COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

La banana, il frutto della globalizzazione


Banane


Jean-François Pollet
Tradotto da: Jpic-jp.org

La disavventura di una banana considerata artistica, ingoiata da un artista e fotografata da un paziente, ha messo in primo piano questo frutto il più consumato al mondo, gustoso, molto nutriente e poco costoso. Prodotto nei paesi del sud, dove fornisce cibo e posti di lavoro, la banana è apprezzata nel nord, dove rappresenta il prodotto alimentare di base più venduto.

“La banana è il frutto della globalizzazione in tutto il suo splendore, afferma Denis Loeilletricercatore del CIRAD (Centro della cooperazione internazionale per la ricerca agronomica) con i suoi lati positivi e negativi. Molto nutriente, facile da trasportare e disponibile tutto l’anno, ha anche delle debolezze biologiche che lo rendono devastante per l’ambiente e i diritti dei lavoratori”.

Il banano è una pianta erbacea molto produttiva (fino a 100 tonnellate per ettaro, rispetto ai 7 per il grano e ai 40 per le patate) e le banane sono il quarto cibo più consumato dalla gente nel mondo, dopo il grano, il riso e i latticini. Tuttavia, sotto il suo aspetto robusto, questa pianta ha debolezze genetiche che la rendono molto suscettibile alle malattie. Il suo frutto non porta semi, la moltiplicazione è assicurata da talee, una variante della clonazione, che riproduce individui strettamente identici. Sul campo, tutte le piante si assomigliano e l’infezione di una sola può causare l’infezione di tutte.

“Questa fragilità spinge i coltivatori a ricorrere a pratiche non molto rispettose dell’ambiente, incluso un massiccio uso di pesticidi e fertilizzanti”, continua Denis Loeillet. La fragilità biologica della banana è ulteriormente rafforzata dalle scelte dei coltivatori. Mentre ci sono circa 1.200 varietà di banane domestiche, la Cavendish, da sola, rappresenta più della metà della produzione (69,5 milioni di tonnellate nel 2016, su 136 milioni di tonnellate complessive). “È l’unica varietà che entra nel commercio internazionale. Nei paesi produttori, intere valli le sono dedicate, e questo per decenni. E’ una monocultura quindi che non solo consuma gli ecosistemi, ma richiede molte risorse per combatterne le malattie. In Guatemala, il paese più problematico, le piantagioni consumano da 70 a 80 kg di trattamenti per ettaro all’anno”.

“In Costa Rica, le colture vengono solfatate ogni cinque giorni a spruzzo aereo”, conferma Alistair Smith, fondatore di Banana Link. Questo paese ha scelto la linea ecologica, è orgoglioso del suo sforzo di riforestazione, ma autorizza anche l’uso di pesticidi di una tossicità spaventosa che distrugge le sue aree protette. La barriera corallina, che una volta attirava i turisti, è completamente scomparsa da vent’anni”.

I paesi convertiti alla produzione della banana non possono purtroppo allontanarsi facilmente da questa cultura che ha portato loro una certa pace sociale. “I bananeti danno lavoro a una persona per ettaro durante tutto l’anno, un tasso di occupazione unico nel panorama agricolo”, continua l’attivista. L’abbandono della banana porterebbe intere regioni ad una devastate disoccupazione di massa. Soprattutto perché le piantagioni avvelenano il suolo in modo tale con i residui dei pesticidi che su di esso non è più possibile coltivare cibo sano”.

I danni del Clordecone

Nei Caraibi, la Guadalupa e la Martinica, due dipartimenti francesi, furono comunque costretti a rivedere brutalmente il loro sistema operativo. Ci sono voluti tutta l’energia delle autorità francesi, l’inventiva dei centri di ricerca agricola e i generosi sussidi europei per ripensare radicalmente il modello delle piantagioni di banane. All’origine, la devastazione causata dal clordecone, un pesticida organo-clorurato usato dal 1970 al 1993 per distruggere i tonchi, i formidabili insetti parassiti dei banani. In vent’anni di utilizzo, questo pesticida, che impiega sette secoli per degradarsi, ha completamente saturato i terreni delle piantagioni. Poi ha cominciato a propagarsi sui terreni adiacenti, contaminando nel cammino le colture di patate dolci e igname, raggiungendo infine i fiumi e le spiagge dove ha decimato parte della fauna acquatica, compresa la coltivazione di gamberetti.

Circa 300 tonnellate di questo pesticida sono state sparse sulle due isole, avvelenando acqua e suolo, ma anche ecosistemi e persino il sangue delle persone. Le Indie occidentali hanno oggi il più alto tasso di cancro alla prostata. “Ero di stanza lì quando abbiamo iniziato a renderci conto dell’entità del disastro, ricorda Sébastien Zanoletti, responsabile del progetto presso l’Unione dei produttori di banane. È stato un elettroshoc”.

La gente nelle Indie occidentali s’indignarono ancor di più allo scoprire che la tossicità del clordecone era nota alle autorità americane, che ne vietarono l’uso nel 1976, mentre la Francia aveva atteso fino al 1993 per farlo. Di fronte a quello che risultava essere un vero scandalo statale, le autorità francesi hanno imposto una completa inversione nel modello di produzione passando completamente all’agro-ecologia. “Dovevamo salvare questo settore economico strategico, continua Sébastien Zanoletti. Con i suoi diecimila lavoratori, le piantagioni di banane rappresentano la seconda fonte di lavoro delle isole dopo il turismo. Le piantagioni furono invitate a ripulire i loro terreni lasciandoli a maggese, a ripiantare quindi piante sane proporzionate dai laboratori. L’erba che cresce tra le piante viene semplicemente falciata e questo attira uccelli, rane e formiche che sono predatori dei tonchi e delle loro uova”.

Il seguente passo nella conversione della banana dell’India occidentale è l’etichettatura biologica, che è difficile da ottenere a causa della mancanza di letame sulle isole. “Gli agronomi hanno quindi sviluppato una nuova varietà, una piccola banana molto dolce e gustosa che resiste al fungo della Sigatoka”. La prima produzione sarà presto sul mercato e questa varietà dovrebbe sostituire gradualmente la Cavendish.

Un mercato in esplosione

La conversione delle Indie occidentali all’agro-ecologia è ormai un modello. “È importante dimostrare che è possibile produrre banane commercialmente accettabili con pochi ingredienti. Il mondo della ricerca comprende finalmente l’importanza di questo frutto per la sicurezza alimentare e la necessità di rivedere le pratiche di coltivazione che non si stanno dimostrando assolutamente insostenibili. Il futuro della banana e la sopravvivenza di 400 milioni di persone dipendono dall’agro-ecologia, le cui pratiche devono essere adattate a ciascuna delle regioni del mondo”, sostiene Alistair Smith. “Abbiamo tutte le soluzioni tecnologiche, conferma Denis Loeillet, la loro messa in pratica è una questione di scelte politiche e commerciali e di sensibilizzazione dei consumatori occidentali”.

La produzione di banane è principalmente destinata ai mercati settentrionali che richiedono la frutta a buon mercato e di dimensioni standard. “Questi mercati”, sottolinea il ricercatore, “sono in forte espansione, con un milione di tonnellate in più vendute tra il 2013 e il 2018. Allo stesso tempo, stiamo assistendo a un continuo calo dei prezzi. Non è sostenibile. Ad un certo punto, dovremo convincerci a pagare un po’ di più e ad acquistare solo dai produttori impegnati in una transizione ecologica”.

Un prodotto popolare per il commercio equo e solidale

“La banana rappresenta in peso il primo prodotto del commercio equo e solidale, precisa Charles Snoeck, di Fairtrade-Belgio, e il secondo in termini di fatturato dopo il caffè”. La certificazione FairTrade mira a migliorare la vita dei produttori garantendo un prezzo minimo che cambia a seconda del paese (le banane del Perù, le più vendute in Belgio, sono pagate 12 dollari a cassa di 18,14 chili)Nel 2017, 650.000 tonnellate di banane prodotte in 16 paesi da 10.000 piccoli produttori e 11.000 lavoratori sono state etichettate come FairTrade. In Belgio, anche le 14.000 tonnellate di banane del commercio equo e solidale consumate ogni anno sono etichettate come biologiche.

Consumate anzitutto al sud

Le banane vengono consumate principalmente (85%) nei settanta paesi che le producono. I primi due produttori sono l’India e la Cina, rispettivamente con 29 e 13 milioni di tonnellate nel 2016. Questi paesi consumano tutte le loro banane. Il primo produttore per abitante è il Ruanda con 250 chili a persona all’anno. I ruandesi producono diverse varietà destinate ad essere consumate cotte, crude o persino fermentate, diventando una bevanda alcolica.

Il Belgio è il secondo importatore europeo di banane e il quinto al mondo dopo gli Stati Uniti, la Cina, la Russia e la Germania. I belgi non consumano tutte le banane che importano (1,2 milioni di tonnellate nel 2017). La maggior parte (un milione di tonnellate) viene rispedita nel resto dell’Europa. Questo fruttuoso commercio è, al suo passaggio, un ingresso per il Ministero del Tesoro pubblico belga che mette in tasca 250 euro di dazi doganali per ogni tonnellata sbarcata da un paese latinoamericano. Questa manna finanziaria prevista dagli accordi commerciali firmati a Ginevra nel 2009 sarà tuttavia ridotta a un terzo dal prossimo anno quando la tassa passerà da 250 a 75 euro.

Il Belgio ospita anche la prima collezione al mondo di talee di banana, installata a Lovanio nel laboratorio di allevamento di piante tropicali della KUL che ne conserva 1.536 varietà diverse. L’incredibile collezione della KUL è il risultato dai legami storici del Belgio con l’Africa e dalle competenze acquisite dall’università nella cultura in vitro. Con un interesse scientifico chiave: preservare queste talee in un paese del Nord e proteggerle dalle malattie tropicali.

Conservate con una tecnica di criogenizzazione a – 196° C, le piante vengono rianimate secondo necessità per poi essere moltiplicate in una provetta sterile con un substrato nutriente. In trent’anni di esistenza, il laboratorio ha fornito talee a università, centri di ricerca e associazioni di produttori di oltre 109 paesi. Ha raggiunto il suo più grande successo nel 1994, quando ha spedito 70.000 piante di 24 varietà nei campi profughi ruandesi e burundesi della Tanzania. Ciò ha consentito agli agricoltori di riprodurre subito 6 milioni di piante che hanno contribuito a nutrire mezzo milione di persone.

Vedi l’originale, La banane, le fruit de la mondialisation E per sorridere con una banana, La banane du Velvet Underground, par Andy Warhol

Da Gpic Notizie dal Blog di Gian Paolo – Vol. 8 – N° 2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17/02/2020 da in ITALIANO.

  • 539.034 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 931 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: