COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Rivendica te a te stesso


Rivendica te a te stesso

Rivendica te a te stesso
di Seneca


“Fa’ così, mio Lucilio: rivendica te a te stesso. Raccogli e difendi il tempo che sinora ti era tolto o sottratto e ti sfuggiva. […] Certe ore ci vengono estorte, altre ci vengono rubate, altre fuggono via: ma la perdita più umiliante è quella per trascuratezza. […] Tieni ben stretto tutto il tuo tempo. Dipenderai meno dal domani, se saprai dominare l’oggi. Mentre la si differisce, la vita trascorre. Tutto è altrui, solo il tempo è nostro. La natura ci ha affidato il possesso di quest’unico bene, fugace e inafferrabile, da cui ci può espellere chiunque. Tanta è la loro stoltezza che mentre gli uomini accettano di essere responsabili di cose loro affidate, siano pure vilissime e sicuramente sostituibili con altre, nessuno si ritiene debitore per aver ricevuto del tempo, mentre è l’unica cosa che non si può restituire, per quanto riconoscenti. […]
Il primo tratto distintivo di un animo composto ritengo sia la capacità di star fermi e dimorare con se stessi. Bada allora che […] leggere molti autori e libri di ogni genere non abbia in sé qualcosa di volubile e instabile. […] Chi è dappertutto non è da nessuna parte. Accade a chi passa la vita vagabondando che abbia molti ospiti, ma nessun amico […]; solo di passaggio, nulla può giovare. […] Ecco quel che oggi ho scoperto in Epicuro […]: «Povertà lieta è cosa bella». Non è neanche povertà, se è lieta: è povero non chi ha poco, ma chi brama avere di più. […] Domandi un criterio in fatto di ricchezza. Il primo criterio è aver quel che è necessario, il secondo ciò che basta. […]
Devi biasimare sia chi è sempre inquieto, sia chi è sempre quieto. Infatti non è operosità quella che gode del tumulto, ma irrequietezza di una mente agitata, e non è quiete quella che considera una molestia ogni movimento, ma indolenza e fiacchezza. Tieni a mente quel che ho letto in Pomponio: «Alcuni si sono a tal punto rintanati nei loro nascondigli da ritenere rischioso tutto quel che avviene alla luce». Occorre mescolare le due cose: chi vive nella quiete deve darsi da fare e chi si dà da fare deve riposare. Delibera seguendo quel che ti dice la natura che ha fatto sia il giorno che la notte. […]
Persevera come hai cominciato e, per quanto puoi, affrettati, affinché tu possa godere più a lungo dell’aver corretto e dato compostezza al tuo animo. Ne godi certo anche mentre lo correggi, e anche quando gli dai compostezza; ma ben altro piacere si ricava dalla contemplazione di una mente pura da ogni macchia e luminosa. […]
Dentro di noi, tutto sia diverso, ma l’aspetto si adegui a quello della gente. […] Comportiamoci in modo da avere una vita migliore, non contraria a quella del volgo […]. La filosofia promette anzitutto senso comune, umanità e socievolezza. […]
Ecatone […] dice: «Smetterai di temere se smetterai di sperare». […] Come la stessa catena accoppia il prigioniero e la guardia, così queste cose tanto diverse vanno di pari passo: la paura segue la speranza. E non mi meraviglia che sia così: ambedue segnano un animo sospeso, ansioso nell’attesa del futuro. La causa maggiore di ambedue è che non ci adattiamo al presente, ma proiettiamo i nostri pensieri verso cose distanti. […] Nessuno è infelice solo per il presente” (pp. 181-189)

Per un percorso etico tra culture, a cura di Pier Cesare Bori e Saverio Marchignoli

Ripreso da http://www.lameditazionecomevia.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/04/2020 da in ITALIANO.

  • 441.634 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 859 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: