COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Amazzonia, luogo teologico


Amazzonia

«Luogo teologico»: sono passati più di vent’anni da quando il teologo brasiliano Leonardo Boff qualificava così la regione, nel suo primo testo di eco-teologia (Grido della terra, grido dei poveri, Cittadella, Assisi 1996), eppure tale intuizione non ha certo perso di validità. Sono molti infatti i segnali che invitano a guardare in questa direzione, per cogliervi alcuni elementi chiave per comprendere teologicamente questo nostro tempo.

A colpire di più l’immaginazione sono gli incendi in quello che spesso viene definito come il polmone verde del pianeta, area strategica per il contenimento del riscaldamento globale ed estremamente ricca di biodiversità. Questo 2019 ha però visto crescere in modo devastante le aree bruciate, anche a seguito di attive pratiche di deforestazione, tese a rendere possibile lo sfruttamento del territorio per altri usi.

Si tratta di una vera e propria politica economica indicata e perseguita dal presidente Bolsonaro, che rivendica la sovranità brasiliana sul proprio territorio, rifiutando ogni riferimento a un «patrimonio comune dell’umanità» e rigettando ogni responsabilità per la stabilità climatica planetaria. Molti osservatori notano peraltro che le gravi responsabilità delle autorità locali non devono far dimenticare quanto profondo sia il legame dei loro comportamenti con l’azione di soggetti economici globali (incluse in alcuni casi imprese italiane).

Tali pratiche – ecologicamente devastanti – determinano pure la riduzione degli spazi per le popolazioni indigene, che nella foresta e della foresta vivono e che vedono quindi pesantemente intaccato il loro spazio vitale e messa a rischio la loro stessa esistenza.

Ma a rischio è pure la vita di chi cerca di opporsi a tali trend: numerose ormai le segnalazioni di militanti ambientalisti impegnati nella difesa del territorio e brutalmente assassinati, con indagini che spesso procedono a dir poco a rilento. Spesso, in effetti, si tratta di veri e propri «martiri della Terra», tra l’altro in più di un caso motivati in tale militanza proprio dalla fede cristiana.

Lo sguardo del Sinodo

A questa terra volgerà dunque lo sguardo il Sinodo che inizia la prossima settimana, il 6 ottobre, e che ci chiamerà a considerare le sfide che l’Amazzonia pone: da quella ecologica, che esige di contrastare la deforestazione e l’estrattivismo, a quella del ruolo vitale dei popoli indigeni, fino a quella della forma che deve assumere la comunità ecclesiale in simili contesti.

Centrale in questo senso l’interrogativo circa la possibilità di nuove forme di ministerialità, per far fronte alle necessità di comunità che attualmente in molti casi vengono visitate da un prete per la celebrazione eucaristica solo alcune volte all’anno o magari anche meno.

Davvero dunque un luogo teologico: luogo che costringe a interrogarsi sul messaggio testimoniato in tale contesto dalla comunità ecclesiale, così come sul popolo di Dio, che dell’annuncio è soggetto, e sulle istituzioni adeguate a supportarne la vitalità.

Non è certo casuale che sia proprio un pontefice chiamato a Roma «dalla fine del mondo» a invitare a ripensare questioni di tale spessore con un’attenzione ai contesti in cui esse si pongono. L’Instrumentum laboris Amazzonia: nuovi cammini per la Chiesa e per una ecologia integrale disegna in effetti una consapevole opera di discernimento, in cui il riferimento allo spessore teologico dei temi affrontati emerge da un accurato esame di una realtà locale in cui essi si pongono con un’acutezza tutta particolare.

Reazioni e resistenze

Non stupisce quindi che dinanzi a tale testo giungano reazioni di fastidio da parte di chi coltiva un’immagine di Chiesa falsamente universalista, sotto la quale si cela spesso soltanto la difesa di una particolarità di cui neppure si è coscienti.

Del resto, forse solo oggi stiamo finalmente comprendendo le implicazioni di una comprensione della Chiesa come realtà che vive la fedeltà alla realtà fondante dell’unico Evangelo in contesti diversi, con parole, pratiche e forme diverse.

Anche la riflessione morale guarderà dunque con particolare attenzione al Sinodo del mese prossimo, per gli importanti temi etici da esso affrontati, ma anche come occasione per cogliere indicazioni di stile e di metodo per una consapevole contestualità della propria ricerca.

Simone Morandini, 24/09/2019
http://www.ilregno.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12/10/2019 da in Attualità ecclesiale, Attualità sociale, ITALIANO con tag .

  • 341.958 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 749 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: