nel centrodestra la caduta del governo Berlusconi nel 2011 sostituito in corsa da Mario Monti è stata considerata come un “golpe” ordito da burocrati europei. Mentre è diffusa, ormai, la consapevolezza delle misure di austerità imposte ingiustamente alla Grecia seguendo parametri smentiti anche dal Fondo monetario internazionale e già aspramente criticati da appelli pubblici di importanti economisti.

Democrazia reale

Nel 2016 su Città Nuova, alla vigilia del referendum sulla Brexit, un altro economista, Stefano Zamagni, ravvisava la necessità di ridiscutere la visione “ordoliberista” del trattato internazionale di Maastricht del 1992, fondativo dell’Ue, e quello di Lisbona del 2007. «Svolta radicale indispensabile» per «non far cadere a pezzi l’Unione europea».

Ora anche Macron, nella sua lettera-manifesto diffusa in 22 lingue, ravvisa la necessità entro fine anno di convocare una grande conferenza per l’Europa, aperta alla società civile, per definire «i cambiamenti necessari al nostro progetto politico, senza tabù, neanche quello della revisione dei trattati».

Se davvero si volesse entrare nel merito, di contenuti e istanze è quanto mai ricco il mondo associativo. Dalle organizzazioni cristiane arrivano, infatti, gli appelli più convinti per l’Europa coniugati alla necessaria “apertura al mondo intero” come dimostra l’intuizione profetica “Insieme per l’Europa”, un percorso comune a oltre 300 comunità e movimenti iniziato nel 1999. Il Movimento dei Focolari ha lanciato la campagna Europe time to dialogue, proprio per stimolare  il  dibattito in vista delle elezioni europee, così come fa l’Azione Cattolica con il lavoro raccontato nel sito http://www.iovoto.eu e la commissione Giustizia e Pace della Cei con una piattaforma programmatica. Gli episcopati della Comunità europea hanno definito il profilo del “buon candidato” e documenti specifici arrivano dai gesuiti sulla questione migratoria, da Pax Christi sulle politiche di pace mentre un decalogo sulla famiglia arriva dalla federazione europea delle associazioni familiari. E poi ci sono le istanze della finanza  etica e dell’urgenza ambientale, mentre Confindustria e i maggiori sindacati hanno siglato un appello comune per gli investimenti e la politica industriale, molto criticato dalle organizzazioni di base.

Tanti criteri di voto per un Parlamento europeo che, con il tempo, ha visto crescere i suoi poteri di indirizzo. Un percorso pubblico, alternativo ai troppi gruppi di interesse e migliaia di lobbisti presenti in sede Ue e che proprio un voto dell’Europarlamento di febbraio 2019 ha obbligato alla trasparenza. Come a dire che la democrazia è faticosa, ma bisogna saperla esercitare se si vuole incidere davvero. Con realismo e visione di futuro, senza cedere alla teoria dei complotti e alla tentazione dell’indifferenza.

 
FONTE: CITTÀ NUOVA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/05/2019 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , .

  • 311.916 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 708 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: