COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Papa Francesco batte tutti i record: 898 nuovi santi


santi

NE HA CREATI PIÙ LUI IN 6 ANNI CHE I PAPI DEGLI ULTIMI 421 ANNI. ECCO QUANTI SONO I SANTI E BEATI

Quanti sono i Santi? Può sembrare facile, ma stabilirlo non lo è affatto. Si possono contare, però, le canonizzazioni effettuate dai diversi Papi dopo che Papa Sisto V aveva istituito la Sacra Congregazione dei Riti nel 1588 con la Costituzione Apostolica Immensa Aeterni Dei. Da quel momento l’atto di proclamazione dei Beati e dei Santi seguì una regola e un processo strutturato che ci permette di sapere con certezza il loro numero. Da allora ad oggi infatti sappiamo che sono stati proclamati 1726 Santi, ma l’andamento dei numeri è tutto fuorchè regolare. Basti pensare che dal 1592 al 1978 per 386 anni i Santi sono solo 302. Tra l’altro la grande maggioranza risalenti al periodo tra il 1846, anno di inizio del pontificato di Pio IX, e il 1978. In precedenza infatti se ne contano solo 64, e dei pontefici succedutisi in quel periodo solo Benedetto XIII tra 1724 e 1730 arriva in doppia cifra, proclamandone 10. In diversi pontificati non ne viene proclamato nessuno, ad esempio tra 1644 e 1655, o tra 1676 e 1689 o ancora tra il 1769 e il 1800.

I SANTI DELLA CHIESA

E’ Pio IX che nel suo lunghissimo pontificato di 32 anni comincia a essere più generoso, creando 52 nuovi Santi. Discretamente prolifico è stato anche Leone XIII con 18 canonizzazioni tra il 1878 e il 1903. Dopo Pio X e Benedetto XV che sembrano tornare ai vecchi ritmi Pio XI e Pio XII con 34 e 33 Santi proclamati riprendono un trend sostenuto, e con i 10 di Giovanni XXIII si giunge appunto a 302 Santi. Ma l’accelerazione vista da Pio IX in poi non è nulla in confronto a quella che impone Giovanni Paolo II in soli 27 anni, duranti i quali i Santi più che raddoppiano. Grazie ai 482 proclamati dal Papa polacco si arriva a 784. Benedetto XVI diminuisce il ritmo e si limita a 44 canonizzazioni, ma con Papa Francesco si raggiungono livelli mai visti prima. In soli 6 anni i nuovi Santi sono 898, più degli 828 dei 421 anni precedenti.

IL RECORD DI PAPA FRANCESCO

Si tratta di un record assoluto, segnato in parte da un cambio della concezione della santità, vista come un traguardo accessibile potenzialmente a tutti e non solo a pochissimi responsabili di atti eroici, ma soprattutto dal fenomeno delle canonizzazioni di massa, in particolare di martiri. Papa Francesco infatti ha canonizzato in una volta sola gli 800 martiri di Otranto, uccisi dai turchi nell’assalto alla città pugliese nel 1480. Non fosse per questi il ritmo sarebbe leggermente inferiore a quello di Giovanni Paolo II, che pure fece canonizzazioni di massa, come quella nel 2000 dei 119 martiri compagni di Agostino Zhao Rong, ucciso in Cina nel 1815, o dei 117 martiri del Vietnam, sempre risalenti al XIX secolo, nel 1988.

I SANTI E BEATI DELLA CHIESA

Quanti sono quindi oggi i Santi e i beati nella Chiesa? E’ praticamente impossibile dirlo con assoluta certezza. Fino al 1234 le Chiese locali potevano dichiarare santi in autonomia e fu solo Gregorio IX che riuscì ad avocarsi il diritto alla proclamazione. E solo nel 1483 con Sisto IV si affermerà la distinzione giuridica tra Santi e Beati. Secondo il Martyrologium Romanum, una delle fonti più autorevoli, si è arrivati nell’ultima edizione del 2004 a 13.539 Santi e Beati. Oggi è chiaro come si sia a quasi 15 mila dopo le infornate dei Papi tra il 2004 e il 2019. Da notare che i nomi elencati sono 6588, ma a fianco si parla per alcuni di 6881 compagni neanche nominati, come spesso capita per i martiri e le persecuzioni di massa, ma che condividono la santità. Molti dei Santi chiaramente si perdono nel mito, risalgono ai tempi del primo cristianesimo, quello delle catacombe, ma il sempre maggiore numero delle proclamazioni sta creando nuove generazioni di Santi, di cui abbiamo foto e video, per esempio, a fianco di quelli che fanno da patroni delle nostre città.

I dati si riferiscono al: 2019

https://www.truenumbers.it/
2.1.2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/01/2020 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag .

  • 456.063 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 873 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: