COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Una educazione “virale” alla globalizzazione

Come osservò Chomsky, un mondo ingiusto è ingiusto anche con le vittime, il valore della vita non è uguale per tutti



di Alberto Leiss –
il manifesto 4 febbraio 2020

Ogni tanto qualche frammento di telegiornale o qualche notizia nelle magre pagine di esteri dei quotidiani ci ricorda che poco distante, in Siria e in Libia, si continua a sparare, bombardare e a morire, a essere reclusi e torturati, mentre centinaia di migliaia di esseri umani scappano di qua e di là, abbandonando case e affetti per salvare la vita.

Queste morti raramente conquistano i titoloni in prima pagina e i lunghi servizi televisivi che vediamo sull’emergenza del coronavirus. Come osservò Chomsky, un mondo ingiusto è ingiusto anche con le vittime, il valore della vita non è uguale per tutti. Viene persino il sospetto che se altri esseri umani li ammazziamo noi, si tratta di un fatto in fondo normale. Se invece ci uccide un alieno microscopico per di più trasmesso da un inquietante pipistrello nella immensa e misteriosa Cina, scattano le paure più irrazionali, e ci sentiamo aggrediti da una mostruosità inaccettabile.

È stato già osservato che i media sono schizofrenici: dicono che non bisogna generare panico, ma allora perché tanti titoloni e tanta enfasi?

È stato già osservato che i media sono schizofrenici: dicono che non bisogna generare panico, ma allora perché tanti titoloni e tanta enfasi?
Finora in Italia sono emersi due casi di persone infettate dal coronavirus (i migliori auguri di guarigione!). La banale influenza stagionale sta mietendo invece molte vittime. L’anno scorso in Italia – articolo del 22 agosto 2019 sul Sole 24 ore – l’influenza nostrana ha causato 198 morti oltre a centinaia e centinaia di ricoveri per situazioni gravi.

Ma è inutile fare appello al buon senso. Del resto le fonti, ufficiali e no – Stati, organizzazioni internazionali della sanità, politici vari – contribuiscono a loro volta alla nevrosi comunicativa.

Meglio riflettere su cosa può insegnarci la pandemia imprevista.

Che possiamo fare contro l’aggressione del virus pipistrelloide? “Richiudere” i porti? Chiudere anche gli aeroporti? Presidiare in armi i confini terrestri? Chiuderci in casa con scorte alla borsa nera di mascherine quotidiane?

In realtà, oltre a sperare che il virus si stufi da solo, non ci resta che scommettere sulle conoscenze scientifiche capaci di prevenire, curare, guarire. Per reagire a una malattia globale è necessaria la cooperazione globale delle conoscenze più “eccellenti”, come si dice. C’è una specie di Internazionale scientifica che in questi casi sembra in effetti mobilitarsi – magari non senza qualche spirito competitivo – con apertura reciproca e volontà condivisa.

Ci entusiasma che un pool di ricercatrici italiane allo Spallanzani sia riuscita a “isolare” il famigerato esserino. Che una di queste scienziate, dopo non pochi anni di lavoro, abbia ancora un contratto precario è un altro insegnamento su come va questo mondo. Un manager alla testa di una azienda che non ha saputo prevenire il crollo di un megaponte (causando 43 morti) se ne va con una liquidazione di 20 milioni di euro. Una giovane donna che sta contribuendo forse a sconfiggere una epidemia mondiale non merita nemmeno un tempo indeterminato.

Non è una gerarchia di valori inaccettabile? Non si affaccia il pensiero che contro tutti i mali della terra sarebbe giusto cooperare invece di confliggere e sterminarsi armi alla mano (o al telecomando)? Premiando la conoscenza e la cura piuttosto che il profitto e il potere?

Anche le borse, peraltro, soffrono per i misfatti del virus! Ma il genio italico ha inventato contromisure economiche. Cercate in rete l’audio di un napoletano che – ironicamente (?) – offre “in affitto” il cinese “co a tosse”, al fianco del quale avrete via libera nelle code alle poste, spazi in metrò, tavoli imbanditi in ristoranti poco prima affollati. Le tariffe variano fino a 70 euro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 07/02/2020 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

  • 403.192 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 832 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: