COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

L’avarizia del cuore


avarizia del cuore
FRA EMILIANO ANTENUCCI

22 settembre 2019
http://www.interris.it

Non c’è solo un’avarizia economica, ma anche una del cuore. Nel Vangelo di questa domenica il Signore ci dice: “Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza” (Lc 16,13) e Papa Francesco in un’omelia a Santa Marta ci ricorda: “Quando un ministro – sia sacerdote, diacono, vescovo – incomincia ad attaccarsi ai soldi,  si lega alla radice di tutti i mali,  l’avidità del denaro è la radice di tutti i mali. Il diavolo entra dalle tasche”.

Siamo nella società del consumismo, del tutto e subito, consumo e butto,  ogni cosa  si usa e si butta e non si ricicla, tutto va dentro la  spazzatura. La cultura dello scarto, il riciclare cose vecchie per renderle in cose nuove, possono essere risorse e nuove energie per il futuro. Alcuni poi hanno la  sindrome dello zio Paperone o di Arpagone di Moliere accumulando denaro senza utilizzarlo, ma conservandolo nelle “cassaforti” del proprio cuore. Chi pensa per se, sembra che conquista il mondo ed ha compreso come si vive, invece è il modo per vivere una vita vuota e senza senso. La vita è bella se è donata, se è spesa per gli altri, se si è generosi nei confronti delle persone che incontriamo.  Non possiamo servire il denaro o Dio, cioè gli idoli di questo mondo e il Signore, ma credere che il progresso di una società non si sviluppa solo dal punto di vista economico, ma patendo da quello umano. L’avarizia del cuore è la peggior malattia che possiamo avere. Chi non dona è triste, chi  dona è felice, perché c’è più gioia nel dare che nel ricevere. Donare tempo, sorrisi, parole di speranza a aiuti concreti alle persone. Abbiamo ricevuto tanto da Dio e siamo chiamati a ridonare agli altri. Giovanni Verga in una bellissima novella sulla roba dipinge cosi l’avaro: “Quando gli dissero che era tempo di lasciare la sua roba, per pensare all’anima, uscì nel cortile come un pazzo, barcollando, e andava ammazzando a colpi di bastone le sue anitre e i suoi tacchini, e strillava: ‘Roba mia, vientene con me!’. Dobbiamo sognare insieme una società della condivisione e non del profitto, una società dove regna l’amore e tutti hanno il diritto di vivere degnamente la vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/09/2019 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , , .

  • 489.192 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 896 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: