COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

A causa della plastica presente nell’acqua e negli alimenti. Mangiamo una carta di credito a settimana


ora si mangia anche la plastica


Cinque grammi di plastica, in sostanza quanti ne servono a realizzare una carta di credito: è quanto una persona ingerisce inconsapevolmente, circa ogni settimana, attraverso l’alimentazione. Sono i risultati dello studio «No plastic in nature: assessing plastic ingestion from nature to people», commissionato dal World Wildlife Fund (Wwf) ai ricercatori dell’Università di Newcastle. Secondo il rapporto, frutto di oltre cinquanta ricerche, la più grande fonte di ingestione di plastica è l’acqua potabile: lo studio dimostra infatti che una persona può consumare fino a 1.769 particelle di microplastica a settimana soltanto bevendo, sia dalle bottiglie già confezionate sia dal rubinetto.

Le particelle salgono a 90.000 all’anno se si beve esclusivamente acqua dalle bottiglie di plastica. I molluschi marini sono la seconda fonte di ingestione di plastica; una persona ne può ingerire fino a 182 microparticelle settimanali, circa 0,5 grammi. Secondo lo studio, l’ingestione della plastica attraverso i molluschi marini è dovuta al fatto che essi sono mangiati interi, comprensivi, cioè, del loro apparato digerente, dove si accumulano le microplastiche. Lo studio non considera l’assunzione di plastiche per inalazione, ma una ricerca parallela, pubblicata dalla rivista scientifica «Environmental Science & Technology», rileva che, con le microparticelle disperse, si può raggiungere un totale di 121.000 microplastiche l’anno.

A livello globale si producono oltre 330 milioni di tonnellate di plastica e si prevede che la produzione aumenti entro il 2050. Kavita Prakash-Mani, direttore mondiale per la conservazione presso il Wwf, ha palesato la necessità di stilare un trattato globale per sensibilizzare l’opinione pubblica e premere perché la questione dei rifiuti plastici venga inserita nelle agende di tutti i paesi.

L’Osservatore Romano, 14-15 giugno 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15/06/2019 da in Ecologia, ITALIANO con tag .

  • 513.121 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 916 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: