COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Tentazione dopo tentazione, elevazione dopo elevazione


Tentazioni


Qui quadragínta diébus,
terrénis ábstinens aliméntis,
formam huius observántiæ ieiúnio dedicávit,
et, omnes evértens antíqui serpéntis insídias,
ferméntum malítiæ nos dócuit superáre,
ut, paschále mystérium dignis méntibus celebrántes,
ad pascha demum perpétuum transeámus.

Astenendosi per quaranta giorni dagli alimenti terreni,
il Cristo dedicò questo tempo quaresimale
all’osservanza del digiuno
e, vincendo tutte le insidie dell’antico tentatore,
ci insegnò a dominare le suggestioni del male,
perché, celebrando con spirito rinnovato il mistero pasquale,
possiamo giungere alla Pasqua eterna.

Messale romano, Prefazio per la I domenica di Quaresima


Due termini inquadrano il prefazio della I domenica di Quaresima: “quaranta giorni” e “Pasqua”. La loro collocazione nella frase indica anche la direzione di questo tempo e dell’impegno che esso comporta, tutto teso alla Pasqua, alla pienezza della redenzione.

Prima della riforma liturgica del 1969 era in uso un solo prefazio quaresimale: “Tu (Padre santo, Dio onnipotente ed eterno), mediante il nostro digiuno del corpo, vinci i nostri vizi, elevi il nostro spirito, infondi la forza e doni il premio”.

Dal confronto di questi testi emerge come il precedente orizzonte, prevalentemente morale, si allarghi ora all’intera storia di salvezza: dal peccato di Adamo per l’inganno del serpente (cf. Gen 3), alla malvagità (malitia) dell’umanità che portò al diluvio (cf. Gen 6,5), al potere del “serpente antico”, cioè il drago, il diavolo, Satana – secondo i nomi attribuitigli  dall’Apocalisse (12,9; 20,2) –, figure del male al quale Cristo ha posto un limite con la sua morte e resurrezione.

Il tempo della Quaresima è un tempo di grazia per entrare nella lotta contro il male, sia quello che possiamo individuare come vizi o mancanze personali, sia quello più vasto, spesso incomprensibile, cui partecipano e in cui sprofondano le comunità umane e che biblicamente ha i nomi di tenebre (Is 9,1; Lam 3,2), torpore ed ebbrezza (Is 29,9).

Quaranta giorni sono i limiti della punizione (cf. Gen 7,4) o il tempo concesso per scongiurarla (cf. Gn 3,4), ma sono anche la preparazione per l’incontro con Dio (cf. Dt 9,9-11; 1Re 19,8) e lo spazio della sua intimità (cf. Es 34,28).

Il prefazio descrive il tempo quaresimale come un invito pressante all’imitazione di Gesù, che nella sua umanità ha insegnato ai credenti a vincere le insidie e dominare le suggestioni del male.

Il linguaggio ci rimanda agli insegnamenti di Paolo: “Togliete via il lievito vecchio … celebriamo la festa non con lievito di malizia (fermentum malitiae) e di perversità, ma con azzimi di sincerità e di verità” (1Cor 5,7-8); “Indossate l’armatura di Dio per poter resistere alle insidie del diavolo … perché possiate resistere nel giorno cattivo e restare saldi dopo aver superato tutte le prove” (Ef 6,11.13). Paolo specifica che le insidie del diavolo ci impegnano in una battaglia non contro la carne e il sangue, ma contro i principati e le potenze, i dominatori del mondo tenebroso, e usa la terminologia propria ai primi cristiani per parlare del combattimento e della vittoria di Gesù sulla croce.

Verità, giustizia, fede insieme alla parola di Dio e alla preghiera perseverante sono la forza, le armi di questa lotta. Nel linguaggio biblico tale lotta è prerogativa del credente, è il luogo in cui viene resa nota la sua fede: “Tentazione dopo tentazione, elevazione dopo elevazione, per metterlo alla prova nel mondo, per renderlo grande nel mondo, come una bandiera sulla nave” (Gen. R 55,1).

Tutti i patriarchi conobbero la “tentazione” e, come loro, anche i figli di Israele nel viaggio verso la terra promessa. È interessante notare come non sempre essa abbia un carattere penoso: infatti, sono qualificati come tentazioni anche il dono della manna (cf. Dt 8,16), l’acqua amara resa bevibile (cf. Es 15,25) e il dono della Torah al Sinai (cf. Es 20,20). La prova, il dono, la rinuncia o la richiesta esigente, sono il luogo in cui la libertà umana è sollecitata alla fede in Dio.

“Prepariamo le nostre anime alle battaglie delle tentazioni e teniamo presente che quanto più saremo impegnati a favore della nostra salvezza, tanto maggiore sarà l’accanimento con il quale gli avversari ci aggrediranno”, dice Leone Magno. E continua: “Ma è più forte colui che è dentro di noi di colui che è contro di noi, e noi restiamo saldi proprio per mezzo di colui nel cui potere riponiamo la nostra fiducia: per questo il Signore permise al tentatore di tentarlo, perché fossimo ammaestrati dall’esempio di colui che ci difende con il suo aiuto”.

http://www.monasterodibose.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/03/2020 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag .

  • 536.652 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 929 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: