COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Cambiamenti climatici: un caso, il Lago Ciad


lake-chad2

Si fa presto a dire cambiamenti climatici. Un conto è dirlo, un altro è vederli.  C’è un lago in Africa, per la precisione nel Sahel, alle soglie dell’immenso deserto del Sahara, all’intersezione di quattro confini, quelli di Niger, Camerun, Nigeria e Ciad, che un tempo dava lavoro, indirettamente e direttamente, a quasi 40 milioni di persone e forniva acqua per irrigazione a 20 milioni di persone, che oggi è diventato poco più che una pozzanghera: è passato da 20.000 chilometri quadrati nel 1970 agli attuali 2000 chilometri quadrati.  Una pozzanghera, appunto. Non solo: oggi la sua profondità media è di solo un metro e ottanta centimetri, in continua diminuzione.

Lo specchio d’acqua si chiama Lago Ciad e per conquistarsi una parte delle sue preziose coste, in epoca coloniale Germania, Francia e Gran Bretagna si fecero letteralmente una lunga guerra diplomatica per disegnare i confini in modo da poter sfruttare le acque e la pesca di questa formidabile fonte nel pieno di una delle regioni più aride del mondo.

Oggi non lo farebbero più. Le rive del lago sono mobili, precarie, mutevoli, sono insane come le sponde che si formano sulle paludi, e soprattutto non sono più la fonte di una formidabile ricchezza come lo erano solo qualche decennio fa.

Ma cosa sta portando alla morte il Lago Ciad? La diminuzione drastica delle precipitazioni, l’aumento delle temperature, l’affollamento delle sue sponde, i detriti trasportati dai due grandi affluenti del lago, i fiumi Chari e Logoni che rendono questo specchio d’acqua sempre meno profondo e, di conseguenza, l’evaporazione delle sue acque sempre più massiccia. In una parola, la responsabilità della probabile, imminente scomparsa del lago è dei cambiamenti climatici.

Come sempre, i mutamenti sociali, geografici, antropologici determinati dai cambiamenti climatici hanno ricadute pesanti sulla vita della gente. E viceversa. Sì, viceversa perché ad affrettare l’esito finale del Lago Ciad contribuiscono anche i comportamenti umani. Cambiamenti climatici e comportamenti umani si alimentano a vicenda producendo un drammatico effetto moltiplicatore.

La regione del lago, infatti, e l’intersezione dei confini di quei quattro Paesi è il territorio nel quale opera la famigerata formazione jihadista di Boko Haram, le cui azioni hanno fatto fuggire centinaia di migliaia di persone da Niger, Nigeria, Camerun e Ciad. L’Onu ha calcolato che le sponde del lago, e le isole emerse sulle sue acque, sono diventate il rifugio di quasi quattro milioni di civili che, naturalmente, usano l’acqua e l’inquinano: contribuiscono, in una parola, al prosciugamento del lago. Fenomeno che avrà ripercussioni non solo locali: questa regione è diventata uno dei più grandi serbatoi di potenziali migranti dell’intero pianeta.

Buongiorno Africa
Raffaele Masto
https://www.africarivista.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15/10/2019 da in Attualità sociale, Ecologia, ITALIANO con tag , , .

  • 341.849 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 749 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: