COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

A rischio un terzo delle piante africane


foresta-1170x424


Un terzo delle piante tropicali africane è a rischio di estinzione. È quanto denuncia uno studio condotto da ricercatori africani ed europei, pubblicato sulla rivista Science Advances e rilanciato da Radio France Internationale. Quasi 7.000 specie della flora tropicale africana potrebbe scomparire nel prossimo futuro se non vengono prese misure protettive.

Lo studio ha riguardato 22mila piante elencate nel database gestito dalla Foundation for Research on Biodiversity, un’istituzione francese. Tra le cause della minaccia di estinzione di alcune specie, vi è l’azione diretta dell’uomo: la deforestazione, le attività agropastorali, ma anche i cambiamenti climatici.

Questa ricerca, considerando il numero di specie studiate, ha anche permesso di determinare le zone maggiormente interessate da questa minaccia. Questi includono le foreste pluviali tropicali, in particolare nell’Africa occidentale, dove, negli ultimi decenni, la deforestazione ha colpito molto duramente (Senegal, Gambia e Sierra Leone), ma anche l’Africa orientale (in particolare Etiopia e Tanzania centrale) e quella centrale (Rd Congo).

Per la prima volta, gli scienziati sono riusciti a valutare il grado di conservazione della flora su scala continentale. Sono stati in grado di redigere una lista rossa, gestita dall’Unione internazionale per la conservazione della natura, che potrebbe essere utilizzato da aziende, aziende forestali o governi per iniziare a lavorare su un’area.

Secondo Thomas Couvreur, botanico dell’IRD e coordinatore di questo studio, le valutazioni dello stato di conservazione della flora tropicale africana potrebbero fornire informazioni cruciali per migliorare la gestione della biodiversità e promuovere lo sviluppo economico sostenibile in Africa. Tuttavia, lo scienziato ricorda che resta ancora da fare un grande sforzo internazionale per valutare tutte le specie di piante africane.

di Enrico Casale
23 Novembre 2019
https://www.africarivista.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25/11/2019 da in Attualità sociale, Ecologia, ITALIANO con tag , , , .

  • 352.181 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 763 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: