COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Rosanna Virgili “Qual è il tuo nome?”


1

 

 

 

 


Rosanna Virgili
Qual è il tuo nome?
Alla ricerca della propria identità

Introduzione al libro

Nonostante i molti studi sull’identità che il Novecento ha intrapreso, condotti con cura e intuito sul piano psicologico, giuridico, antropologico, morale e spirituale, scarsi paiono i risultati che, un secolo dopo, si possono constatare in questo campo. Sull’identità di giovani e vecchi, di poveri e ricchi, degli uomini e delle donne, degli europei e degli extracomunitari, dei credenti e degli agnostici c’è sempre più confusione, al punto che, spesso, ci verrebbe da chiedere: chi sei? Qual è il tuo nome? Non solo agli estranei, ma anche a noi stessi. A quarant’anni si è giovani o vecchi? Nei paesi del primo mondo si è poveri o ricchi? Sono maschio nel sesso, ma il mio genere è maschile o femminile? Sono un indiano nativo di Londra o sono un inglese? Sono un credente, ma è possibile che ritenga di dovere dialogare anche con un agnostico per conoscere Dio? L’identità ha perduto le sue mura difensive.

È un bene o un male? Impossibile è la risposta se prima non si osservi da vicino il fenomeno, senza paure né pregiudizi. Come in ogni altra esperienza, infatti, anche per l’identità non vale tanto la cosa in sé, quanto il modo di viverla.

Identità ben protette hanno indebolito, impoverito, persino fatto scomparire popoli un tempo grandi. I recabiti si impegnavano rigorosamente a non bere vino per tutta la vita, a non costruire case né a piantare vigne, ma furono travolti dal tempo e dalla storia (cf. Ger 35); Geremia raccomanda, agli ebrei esiliati in terra straniera, di fare il contrario per non perdere la propria identità: “Costruite case e abitatele, piantate orti e mangiatene frutti … e mettete al mondo figli e figlie … Lì moltiplicatevi e non diminuite. Cercate il benessere del paese in cui vi ho fatto deportare … e pregate per esso il Signore, perché dal benessere suo dipende il vostro benessere” (Ger 29,5-7).

I matrimoni misti fanno indebolire l’identità di una razza? L’apertura delle frontiere abbassa il quoziente identitario di una nazione? Dare spazio all’altro riduce il mio spazio, comprimendo così la mia individualità? Il poliamore toglie identità alle persone che lo praticano o, al contrario, la esalta? Sono tutte domande che sorgono, si moltiplicano e si mostrano urgenti in molti ambiti della vita, in occidente: da quello affettivo, morale ed etico, a quello del diritto, a quello politico, filosofico e religioso. I continui, generali, sconfinamenti hanno gettato la nostra cultura in una “liquidità” estrema che inizia a diventare difficile da sopportare. Ne è segno, paradossalmente, proprio quell’irrigidimento identitario che sta crescendo in Europa a livello popolare, in una forte e istintiva reazione all’altro, al diverso, allo straniero.

La riflessione che propone il nostro volumetto guarda a cinque aspetti dell’identità: la casa, il nome, il corpo, il sé e l’altro /a, l’unico. Non si tratta di una riflessione filosofica ma, per così dire, sapienziale, che dà risonanza a testi letterari antichi e recenti, ricchi di intelligenza e di verità, tra cui in particolare testi biblici dal Primo e dal Nuovo Testamento. Potrà stupire la grande vicinanza dei testi sacri a quelli profani, il contatto intimo tra il pensiero antico e quello contemporaneo, le esperienze laiche e quelle teologiche e le loro sostanziali pari acutezza e dignità. È una riflessione dialogata tra idee e personaggi che, pur appartenendo a mondi fisici e culturali ben distanti, comunicano meravigliosamente e sono in grado di dare al lettore un prezioso canale di orientamento, per considerare la propria identità ed aprire, davanti a essa, vie di nuovi compimenti. Il messaggio che esce dalle pagine di grandi autori e agiografi e dalle loro ideali conversazioni dona, infatti, molta luce per vivere l’identità non come un dato assoluto da conservare al sicuro, ma come una ricerca, una strada, un esodo e una decisione. Farà comprendere che nessuna identità può esistere a prescindere dalla relazione con l’altro /a e che l’umano è un volto spirituale tessuto dello sguardo di mille altri.

Rosanna Virgili
Qual è il tuo nome?
Alla ricerca della propria identità
Edizioni Qiqajon
Comunità di Bose

24 maggio 2019
https://alzogliocchiversoilcielo.blogspot.com

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27/05/2019 da in Cultura, ITALIANO con tag .

  • 351.342 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 761 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: