COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Giornata mondiale contro il traffico di esseri umani


schiavi-migranti-libia-800x450


La tratta di esseri umani è un crimine che consiste nello sfruttamento di donne, bambini e uomini per numerosi scopi, tra i quali il lavoro forzato e la schiavitù sessuale. Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, oggi 21 milioni di persone nel mondo sono vittime del lavoro forzato. Tale stima comprende anche le vittime della tratta di esseri umani per fini di sfruttamento sessuale e di manodopera. Benché non si sappia quante di queste persone siano state oggetto di traffico, si stima che attualmente nel mondo ci siano milioni di vittime della tratta di esseri umani.

Il fenomeno interessa tutti i paesi del mondo, divisi tra paese di origine, di transito e di destinazione delle vittime del traffico. Secondo il Rapporto globale sulla tratta delle persone redatto dall’Ufficio dell’ONU per il controllo della droga e la prevenzione del crimine, i bambini rappresentano quasi un terzo di tutte le vittime del traffico di esseri umani a livello mondiale. Il rapporto evidenzia inoltre che donne e ragazze costituiscono il 71% delle vittime del traffico di esseri umani.

Nel 2010, l’Assemblea Generale dell’ONU ha adottato il Piano d’azione globale per la lotta contro la tratta di persone sollecitando i governi di tutto il mondo a intraprendere misure coordinate e coerenti per sconfiggere questa piaga. Il Piano prevede di integrare la lotta contro il traffico di esseri umani in programmi più ampi dell’ONU, al fine di promuovere lo sviluppo e rafforzare la sicurezza in tutto il mondo. Una delle disposizioni fondamentali del Piano è la creazione di un fondo fiduciario volontario dell’ONU per le vittime della tratta, in particolare per donne e bambini. Il fondo fiduciario facilita sul campo un’assistenza e una protezione efficaci per le vittime della tratta, attraverso finanziamenti verso ONG specializzate.

Negli anni futuri, il piano mira a dare la priorità alle vittime provenienti da un contesto di conflitto armato, e a quelle identificate all’interno dei flussi maggiori di rifugiati e migranti. Inoltre, offrirà assistenza maggiore alle persone trafficate per motivi sessuali, per lo sfruttamento degli organi, per l’elemosina forzata, per la criminalità e per nuovi campi di sfruttamento (ad esempio, trapianti di pelle e pornografia online). Nel 2013, l’Assemblea Generale ha tenuto una riunione di alto livello per valutare il Piano d’azione globale. Gli Stati membri hanno adottato la risoluzione A/RES/68/192 scegliendo il 30 luglio come Giornata mondiale contro il traffico di esseri umani. La risoluzione affermava necessaria la suddetta Giornata mondiale per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla situazione delle vittime del traffico di esseri umani e per promuovere e proteggere i loro diritti.

Nel settembre del 2015 il mondo ha adottato l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile condividendo obiettivi e traguardi riguardo la tratta di persone. Questi obiettivi prevedono di porre fine al traffico e alla violenza contro i bambini, nonché la necessità di adottare misure contro la tratta di esseri umani, e sono volti ad eliminare ogni forma di violenza contro e lo sfruttamento di donne e ragazze. Un ulteriore importante elemento è stato il Vertice ONU sui rifugiati e migranti, che ha portato alla formulazione della rivoluzionaria Dichiarazione di New York. Tra i diciannove impegni adottati dai paesi aderenti alla Dichiarazione, tre sono dedicati ad agire concretamente contro i reati di tratta di esseri umani e traffico di migranti.

Quest’anno l’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine (UNODC) ha deciso come tema della Giornata Mondiale ‘Agire per proteggere e assistere le vittime della tratta’. Questo mette enfasi su una delle questioni più importanti dei nostri tempi, gli imponenti moti misti di migranti e rifugiati. Questo tema evidenzia l’impatto significativo dei conflitti e dei disastri naturali, così come l’aumento del rischio di essere oggetto della tratta. Il tema affronta il punto chiave della risposta alla tratta: il fatto che molte persone non sono mai identificate come vittime di essa e quindi non possono avere accesso all’assistenza e alla protezione disponibili.

Vedi anche Il fenomeno della tratta: la situazione in Italia

Gpic Notizie dal Blog di Gian Paolo – Vol. 7 – N° 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/07/2019 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag .

  • 535.864 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 928 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: