COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Ricordando P. Efrem Angelini

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questa mattina ci siamo congedati da Padre Efrem Angelini deceduto due giorni fa, il 23 giugno a Castel D’Azzano (Verona). Aveva 99 anni ed era il confratello più anziano dell’istituto comboniano. Malgrado l’età, ha goduto di buona salute fino agli ultimi giorni. Poche ore prima di morire, all’infermiera che gli chiedeva come stava rispose: “sto bene”. Di mente lucidissima, di intelligenza arguta, di umore gioioso e di sorriso permanente sulle labbra, P. Efrem è stato il perfetto esemplare di persona pienamente realizzata come uomo e come missionario. Tutti ci aspettavamo che potesse arrivare a celebrare i cento anni ma la perfezione (dell’età) e la pienezza (dei giorni ) non sono di questo mondo!

Il funerale è stato presieduto da P. Renzo Piazza (vedi sotto la sua omelia). Oltre ai confratelli delle comunità vicine, hanno partecipato numerosi i suoi famigliari e amici. La corale del suo paese Vezzano (formata dai suoi familiari, nipoti e pronipoti) ha animato l’Eucaristia. Al dire di molti, questo non è stato il solito funerale pervaso da tristezza ma una celebrazione di lode e di gioia, la felice conclusione di una vita bella e santa.

Alla fine della celebrazione, Fr. Virginio Manzana (il nostro “poeta!”) gli ha dedicato dei versi. E P. Claudio Zendron, suo ex superiore provinciale in Ecuador, l’ha ricordato soprattutto come uomo di preghiera e sacerdote del confessionale.  Particolarmente a El Carmen (Esmeraldas) è stato il “padre spirituale” dei suoi parrocchiani e di centinaia di sacerdoti e religiosi che venivano da lui anche da altre diocesi.
Una sua nipote tra le commossi ha espresso il grande affetto che  c’era tra P. Efrem e i suoi famigliari, che venivano spesso a visitarlo. Era legato agli amici e al suo paese. Come esempio significativo, vi invito a guardare il racconto della sua visita alla scuola primaria di Vezzano e le reazioni dei bambini, il 3 novembre 2011, alcuni giorni prima di ripartire per l’Ecuador (Scuola Primaria di Vezzano – incontro con P. Efrem).

Grazie, grande amico P. Efrem!

Castel D’Azzano, 25 giugno 2019
(MJ)


Angelini Efrem

Funerale di P. Efrem Angelini, 25 giugno 2019

Carissimo p. Efrem,  

Il tuo incontro con il Signore è avvenuto a mezzanotte, quando iniziava il nuovo giorno della risurrezione e la chiesa faceva memoria del suo Signore che offriva il suo corpo per la vita del mondo.
Il Signore è passato a mezzanotte, furtivamente, come un ladro. O forse, meglio, è venuto delicatamente a cercare il suo amato mentre dormiva. 

Per te vale l’ultima beatitudine, quella dell’Apocalisse: “Beati quelli che muoiono nel Signore”. Ti sei proprio addormentato nel Signore, con il Rosario in mano, dopo aver chiesto di contemplare per l’ultima volta il crocifisso dei voti. Forse volevi che fosse messo sul tuo cuore per addormentarti con lui. Scusa se lo abbiamo capito troppo tardi. 

All’annuncio della tua morte i confratelli hanno spontaneamente detto che bisognava intonare il Magnificat. Qualcuno ha detto: “E’ così che mi piacerebbe morire”.

La sequenza allo Spirito Santo letta il giorno di Pentecoste terminava con queste parole: “Dona virtù e premio, dona morte santa, dona gioia eterna”.
La tua è stata una vita lunga e una vita santa. Anche la tua morte è stata una morte santa.

La famiglia dei missionari comboniani oggi ringrazia il Padre per il dono della tua lunga vita alla missione, un’opera bella, ben riuscita. Per questo, parlando o scrivendo di te, i confratelli hanno aggiunto un aggettivo:  “Il carissimo p. Efrem”. Potremmo aggiungerne altri: gioioso, sereno, pacifico, sorridente, buono, discreto, perseverante, tenace, fedele, disponibile…

Le date della tua vita

17.02.20: Nascita
22.02.20: Battesimo
??.06. 27: Cresima
10.1931: entrato nell’Istituto a Trento
08.12.34: Promessa apostolica
13.09.37: entrata in noviziato
07.10.39: Primi voti
1942: tonsura
1943: ordini minori
1944: suddiacono, diacono e voti perpetui
29.06.45: ordinato sacerdote a Como
1945-48:  vice-rettore a Brescia
1948-55: padre spirituale a Sulmona
1955-62: padre maestro in Messico
1962-66: padre maestro in Spagna
1966-69: superiore a Venegono
dal 1970: in Ecuador:  Limones (5 anni), Muisne, Quito, Portoviejo (10 anni), Guayaquil (10 anni), Carmen (10 anni)
24.9.2014: ritorno definitivo in Italia, a 94 anni!
04 giugno 2015: a Castel d’Azzano (Verona)
23 giugno 2019: incontro con il Signore, festa del Corpus Domini.

Il 7 Ottobre 2019: avrebbe celebrato gli 80 anni di voti, ma non ce l’ha fatta. Il Superiore  Generale gli ha inviato per tempo gli auguri e le felicitazioni per questa data. 

A Castel d’Azzano

“Tutta la mia vita è stata una vita veramente felice in tutte le missioni dove sono  stato. Sono sempre stato contento, felice. Ringrazio il Signore di avermi chiamato a questa vocazione, che ha riempito questa vita larga”. 

Ha trascorso 4 anni e 19 giorni in questa casa. Sì è bene inserito, fin da subito, collaborando in tutto e per tutto finché le forze lo hanno sostenuto.

Di lui abbiamo apprezzato

  • Il sorriso e il rispetto
  • La fiducia in Dio e la perseveranza
  • Il consiglio e la parola costruttiva
  • La compassione e la vicinanza
  • Il buon umore e la positività
  • Il non far pesare sugli altri le sue difficoltà
  • Il ricordare il primato di Dio
  • La preghiera fatta lottando, con tenacia
  • L’integrità
  • L’accettazione serena della volontà di Dio (mi aveva detto alcuni giorni fa:  “Non ce la faccio più ad essere autosufficiente: chiedo di andare nel reparto Africa della casa. Vediamo cosa il Signore mi vuole chiedere ora…”)
  • Mai visto in ginocchio, ma ha insegnato come si prega.
  • Mai parlato di che cosa ha fatto in missione, ma è stato una missione fino all’ultimo giorno.
  • Non ha mai alzato la voce, ma tutti si accorgevano se lui mancava.
  • Non aveva nessun incarico in comunità, ma è sempre stato molto autorevole.
  • Non si è mai lamentato, se non una volta, a 95 anni, per dire che il Provinciale avrebbe potuto lasciarlo lavorare ancora due anni in missione in Ecuador. E noi ringraziamo il Provinciale per averlo licenziato… così abbiamo avuto la gioia di averlo tra noi fin dagli inizi di questa comunità.

La gioia del Vangelo

Papa Francesco scrive: La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù (EG 1).

Efrem ha avuto la fortuna e la gioia di incontrarsi realmente con Gesù e di coltivare l’amicizia con lui per tutta la vita. Ha ricevuto il dono di conoscere il Padre e gli è stato concesso di conoscere la mitezza del cuore di Gesù, il Figlio amato. Ha assaporato la gioia del Vangelo e l’ha condivisa con tutti.  Ha preso su di sé il giogo leggero che è l’amore di Gesù per il mondo, trovandovi ristoro per la sua vita e condividendolo ai suoi fratelli fino al termine della sua esistenza. 

Grazie, Signore, per questo dono. Grazie, P. Efrem per la tua disponibilità a collaborare con Dio, per quello che sei stato in mezzo a noi. Ti accolga il Padre che ti ha chiamato e inviato nel mondo e ti dia il premio meritato per le tue fatiche. 

P. Renzo Piazza 
Superiore della comunità di Castel d’Azzano e Vice Provinciale 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/06/2019 da in ITALIANO, Missione comboniana, Vocazione e Missione con tag .

  • 490.348 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 896 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: