COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Il silenzio assordante di Aylan e Valeria


Carola Rackete

Carola Rackete, la capitana della Sea Watch che ha sfidato Salvini
Passaporto tedesco, 31 anni, 5 lingue sul curriculum. I sovranisti di lei dicono che è una figlia di papà, lei invece racconta: «Ho potuto frequentare tre università, sono bianca, tedesca, nata in un Paese ricco e con il passaporto giusto. Quando me ne sono resa conto ho sentito un obbligo morale: aiutare chi non aveva le mie stesse opportunità»


Ogni sogno che zampilla di energia non si ferma, e non si può fermare: né con i muri, né con i blocchi navali.

Mentre i notiziari italiani sono invasi dallo scontro verbale fra Matteo Salvini, il “capitano” della Lega, e Carola Rackete, la capitana della nave Sea Watch 3, i migranti continuano a sbarcare sulle coste italiane, anche a Lampedusa. Arrivano a centinaia, ma in piccoli gruppi, su imbarcazioni minute che eludono il blocco navale.

Un paradosso che farebbe sorridere, se non avesse tragici risvolti: la morte.

Sono migliaia le vittime: quelle senza nome né volto non turbano il sonno dell’umanità, ma quando una foto rivela i corpi senza vita di bambini e bambine, l’umanità, anche quella più indifferente o ostile, si risveglia e si indigna.

All’inizio di settembre 2015 avvenne per Aylan Kurdi: quel corpicino di 3 anni, riverso sulla spiaggia di Bodrum, inquietò il mondo. In quel “paradiso turistico della Turchia” lo raccolse un militare, visibilmente impacciato. Era siriano, Aylan, e morì come il fratellino maggiore Galip: per lui, però, nessun pianto. Mancava la sua foto a gridarne la morte.

Domenica, 23 giugno 2019, Valeria era aggrappata a papà Oscar Alberto. Per salvarla dalla corrente insidiosa del Rio Grande, al confine fra Messico e Usa, l’aveva assicurata a sé sotto la maglietta. Erano arrivati dal Salvador con mamma Tania. Per mesi, il loro sogno aveva prevalso sulla fatica di raggiungere le porte degli Usa. Difficile chiedere asilo al governo Trump, ma c’erano soltanto le acque del fiume a separare la famiglia Martinéz da Brownsville, nel Texas. Come altri e altre, hanno provato anche loro: a nuoto. Tania, appena ventunenne, li ha visti scomparire nella corrente.

Non aveva ancora 2 anni la piccola Valeria. È delicato e rispettoso lo scatto di Julia Le Duc: rivela tanta tenerezza e altrettanta disperazione. Il quotidiano messicano La Jornada lo pubblica il 24 giugno e Beto O’Rourke, ex- deputato democratico Usa, lo rilancia subito sui social, puntando il dito contro la politica migratoria di Donald Trump. Lui replica: «Odio quella foto!».

Eppure, da dicembre 2018, per prevenire queste e simili tragedie, ci sarebbe un Patto globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare approvato da 152 Paesi. Ma Donald Trump lo rifiuta, e anche Matteo Salvini.

La loro umanità rimane sorda, anche al silenzio assordante di Aylan e Valeria.

Combonifem
25.6.2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/06/2019 da in Attualità sociale, Giustizia e Pace, ITALIANO con tag .

  • 407.516 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 833 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: