COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

IV Domenica di Pasqua (A) Commento

IV Domenica di Pasqua (A)
Giovanni 10,1-10

In quel tempo, Gesù disse: «In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un’altra parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra dalla porta, è pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei». Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro. […]

(Letture: Atti 2,14.36-41; Salmo 22; 1 Pietro 2,20-25; Giovanni 10,1-10)

domenica del buon pastore1.jpg

Il pastore che conduce verso la vita senza confini
Ermes Ronchi

Sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza. Per me, una delle frasi più solari di tutto il Vangelo. Anzi, è la frase della mia fede, quella che mi seduce e mi rigenera ogni volta che l’ascolto: sono qui per la vita piena, abbondante, potente. Non solo la vita necessaria, non solo quel minimo senza il quale la vita non è vita, ma la vita esuberante, magnifica, eccessiva; vita che rompe gli argini e tracima e feconda, uno scialo, uno spreco che profuma di amore, di libertà e di coraggio.
Così è Dio: manna non per un giorno ma per quarant’anni nel deserto, pane per cinquemila persone, pelle di primavera per dieci lebbrosi, pietra rotolata via per Lazzaro, cento fratelli per chi ha lasciato la casa, perdono per settanta volte sette, vaso di nardo per 300 denari.
«Gesù non è venuto a portare una teoria religiosa, un sistema di pensiero. Ci ha comunicato vita ed ha creato in noi l’anelito verso più grande vita» (G. Vannucci).
Il Vangelo contiene la risposta alla fame di vita che tutti ci portiamo dentro e che ci incalza.
Il primo gesto che caratterizza il pastore vero, datore di vita, è quello di entrare nel recinto delle pecore, chiamare ciascuna per nome (Gesù usa qui una metafora eccessiva, illogica, impossibile per un pastore “normale”, ma il gesto sottolinea il di più, l’amore esagerato del Signore) e poi di condurle fuori.
Gesù porta le sue pecore fuori dal recinto, un luogo che dà sicurezza ma che al tempo stesso toglie libertà. Non le porta da un recinto ad un altro, dalle istituzioni del vecchio Israele a nuovi schemi migliori. No, egli è il pastore degli spazi aperti, quello che lui avvia è un processo di liberazione interminabile, una immensa migrazione verso la vita. Per due volte assicura: «io sono la porta», la soglia sempre spalancata, che nessuno richiuderà più, più forte di tutte le prigioni (entrerà e uscirà e troverà…), accesso a una terra dove scorrono latte e miele, latte di giustizia e innocenza, miele di libertà. Più vita.
La seconda caratteristica del pastore autentico è quella di camminare davanti alle pecore. Non abbiamo un pastore di retroguardie, ma una guida che apre cammini e inventa strade. Non un pastore che grida o minaccia per farsi seguire, ma uno che precede e convince, con il suo andare sicuro, davanti a tutti, a prendere in faccia il sole e il vento, pastore di futuro che mi assicura: tu, con me appartieni ad un sistema aperto e creativo, non a un vecchio recinto finito, bloccato, dove soltanto obbedire. Vivere è appartenere al futuro: lo tiene aperto lui, il pastore innamorato, «il solo pastore che per i cieli ci fa camminare» (D. M. Turoldo).

Avvenire 

“Ogni pecora si perde quando il pastore
la dà per persa, mai prima”
(Papa Francesco)

Gesù è a Gerusalemme per la festa delle capanne. E’ questa la festa del raccolto e della vendemmia, si celebra in autunno, a settembre e dura 8 giorni. E’ chiamata festa delle capanne perché si costruiscono delle capanne fatte di fogliame come quelle che si facevano negli orti al momento del raccolto. Queste capanne ricordano gli accampamenti di Israele nel deserto durante l’esodo ( Dt 16,13-15 e Num 29,12-39).

E’ una festa molto importante per gli ebrei, una delle tre grandi feste (Pasqua, Capanne e Pentecoste) ed è una festa che parla di liberazione, di “essere condotti fuori” e di abbondanza (raccolto, vendemmia), temi che, come vedremo, torneranno nel brano evangelico di oggi. Nei versetti precedenti a quelli che abbiamo letto oggi, Gesù, nel Tempio, aveva rivelato la sua identità: “Da Dio sono uscito e vengo. Non sono venuto da me stesso ma lui mi ha mandato”. “In verità, in verità vi dico, prima che Abramo fosse, Io sono” (Gv 8,42 e 8,58). Aveva guarito il cieco nato ed ora, nel brano di questa domenica, Gesù si dichiara il buon pastore e la porta delle pecore.

Quella del pastore era una immagine conosciuta e cara al popolo di Israele, come vediamo, per esempio, nel profeta Geremia, dove Dio stesso si dichiara il Pastore che radunerà le pecore disperse e poi costituirà “pastori che le faranno pascolare così che non dovranno più temere né sgomentarsi; di esse non ne mancherà neppure una” (23,1-4). Oppure nel Salmo 22: “Il Signore è il mio pastore, non manco di nulla; su pascoli erbosi mi fa riposare, ad acque tranquille mi conduce. Mi rinfranca, mi giuda per il giusto cammino, per amore del suo nome”. (Sal 22, 1-3).

Gesù inizia il suo discorso con grande autorità: “In verità, in verità vi dico” (v 1);    = amen, amen, cioè: è proprio così!), segno che ci vuole dire qualcosa di importante, qualcosa che ci permette di conoscere Lui e il Padre ancora più da vicino.

Molte immagini troviamo in questi pochi versetti. La prima descrizione che abbiamo è quella del ladro e del brigante (v 1) che non passano dalla porta per entrare nel recinto delle pecore e che cercano di appropriarsi del gregge invece di custodirlo. E ancora al versetto 5 si parla di un estraneo dal quale le pecore fuggono e non lo seguono perché non conoscono la sua voce.

Tra questi due versetti (1 e 5) c’è il cuore del testo che ci parla di un pastore che arriva al recinto, trova un guardiano che gli apre e così lui entra nel recinto delle pecore.

La prima cosa che fa questo pastore è donare alle pecore la sua parola perché il testo dice che le pecore “ascoltano la sua voce” (v 3). Tra il pastore e le pecore c’è una grande intimità, una conoscenza profonda e una fiducia piena, infatti dice il testo: “le pecore ascoltano la sua voce” e poco dopo: “conoscono la sua voce” (v 3 e 4).

“Egli chiama le sue pecore ad una ad una” come se avessero un nome! Siamo davanti ad un pastore “speciale” perché i pastori non si prendevano certo la briga di dare i nomi alle pecore del gregge, ma qui Gesù vuole sottolineare che a questo pastore, che è lui stesso, ogni pecora è cara. Ognuna è riconosciuta. Il nome dice l’identità e l’unicità di ogni persona e conoscere l’altro per nome è conoscere la sua vita, è dire che la sua vita ci sta a cuore, ci è cara.

“Il pastore non è solo la guida, è anche il compagno di viaggio, per il quale le ore del gregge sono le sue ore, stessi i rischi, stessa la sete e la fame, identica la calura implacabile..” (G. Ravasi)

“Il pastore cammina davanti a loro e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce”: riconoscono la sua voce che le invita ad uscire. Uscire da dove? Cosa può rappresentare questo recinto? Possiamo pensare al passaggio dalla Legge dei padri, alla legge nuova dell’amore che  ci ha insegnato e lasciato Gesù. Questo pastore ci conduce verso nuovi pascoli, in nuovi spazi, davanti a nuovi orizzonti dove l’amore è la prima e l’ultima parola. Gesù ci invita ad uscire dai nostri sguardi piccoli, angusti; spazi di egoismo e di auto- referenzialità per aprirci all’altro, al fratello. Il pastore ci conduce nella fertile terra della condivisione, del dono e della consegna di sé.

Questo pastore parla, chiama, conduce e cammina innanzi alle sue pecore.

E le pecore ascoltano, conoscono e seguono il loro pastore.

Ascoltare, condurre e custodire mi sembrano i tre verbi della relazione tra Dio e il suo popolo.

Dio ascoltò il grido degli israeliti “che erano oppressi nel paese d’Egitto” (Es 3,7). La storia tra noi e Dio inizia dall’ascolto da parte di Dio del nostro grido di dolore, dall’ascolto delle nostre sofferenze, delle nostre fatiche….

Il suo orecchio non può rimanere sordo al grido dei suoi figli!

“Condusse il suo popolo nel deserto” fino alla terra promessa (Sal 136,16). E’ questa l’immagine di un Dio che non si stanca di farsi accanto ai passi dell’uomo anche quando questo prende strade tortuose o sbagliate, ma che sempre cerca di condurlo “sulle vie della vita”.

In tutta la storia della salvezza Dio si farà vicino al suo popolo per custodirlo attraverso i profeti, segni indicatori della via buona da seguire, fino a Giovanni Battista, per poi donarci addirittura il suo Figlio.  “Manderò mio figlio, lui lo ascolteranno….” ( cfr Mt 21,33-39).

La Chiesa ci propone questo brano dopo la grande festa della Pasqua. Abbiamo passato da poco la settimana del dolore per il distacco da Gesù, dal nostro Maestro che è morto ed è stato deposto in un sepolcro e ci è sembrato che la nostra storia con Lui fosse finita, che la morte avesse avuto l’ultima parola..

Invece poi “..alcune donne delle nostre ci hanno sconvolti; recatesi al mattino al sepolcro…” ci hanno detto che la sua tomba era vuota e affermano che egli è vivo (Lc 24,22-23); e Maria Maddalena lo ha visto (Gv 20,11-19) e poi i due discepoli di Emmaus (Lc 24, 13-15), e si è mostrato ai suoi apostoli più volte…..

E allora il dolore si è trasformato in gioia, la gioia più grande e inaspettata che possa esserci!

Da allora noi sappiamo bene Chi seguiamo: Colui che “abbiamo visto con i nostri occhi, ciò che noi abbiamo contemplato e ciò che la nostre mani hanno toccato, ossia il Verbo della vita” (1 Gv 1,1).

Cosa abbiamo visto? Chi abbiamo visto?

Abbiamo visto un uomo, il nostro Maestro, Gesù, donare la sua vita per noi. Siamo stati con Lui tre anni e in questo tempo ci ha dato tanto: ci ha istruito, ci ha guarito, ci ha consolato, ci ha fatto conoscere il Padre…. fino ad arrivare a morire per noi.

E’ quell’amore che ascoltiamo e seguiamo.

Chi seguiamo? Di chi ci stiamo fidando nel cammino della vita?

Di un Dio che arriva a lasciare morire il suo Figlio primogenito per amore di nuovi figli che, in Gesù, chiama alla relazione con Lui.

Poi Gesù, siccome  i suoi “non capirono cosa significava ciò che diceva loro” (v. 7), aggiunge (ancora con grande autorità: “Io sono la porta delle pecore”. La vera porta per entrare nella relazione col Padre è il Cristo che dà la sua vita. Al Padre si giunge solo attraverso l’amore del Figlio. Passare attraverso di Lui, attraverso la sua vita donata, salverà la vita dei discepoli perché: “Chi vorrà salvare la propria vita la perderà e chi perderà la sua vita per causa mia, la troverà” (Lc 9,24).

Entrare in quell’amore per entrare nell’Amore! Ogni altra via per arrivare al Padre è la via dei ladri e dei briganti, è la via degli scribi e dei farisei che “impongono pesi insopportabili e impediscono agli altri di entrare e non entrano essi stessi nella comunione con Dio” (Mt 23,4.13).

Entrare nella vita passando attraverso la porta che è Gesù, ci permette di vedere la realtà con occhi nuovi, dove al primo posto non c’è più l’IO, ma il TU: il “Tu” di Dio e il “tu” del fratello.

San Francesco ha cantato in modo mirabile questo Tu di Dio nella preghiera: “Lodi all’Altissimo”. “Tu sei santo, Signore…., Tu sei il bene…, Tu sei amore…, Tu sei bellezza, sicurezza…, Tu sei la nostra dolcezza e la nostra vita eterna…” (cfr. FF 261).

E il “tu” del fratello è nelle parole di Gesù che dice: “Non c’è amore più grande che dare la vita per i propri amici” (Gv 15,13).

Seguiamo questo Pastore buono, che ogni giorno si dona a noi nel segno del pane spezzato; ascoltiamo la sua voce e seguiamolo nelle vie della vita e, con Lui, andiamo incontro ai fratelli che attraversano con noi le strade di questo mondo, sempre amato e custodito dal e nel cuore del Padre.

http://www.clarisesantagata.it


Rena Effendi, Transilvania - fatta di erba, ottobre 2012.

Gesù, il pastore bello e buono
Enzo Bianchi

Al tempo di Gesù i pastori erano presenti ovunque in Palestina e li si incontrava nelle campagne e nelle città, nelle pianure e sui monti. La figura del pastore era nota e si conoscevano i luoghi nei quali di giorno o di notte stava con le pecore, che fornivano latte, carne e formaggio. Nella Bibbia la figura del pastore è molto presente non solo come protagonista della narrazione, ma anche come parabola e tipologia. Sicché Dio, il Signore, è chiamato e riconosciuto come “Pastore d’Israele” (Sal 80,2), il suo popolo è detto “suo gregge” (cf. Sal 78,52; 95,7; 100,3), pecore che sono la sua proprietà. Le diverse situazioni in cui possono venire a trovarsi il pastore e il gregge servono pertanto a descrivere concrete condizioni storiche, quale lettura dei rapporti tra Dio e il suo popolo.

Dio è il Pastore, ma affinché questa sua qualità sia riconosciuta dai credenti, egli invia al suo gregge dei pastori, scelti “perché la comunità del Signore non sia un gregge senza pastore” (Nm 27,17). Ma questi pastori a volte diventano infedeli alla loro missione, diventano “cattivi pastori”; nello stesso tempo, altri che non sono stati inviati da Dio “si fanno pastori”, assumendo una funzione di servizio finalizzata in realtà al perseguimento dei propri fini. I profeti hanno più volte denunciato queste situazioni, nelle quali il popolo del Signore geme e soffre, ma hanno anche annunciato la venuta di Dio o del suo Messia quale pastore delle sue pecore (cf. Ger 23,1-6; 31,10; Ez 34,1-31).

Nel quarto vangelo, mentre Gesù si trova a Gerusalemme per celebrare la festa della Dedicazione del tempio, viene descritto uno scontro tra Gesù stesso e alcuni farisei, dopo la guarigione da parte sua in giorno di sabato di un cieco nato (cf. Gv 9). Grazie alla fede in Gesù, il cieco giunge a vedere, mentre le guide religiose appaiono cieche, incapaci di riconoscere in lui la missione di Dio. Gesù afferma dunque di essere venuto ad aprire un processo che manifesterà chi è cieco e chi invece vede, chi resta nell’incredulità e chi invece giunge alla luce (cf. Gv 9,40-41).

Questo però costituisce un esodo, un’uscita dal sistema religioso giudaico verso la comunità che aderisce a Gesù. La pretesa di Gesù è lampante e scandalosa, come ci viene presentata dalle espressioni che la comunità giovannea ha forgiato a partire dalle sue parole e azioni, contemplate, meditate e interpretate. Il discorso di Gesù è organizzato attorno alla formulazione di una paroimía (Gv 10,6), ossia di un enigma costruito per immagini (cf. Gv 10,1-6), cui segue la spiegazione che lo risolve in mistero di fede (cf. Gv 10,7-18) e infine una conclusione (cf. Gv 10,19-21).

Ecco dunque l’enigma: “Amen, amen io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un’altra parte, è un ladro e un brigante”. Le solenni parole di Gesù mettono in rilievo un’opposizione: vi sono quelli che entrano nel recinto del gregge non attraverso la porta, che è sorvegliata, ma scavalcando il recinto. Questi sono i ladri e i briganti: le pecore non appartengono a loro, ma essi vogliono impossessarsene. Sono ladri perché rubano e sono briganti, che possono entrare nel recinto solo con l’inganno; sono in realtà lupi (cf. At 20,28-30), falsi pastori che non si curano dei bisogni delle pecore ma pensano solo a se stessi.

Invece “il pastore delle pecore entra attraverso la porta” e il guardiano posto all’ingresso del recinto lo riconosce e gli apre; allora “le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori”. Gesù è questo pastore e il Padre è il guardiano che gli apre. È infatti il Padre che gli ha dato le pecore (cf. Gv 17,6-8), che lo ha inviato (cf. Gv 8,16.42), che gli ha messo tutte nelle mani (cf. Gv 3,35; 5,22). Dunque il Padre riconosce Gesù come pastore unico del gregge, e così fanno anche le pecore: esse riconoscono la sua voce, la ascoltano ed esultano, sentendosi da lui chiamate ciascuna con il proprio nome.

Gesù ha un compito preciso: chiamando le pecore per nome, le fa “uscire”, fa compiere loro un esodo dal recinto ai pascoli aperti, alla libertà. Questa azione è più del far uscire di Mosè dall’Egitto verso la terra promessa, perché è un far uscire dalla schiavitù alla libertà, dalla morte alla vita per sempre. In queste poche parole è delineato tutto il cammino del discepolo, pecora del gregge di Gesù: deve ascoltare la voce del pastore, deve riconoscerla come parola per sé, deve dunque conoscere il pastore e quindi seguirlo verso i pascoli della libertà, in vista di una “vita in abbondanza”.

Il pastore si definisce poi anche “porta”. L’enigma viene così spiegato mediante due affermazioni: “io sono la porta ” (Gv 10,7.9) e “io sono il buon pastore” (Gv 10,11.14). Si faccia attenzione: Gesù non dice di essere la porta del recinto, ma la porta delle pecore! Egli non è una porta che fa accedere a un recinto, a un’istituzione, ma una porta a servizio delle pecore. Nell’Antico Testamento l’immagine della porta è rivelativa di un passaggio verso il cielo (cf. Gen 28,17), di un passaggio per accedere alla presenza del Signore, alla sua Shekinah, nel tempio (cf. Is 60,11; Sal 118,19-20); ma qui è Gesù che diventa porta piccola e st . Mt 7,13-14; Lc 13,24), unica via di entrata e di uscita verso Dio, il Padre.

Venuta la pienezza dei tempi, quando “si adora Dio in Spirito e Verità” (cf. Gv 4,23-24), Gesù è ormai l’unico accesso a Dio, l’unica via per far parte del gregge del Signore: è una porta aperta su uno spazio senza limiti. Negli ultimi discorsi ai suoi discepoli dirà: “Io sono la via, la verità e la vita” (Gv 14,6), parole che esplicitano l’affermazione: “Io sono la porta”, che esprimono e sono il cammino che conduce alla conoscenza di Dio e dunque alla vita per sempre (cf. Gv 17,3). Queste parole di Gesù ci possono sorprendere e anche destabilizzare: com’è possibile che un uomo abbia vantato simili pretese? Eppure Giovanni mette in bocca a Gesù tali rivelazioni, perché così vuole la fede in colui che è il Figlio di Dio, il Messia venuto nel mondo.

Ecco allora la richiesta di discernimento su quanti sono venuti prima di Gesù, con la pretesa di essere pastori inviati da Dio: molti sono già venuti, ma erano ladri, briganti, estranei “venuti per rubare e sacrificare” (Gv 10,10), come dice letteralmente il testo (verbo thýo). Gesù non delegittima certo i “pastori” inviati da Dio – da Abramo fino ai profeti –, ma i falsi Messia, come aveva ben inteso già Ignazio di Antiochia: “Cristo è la porta del Padre, attraverso la quale sono entrati Abramo, Isacco, Giacobbe, i profeti, gli apostoli e la chiesa” (Ai filadelfesi 9).

In ogni tempo appaiono nel mondo e anche nella chiesa pretesi “unti”, falsi inviati, che Dio non ha mandato, uomini e donne che imputano al Signore le loro elucubrazioni, ma sono sempre riconoscibili da chi è credente attento in Gesù: non stanno in mezzo al gregge, ma al di sopra; non conoscono le pecore per nome, ma vogliono solo comandarle; non proteggono la pecora debole, ma la abbandonano; non vanno alla ricerca della pecora perduta, ma preferiscono stare con le altre dentro al recinto.

Gesù è dunque la porta da attraversare in libertà per andare e venire, per spingersi verso i pascoli del cielo e rientrare al riparo quando sopraggiunge la minaccia. È una porta di salvezza, che dona una salvezza non transitoria, come quella che talvolta gli umani si danno nella storia. Di conseguenza, è anche il pastore che desidera per le pecore una cosa sola: “la vita in abbondanza”. Per questo le fa uscire in libertà, su cammini di esodo nei quali si aprono orizzonti nuovi e si conoscono nuovi pascoli. Ecco la libertà dei figli di Dio, nella quale c’è anche protezione, perché – dice Gesù – “nessuno può rapire le mie pecore dalla mia mano” (Gv 10,28).

L’altra spiegazione dell’enigma consiste nell’autorivelazione di Gesù quale “pastore bello e buono”: “Io sono il pastore bello e buono (kalós), che depone la propria vita per le pecore” (Gv 10,11). La manifestazione della venuta “pastorale” di Gesù non consiste nelle idee, nella dottrina, nel solo insegnamento, ma nel deporre e spendere la vita per le pecore. Se Dio era cantato nel salmo quale Pastore del credente al quale nulla manca (cf. Sal 23,1), Gesù dice di sé che egli stesso dà la sua vita per le pecore. E se nei vangeli sinottici il pastore della parabola era pieno di amore, fino ad andare a cercare la pecora smarrita per riportarla a casa (cf. Mt 18,12-14; Lc 15,4-7), qui il pastore dà la sua vita sia per la pecora smarrita sia per quella che resta nel recinto.

Viene così individuato il rapporto tra il pastore e le pecore: una conoscenza reciproca che diventa amore, una conoscenza penetrativa attraverso la quale il pastore conosce le pecore in profondità nelle quali esse stesse non giungono a conoscersi; e le pecore giungono a riconoscere il pastore come colui che ha cura di loro perché le ama. Esperienza indicibile, eppure autentica, nella quale si ascolta la voce del pastore, si giunge a discernere la sua presenza elusiva, ma soprattutto ci si sente amati, compresi, perdonati da un amore che è sempre anche misericordia.

Ma accanto al buon pastore appare anche “il pastore salariato” (Gv 10,12), che svolge il suo compito e realizza il suo lavoro solo per il salario. Molti erano i pastori di questo tipo al tempo di Gesù e molti sono ancora oggi: non sono cattivi, non fanno del male, non rubano al popolo di Dio né lo maltrattano, ma sono meri funzionari! Se la chiesa fosse una macchina, potrebbe anche andare avanti così; ma la chiesa è il gregge del Signore, è una realtà viva, un corpo nel quale, se non c’è l’amore gratuito, avviene un triste sfiguramento. Il pastore salariato adempie il suo mestiere per quanto è pagato; per questo, se vede arrivare il lupo, pensa a salvare se stesso, non le pecore (cf. Gv 10,12-13). Gesù invece no! La sua missione di pastore è motivata solo dall’amore, e il Padre lo ama proprio per questo: perché sa donare la vita per le pecore, per poi riceverla di nuovo da lui (cf. Gv 10,14-15.17-18). La sua missione di dare e spendere la vita è indirizzata a tutti gli esseri umani, anche a quelli che appartengono ad altri ovili, non solo a quello di Israele. Verrà il giorno in cui anche queste pecore provenienti dalle genti potranno ascoltare la voce di Cristo e così divenire pecore del gregge che è il suo (cf. Gv 10,16): di lui, il solo pastore dell’umanità, di tutta la creazione.


Rena Effendi, Transilvania: fatta di erba, ottobre 2012.

 

Il racconto fotografico di Rena Effendi ci conduce in Transilvania una regione della Romania. Queste fotografie sono state commissionate dal National Geographic per affiancare un articolo dal quale trarrò alcuni dati che meglio avvicinano queste immagini al vangelo.

Tutta questa serie fotografica fa sorgere un senso di silenzio. Le altre serie fotografiche proposte per la quaresima e per il tempo di pasqua nascevano da contesti più rumoroso, di solito di guerra. In questo caso veniamo proiettati in un contesto rurale, possiamo immaginare al massimo i fruscii dell’erba o il crepitare del fuoco. Un paesaggio e una vita lenti dai colori vividi. In queste immagini è davvero un trionfo di colori e di volti. La scelta della fotografa di inquadrare le immagini utilizzando una forma prettamente quadrata e non rettangolare come solitamente siamo abituati a fruire le immagini le avvicina agli scatti delle vecchie polaroid. Sono tutti piccoli accenni fatti al nostro occhio per narrarci il clima familiare e sereno che queste immagini evocano.

Rena Effendi, Transilvania, composizione

Rena Effendi, Transilvania, composizione
La foto che esemplifico dal punto di vista compositivo è quella con il covone di grano. Il contadino in piedi sul covone è al centro della composizione divisa in quarti dell’immagine ed è il centro al quale il nostro occhio è richiamato. Il punto di vista leggermente rialzato dell’inquadratura permette di vedere la prospettiva dei campi (segnata con le linee viola come se fossero le linee di fuga di un quadro rinascimentale) e le varie linee dell’orizzonte (segnate in azzurro). Questa immagine sembra un già visto…come mai? Perché riprende tantissimi riferimenti ai quadri fiamminghi in cui si narra la vita nelle campagne come pretesto per una narrazione simbolica. Le piccole figure in basso e il giallo dei covoni sono un chiaro riferimento ottico alla pittura a olio su tavola tre il XV e il XVI secolo.

La foto di Effendi in paragone alla tavola centrale di Hieronymus Bosch "Trittico del carro di fieno" datato al 1516

La foto di Effendi in paragone alla tavola centrale di Hieronymus Bosch “Trittico del carro di fieno” datato al 1516

Questo clima di attenzione alla natura che sostiene la vita dell’uomo è quello che caratterizza il vangelo di questa domenica. Nell’articolo del National Geographic che parla delle persone ritratte in queste foto si scrive che chiunque di oltre 20 anni in questo territorio può riconoscere e nominare più di 120 specie di piante. Anche i bambini conoscono il 45-50 per cento delle specie. Questo si spiega perché gli abitanti di questa regione conoscono la terra dal quale traggono sostentamento e le sue caratteristiche, Saper nominare queste piante è amarle, riconoscerle come compagne e donatrici di vita, così come il pastore conosce le sue pecore per nome. Riconosce il suo legame, non banale, ma sostanziale con il suo gregge. Un amore che è comprensione.Un mercenario non ha questo interesse verso il gregge perché non lo riconosce come sostanziale alla sua vita.

Siamo anche noi capaci di un legame di tenerezza di questo tipo? Di saperci riconoscere amati e amare a nostra volta?\
I volti segnati, sofferti eppur vispi di queste famiglie dovrebbero ricordarci che la vita è più semplice di come la immaginiamo.

a cura di fratel Elia

http://www.monasterodibose.it


 

Al tempo di Gesù i pastori erano presenti ovunque in Palestina e li si incontrava nelle campagne e nelle città, nelle pianure e sui monti. La figura del pastore era nota e si conoscevano i luoghi nei quali di giorno o di notte stava con le pecore, che fornivano latte, carne e formaggio. Nella Bibbia la figura del pastore è molto presente non solo come protagonista della narrazione, ma anche come parabola e tipologia. Sicché Dio, il Signore, è chiamato e riconosciuto come “Pastore d’Israele” (Sal 80,2), il suo popolo è detto “suo gregge” (cf. Sal 78,52; 95,7; 100,3), pecore che sono la sua proprietà. Le diverse situazioni in cui possono venire a trovarsi il pastore e il gregge servono pertanto a descrivere concrete condizioni storiche, quale lettura dei rapporti tra Dio e il suo popolo.

Dio è il Pastore, ma affinché questa sua qualità sia riconosciuta dai credenti, egli invia al suo gregge dei pastori, scelti “perché la comunità del Signore non sia un gregge senza pastore” (Nm 27,17). Ma questi pastori a volte diventano infedeli alla loro missione, diventano “cattivi pastori”; nello stesso tempo, altri che non sono stati inviati da Dio “si fanno pastori”, assumendo una funzione di servizio finalizzata in realtà al perseguimento dei propri fini. I profeti hanno più volte denunciato queste situazioni, nelle quali il popolo del Signore geme e soffre, ma hanno anche annunciato la venuta di Dio o del suo Messia quale pastore delle sue pecore (cf. Ger 23,1-6; 31,10; Ez 34,1-31).

Nel quarto vangelo, mentre Gesù si trova a Gerusalemme per celebrare la festa della Dedicazione del tempio, viene descritto uno scontro tra Gesù stesso e alcuni farisei, dopo la guarigione da parte sua in giorno di sabato di un cieco nato (cf. Gv 9). Grazie alla fede in Gesù, il cieco giunge a vedere, mentre le guide religiose appaiono cieche, incapaci di riconoscere in lui la missione di Dio. Gesù afferma dunque di essere venuto ad aprire un processo che manifesterà chi è cieco e chi invece vede, chi resta nell’incredulità e chi invece giunge alla luce (cf. Gv 9,40-41).

Questo però costituisce un esodo, un’uscita dal sistema religioso giudaico verso la comunità che aderisce a Gesù. La pretesa di Gesù è lampante e scandalosa, come ci viene presentata dalle espressioni che la comunità giovannea ha forgiato a partire dalle sue parole e azioni, contemplate, meditate e interpretate. Il discorso di Gesù è organizzato attorno alla formulazione di una paroimía (Gv 10,6), ossia di un enigma costruito per immagini (cf. Gv 10,1-6), cui segue la spiegazione che lo risolve in mistero di fede (cf. Gv 10,7-18) e infine una conclusione (cf. Gv 10,19-21).

Ecco dunque l’enigma: “Amen, amen io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un’altra parte, è un ladro e un brigante”. Le solenni parole di Gesù mettono in rilievo un’opposizione: vi sono quelli che entrano nel recinto del gregge non attraverso la porta, che è sorvegliata, ma scavalcando il recinto. Questi sono i ladri e i briganti: le pecore non appartengono a loro, ma essi vogliono impossessarsene. Sono ladri perché rubano e sono briganti, che possono entrare nel recinto solo con l’inganno; sono in realtà lupi (cf. At 20,28-30), falsi pastori che non si curano dei bisogni delle pecore ma pensano solo a se stessi.

Invece “il pastore delle pecore entra attraverso la porta” e il guardiano posto all’ingresso del recinto lo riconosce e gli apre; allora “le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori”. Gesù è questo pastore e il Padre è il guardiano che gli apre. È infatti il Padre che gli ha dato le pecore (cf. Gv 17,6-8), che lo ha inviato (cf. Gv 8,16.42), che gli ha messo tutte nelle mani (cf. Gv 3,35; 5,22). Dunque il Padre riconosce Gesù come pastore unico del gregge, e così fanno anche le pecore: esse riconoscono la sua voce, la ascoltano ed esultano, sentendosi da lui chiamate ciascuna con il proprio nome.

Gesù ha un compito preciso: chiamando le pecore per nome, le fa “uscire”, fa compiere loro un esodo dal recinto ai pascoli aperti, alla libertà. Questa azione è più del far uscire di Mosè dall’Egitto verso la terra promessa, perché è un far uscire dalla schiavitù alla libertà, dalla morte alla vita per sempre. In queste poche parole è delineato tutto il cammino del discepolo, pecora del gregge di Gesù: deve ascoltare la voce del pastore, deve riconoscerla come parola per sé, deve dunque conoscere il pastore e quindi seguirlo verso i pascoli della libertà, in vista di una “vita in abbondanza”.

Il pastore si definisce poi anche “porta”. L’enigma viene così spiegato mediante due affermazioni: “io sono la porta ” (Gv 10,7.9) e “io sono il buon pastore” (Gv 10,11.14). Si faccia attenzione: Gesù non dice di essere la porta del recinto, ma la porta delle pecore! Egli non è una porta che fa accedere a un recinto, a un’istituzione, ma una porta a servizio delle pecore. Nell’Antico Testamento l’immagine della porta è rivelativa di un passaggio verso il cielo (cf. Gen 28,17), di un passaggio per accedere alla presenza del Signore, alla sua Shekinah, nel tempio (cf. Is 60,11; Sal 118,19-20); ma qui è Gesù che diventa porta piccola e st . Mt 7,13-14; Lc 13,24), unica via di entrata e di uscita verso Dio, il Padre.

Venuta la pienezza dei tempi, quando “si adora Dio in Spirito e Verità” (cf. Gv 4,23-24), Gesù è ormai l’unico accesso a Dio, l’unica via per far parte del gregge del Signore: è una porta aperta su uno spazio senza limiti. Negli ultimi discorsi ai suoi discepoli dirà: “Io sono la via, la verità e la vita” (Gv 14,6), parole che esplicitano l’affermazione: “Io sono la porta”, che esprimono e sono il cammino che conduce alla conoscenza di Dio e dunque alla vita per sempre (cf. Gv 17,3). Queste parole di Gesù ci possono sorprendere e anche destabilizzare: com’è possibile che un uomo abbia vantato simili pretese? Eppure Giovanni mette in bocca a Gesù tali rivelazioni, perché così vuole la fede in colui che è il Figlio di Dio, il Messia venuto nel mondo.

Ecco allora la richiesta di discernimento su quanti sono venuti prima di Gesù, con la pretesa di essere pastori inviati da Dio: molti sono già venuti, ma erano ladri, briganti, estranei “venuti per rubare e sacrificare” (Gv 10,10), come dice letteralmente il testo (verbo thýo). Gesù non delegittima certo i “pastori” inviati da Dio – da Abramo fino ai profeti –, ma i falsi Messia, come aveva ben inteso già Ignazio di Antiochia: “Cristo è la porta del Padre, attraverso la quale sono entrati Abramo, Isacco, Giacobbe, i profeti, gli apostoli e la chiesa” (Ai filadelfesi 9).

In ogni tempo appaiono nel mondo e anche nella chiesa pretesi “unti”, falsi inviati, che Dio non ha mandato, uomini e donne che imputano al Signore le loro elucubrazioni, ma sono sempre riconoscibili da chi è credente attento in Gesù: non stanno in mezzo al gregge, ma al di sopra; non conoscono le pecore per nome, ma vogliono solo comandarle; non proteggono la pecora debole, ma la abbandonano; non vanno alla ricerca della pecora perduta, ma preferiscono stare con le altre dentro al recinto.

Gesù è dunque la porta da attraversare in libertà per andare e venire, per spingersi verso i pascoli del cielo e rientrare al riparo quando sopraggiunge la minaccia. È una porta di salvezza, che dona una salvezza non transitoria, come quella che talvolta gli umani si danno nella storia. Di conseguenza, è anche il pastore che desidera per le pecore una cosa sola: “la vita in abbondanza”. Per questo le fa uscire in libertà, su cammini di esodo nei quali si aprono orizzonti nuovi e si conoscono nuovi pascoli. Ecco la libertà dei figli di Dio, nella quale c’è anche protezione, perché – dice Gesù – “nessuno può rapire le mie pecore dalla mia mano” (Gv 10,28).

L’altra spiegazione dell’enigma consiste nell’autorivelazione di Gesù quale “pastore bello e buono”: “Io sono il pastore bello e buono (kalós), che depone la propria vita per le pecore” (Gv 10,11). La manifestazione della venuta “pastorale” di Gesù non consiste nelle idee, nella dottrina, nel solo insegnamento, ma nel deporre e spendere la vita per le pecore. Se Dio era cantato nel salmo quale Pastore del credente al quale nulla manca (cf. Sal 23,1), Gesù dice di sé che egli stesso dà la sua vita per le pecore. E se nei vangeli sinottici il pastore della parabola era pieno di amore, fino ad andare a cercare la pecora smarrita per riportarla a casa (cf. Mt 18,12-14; Lc 15,4-7), qui il pastore dà la sua vita sia per la pecora smarrita sia per quella che resta nel recinto.

Viene così individuato il rapporto tra il pastore e le pecore: una conoscenza reciproca che diventa amore, una conoscenza penetrativa attraverso la quale il pastore conosce le pecore in profondità nelle quali esse stesse non giungono a conoscersi; e le pecore giungono a riconoscere il pastore come colui che ha cura di loro perché le ama. Esperienza indicibile, eppure autentica, nella quale si ascolta la voce del pastore, si giunge a discernere la sua presenza elusiva, ma soprattutto ci si sente amati, compresi, perdonati da un amore che è sempre anche misericordia.

Ma accanto al buon pastore appare anche “il pastore salariato” (Gv 10,12), che svolge il suo compito e realizza il suo lavoro solo per il salario. Molti erano i pastori di questo tipo al tempo di Gesù e molti sono ancora oggi: non sono cattivi, non fanno del male, non rubano al popolo di Dio né lo maltrattano, ma sono meri funzionari! Se la chiesa fosse una macchina, potrebbe anche andare avanti così; ma la chiesa è il gregge del Signore, è una realtà viva, un corpo nel quale, se non c’è l’amore gratuito, avviene un triste sfiguramento. Il pastore salariato adempie il suo mestiere per quanto è pagato; per questo, se vede arrivare il lupo, pensa a salvare se stesso, non le pecore (cf. Gv 10,12-13). Gesù invece no! La sua missione di pastore è motivata solo dall’amore, e il Padre lo ama proprio per questo: perché sa donare la vita per le pecore, per poi riceverla di nuovo da lui (cf. Gv 10,14-15.17-18). La sua missione di dare e spendere la vita è indirizzata a tutti gli esseri umani, anche a quelli che appartengono ad altri ovili, non solo a quello di Israele. Verrà il giorno in cui anche queste pecore provenienti dalle genti potranno ascoltare la voce di Cristo e così divenire pecore del gregge che è il suo (cf. Gv 10,16): di lui, il solo pastore dell’umanità, di tutta la creazione.


Rena Effendi, Transilvania: fatta di erba, ottobre 2012.

Il racconto fotografico di Rena Effendi ci conduce in Transilvania una regione della Romania. Queste fotografie sono state commissionate dal National Geographic per affiancare un articolo dal quale trarrò alcuni dati che meglio avvicinano queste immagini al vangelo.

Tutta questa serie fotografica fa sorgere un senso di silenzio. Le altre serie fotografiche proposte per la quaresima e per il tempo di pasqua nascevano da contesti più rumoroso, di solito di guerra. In questo caso veniamo proiettati in un contesto rurale, possiamo immaginare al massimo i fruscii dell’erba o il crepitare del fuoco. Un paesaggio e una vita lenti dai colori vividi. In queste immagini è davvero un trionfo di colori e di volti. La scelta della fotografa di inquadrare le immagini utilizzando una forma prettamente quadrata e non rettangolare come solitamente siamo abituati a fruire le immagini le avvicina agli scatti delle vecchie polaroid. Sono tutti piccoli accenni fatti al nostro occhio per narrarci il clima familiare e sereno che queste immagini evocano.

Rena Effendi, Transilvania, composizione

Rena Effendi, Transilvania, composizione

La foto che esemplifico dal punto di vista compositivo è quella con il covone di grano. Il contadino in piedi sul covone è al centro della composizione divisa in quarti dell’immagine ed è il centro al quale il nostro occhio è richiamato. Il punto di vista leggermente rialzato dell’inquadratura permette di vedere la prospettiva dei campi (segnata con le linee viola come se fossero le linee di fuga di un quadro rinascimentale) e le varie linee dell’orizzonte (segnate in azzurro). Questa immagine sembra un già visto…come mai? Perché riprende tantissimi riferimenti ai quadri fiamminghi in cui si narra la vita nelle campagne come pretesto per una narrazione simbolica. Le piccole figure in basso e il giallo dei covoni sono un chiaro riferimento ottico alla pittura a olio su tavola tre il XV e il XVI secolo.

La foto di Effendi in paragone alla tavola centrale di Hieronymus Bosch "Trittico del carro di fieno" datato al 1516

La foto di Effendi in paragone alla tavola centrale di Hieronymus Bosch “Trittico del carro di fieno” datato al 1516

Questo clima di attenzione alla natura che sostiene la vita dell’uomo è quello che caratterizza il vangelo di questa domenica. Nell’articolo del National Geographic che parla delle persone ritratte in queste foto si scrive che chiunque di oltre 20 anni in questo territorio può riconoscere e nominare più di 120 specie di piante. Anche i bambini conoscono il 45-50 per cento delle specie. Questo si spiega perché gli abitanti di questa regione conoscono la terra dal quale traggono sostentamento e le sue caratteristiche, Saper nominare queste piante è amarle, riconoscerle come compagne e donatrici di vita, così come il pastore conosce le sue pecore per nome. Riconosce il suo legame, non banale, ma sostanziale con il suo gregge. Un amore che è comprensione.Un mercenario non ha questo interesse verso il gregge perché non lo riconosce come sostanziale alla sua vita.

Siamo anche noi capaci di un legame di tenerezza di questo tipo? Di saperci riconoscere amati e mare a nostra volta?

I volti segnati, sofferti eppur vispi di queste famiglie dovrebbero ricordarci che la vita è più semplice di come la immaginiamo.

a cura di fratel Elia

Un commento su “IV Domenica di Pasqua (A) Commento

  1. Pingback: IV DOMENICA DI PASQUA (A) COMMENTO · In cammino verso Gesù Cristo,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/04/2020 da in Anno A, ITALIANO, Pasqua (A).

  • 472.236 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 884 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: