COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

La penultima bontà

Qui, ai margini: anteprima di Esquirol

La penultima bontàAnteprima del nuovo libro del filosofo catalano Josep Maria Esquirol, che dopo “La resistenza intima” torna in libreria con “La penultima bontà. Saggio sulla vita umana”. Un nuovo illuminante percorso che inizia fuori dal paradiso, ai margini e si conclude nell”essere capaci di vita”.
Di seguito l’incipit del primo capitolo intitolato 
Qui, ai margini del paradiso impossibile.

Non ci hanno cacciato da nessun paradiso. Ne siamo sempre stati fuori. In realtà, e per fortuna, qui il paradiso è impossibile. La nostra condizione è quella di chi vive ai margini. Margini ben strani: non definiti da nessun centro. Qui, ai margini: la genesi e la degenerazione, la vita e la morte, l’umano e l’inumano – poiché solo l’umano può essere inumano –, la prossimità e l’indifferenza.
Qui, ai margini, vivere è sentirsi vivere.

Qui, ai margini, non c’è pienezza né perfezione. Sì invece affezione infinita (mistero) e desiderio.
Qui, ai margini, il male è profondo, ma la bontà lo è di più.
Qui, ai margini, ciò che più conta non sono le origini remote, bensì il suolo, la base.
Qui, ai margini, nulla ha più senso del riparo e della generosità.
Qui, ai margini, è possibile, ma costa moltissimo, muoversi di mezza spanna nella giusta direzione. È la mezza spanna verso la comunità fraterna che vive.
Qui, ai margini, non solo viviamo, ma siamo capaci di vita. La condizione umana è quella ai margini del paradiso impossibile.
Nel paradiso impossibile c’erano animali di tutti i tipi, tranne le vacche.

Non il paradiso, ma la genesi
Il paradiso terrestre è l’immagine plastica che corrisponde ai concetti di ‘pienezza’ e ‘perfezione’. Eppure voler comprendere l’umano in termini di pienezza conduce a un vicolo cieco. La situazione umana, la condizione umana, non si definisce a partire da una perdita né da un allontanamento da una pienezza paradisiaca, aurea o naturale.

Allo stesso modo, ai margini, ai nostri margini, non è vero che «c’è quel che c’è, punto e basta». Questa frase lapidaria non descrive in maniera adeguata la nostra contrada, perché una delle espressioni decisive dell’umano è la generazione e, in particolare, la gratuità della generazione, che viene chiamata generosità bontàUna generosità, quella dei margini, che non procede mai dall’alto verso il basso – perché nessuno vale più degli altri – bensì, sempre, fianco a fianco. Che esistere sia in parte resistere lo si capisce prendendo in considerazione la generazione; resistiamo perché la vulnerabilità messa al riparo è capace di maturare, di donare e di creare. La resistenza intima è, al tempo stesso, riparo e speranza nella generazione. Un tempo gli orticoltori proteggevano con rametti di bosso il vivaio in cui avevano appena trapiantato le piante perché potessero resistere alle inclemenze atmosferiche. Anche noi ci ripariamo, per resistere. La resistenza ha come obiettivo la creazione e la generosità. Anche se, tutto sommato, offrire riparo agli altri è già un primissimo gesto di generosità.

E precisamente perché la generazione è quanto di più proprio vi sia per noi, le mille forme della degenerazione ci inquietano moltissimo. La degenerazione principale risponde al nome di violenza, e si presenta in una grande varietà di forme: va dagli omicidi più spaventosi e dalle vessazioni più brutali alle innumerevoli modalità, manifeste o dissimulate, dell’ingiustizia e dell’indifferenza.

Pensare l’umano non presuppone affatto chiarirne le origini paradisiache, ma piuttosto dirigersi verso la sua base, rivolgersi a quanto c’è di più fondamentale. Perché la genesi non si trova per forza all’inizio di una serie: è sia al principio sia alla fine; ovunque e sempre. La genesi è soprattutto lì dove la vita personale pulsa e circola con intensità; lì dove la vita si sente; lì dove la vita si illumina. La genesi è qui. Eppure, paradossalmente, non è facile avvicinarsi a essa. Per farlo è necessario disporre di un metodo filosofico che potremmo chiamare, letteralmente, cammino dell’ingenuitàPerché il significato primario della parola ingenuità è proprio questo: in-genuità, ‘vicino alla genesi’, ‘verso il centro della genesi’. Ecco il motivo per cui si dice dei bambini che sono ‘ingenui’, perché sono vicini alla genesi in quanto nascita. Badate bene: non si tratta di rivendicare un presunto sguardo infantile, vergine, incontaminato, bensì di sforzarsi di osservare bene la base, il suolo, le fondamenta. Questo tipo di ingenuità non coincide né con la banalità, né con la purezza angelica. Sguardo filosofico, sguardo attento e sguardo ingenuo divengono sinonimi.

Per approssimarsi alla genesi si può lasciarsi guidare pazientemente da ciò che viviamo e vediamo – che vediamo perché viviamo – e, anche, utilizzare i grandi simboli – ‘grandi’ proprio perché plasmati vicino alla base. Simboli evidentissimi sono, per esempio, quelli che troviamo nelle tragedie di Sofocle o nei primi capitoli della Genesi biblica. Commentarli è un esercizio di ingenuità. Come diceva Paul Ricoeur, il simbolo fa pensare, si dà al pensiero come una vitamina. C’è continuità tra il simbolo e la descrizione del paesaggio umano; continuità tra l’interpretazione del simbolo e l’osservazione della vita. La letteratura e la poesia sono le maggiori beneficiarie di tale continuità. In questo libro, il passaggio all’ambito simbolico avviene soprattutto per parlare del paradiso impossibile, dove, per esempio, può essere enormemente suggestivo riferirsi allo sguardo perso di Adamo e all’aria annoiata di Eva che, dopo aver fatto l’amore e aver mangiato il frutto d’un rosso così intenso, provano angoscia nel presentire che l’indomani sarà uguale a ieri.

Non solo non ci sono mai stati, né mai ci saranno, paradisi terrestri, ma l’immaginazione che si affanna in questa direzione finisce per schiantarsi e dare adito al contrario di quanto cercava. Si era proposta di descrivere la pienezza, eppure descrive un luogo inabitabile. Né la perfezione né la pienezza sono di questo mondo. Ecco perché non ci sono iniziali età dell’oro né utopie che si realizzeranno alla fine della storia; niente paradisi perduti né viali di città felici. Nel migliore dei casi, non si tratta che di stratagemmi e mediazioni teoriche. L’attenzione deve invece concentrarsi sui margini, sui nostri margini, e sull’affezione infinita che è lì presente, e impiegare tutta l’energia disponibile per compiere lo spostamento di appena mezza spanna verso la comunità fraterna che vive.

Indice del libro
Il brano è un estratto dal libro di Josep Maria Esquirol, La penultima bontà, pp. 9-12.

http://www.vitaepensiero.it
29.5.2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/05/2019 da in Cultura, ITALIANO.

  • 348.977 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 759 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: