COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Roma. Dalla Messa sul tetto alla sitcom dei preti. La parrocchia col sorriso di Dio

La creatività pastorale nella comunità di San Gabriele dell’Addolorata. Il rito sulla vetta della chiesa con la gente affacciata alle finestre. In Rete le puntate sulla vita dei sacerdoti


Roma1


Giacomo Gambassi lunedì 16 marzo 2020
Avvenire

«In realtà non avevamo annunciato che ci sarebbe stata la celebrazione all’aperto – spiegano i quattro preti –. Avevamo realizzato solo un breve video sul nostro canale YouTube e sulla pagina Facebook in cui uno dei vice-parroci lanciava una scommessa al parroco. E se lui l’avesse persa, avrebbe presieduto la Messa sul tetto della chiesa». In tanti si sono chiesti: ma scherzano o fanno sul serio? Alla fine l’hanno celebrata davvero: accanto al campanile, alle antenne e alla parabola satellitare. Quello che i quattro sacerdoti non si aspettavano era che la comunità avrebbe seguito la liturgia dal vivo. Affacciata ai palazzoni del quartiere Don Bosco della capitale, a due passi dalla Tuscolana e a ridosso dell’aeroporto militare di Centocelle. Le campane hanno annunciato l’inizio. L’amplificazione e lo streaming hanno fatto il resto. Vale a dire, hanno trasformato un angolo dell’agglomerato in chiesa: senza infrangere alcuna regola anti-contagio. «Abbiamo voluto rendere tangibile la nostra prossimità alla parrocchia che conta più di 13mila anime – confidano i preti –. E in questo tempo così complesso abbiamo riscoperto una certa creatività pastorale».


roma4

La sitcom “Vita di canonica” realizzata dai preti di San Gabriele dell’Addolorata a Roma – YouTube

Così è nata la sitcom “Vita di canonica”. Sì, una sorta di telefilm a puntate che viene proposto su Facebook o YouTube e che racconta il quotidiano dei quattro presbiteri. Comprese le pulizie o la preparazione dei pasti. «In un frangente segnato dalla paura e dall’apprensione, è importante anche regalare un sorriso». Il sorriso di Dio, verrebbe da pensare. «E soprattutto chi è lontano dalla vita ecclesiale è rimasto meravigliato – rivelano i preti –. Magari si ha ancora l’idea del sacerdote simile a quella di un “funzionario”, come direbbe papa Francesco. O magari di un superuomo. Invece anche noi abbiamo i problemi di chiunque o affrontiamo questa situazione al pari di ogni persona». E in particolare gli anziani ringraziano. «Sono i più soli e i più preoccupati a causa della pandemia. E ci ripetono: “La vostra simpatica vicinanza ci rincuora”».

L’ultima proposta è stato il “pranzo comunitario (virtuale)” di domenica scorsa. «Abbiamo chiesto alle famiglie di apparecchiare la tavola come se arrivasse un ospite importante e di indossare abiti eleganti. Poi l’invito a farsi un selfie e a condividerlo nei gruppi WhatsApp della parrocchia». Il tutto all’insegna del motto: “Noi siamo presenti alla vostra tavola; e voi alla nostra”. Il risultato? Una valanga di immagini che finiranno anche sul sito.


roma2

Il pranzo comunitario dei preti della parrocchia di San Gabriele dell’Addolorata a Roma – YouTube

Intanto ogni giorno continuano a suonare le campane a mezzogiorno e quando viene celebrata la Messa. Al mattino, poi, il parroco don Antonio Lauri propone una video-riflessione con la lettura e il commento del Vangelo del giorno che viene diffusa a tutta la comunità attraverso WhatsApp, Facebook e YouTube. Inoltre l’incontro di catechesi del martedì è sostituito da una catechesi settimanale online di una decina di minuti. «Non siamo esperti del pianeta digitale – ammettono i sacerdoti –. Ci arrangiamo con mezzi poveri e qualche trovata. Il nostro intento è dire a tutti che ci può essere del buono anche in un’emergenza. Non si tratta di sopravvivere, ma di vivere questo tempo come un’occasione per uscire dalla routine e toccare con mano quanto davvero conta. E anche la comunità parrocchiale potrà uscirne più solida e più unita».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/03/2020 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag .

  • 404.732 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 831 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: