COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

L’incredulità davanti al dono


volete-andare-anche-voi


Giovanni 6,60-69
Commento di Silvano Fausti

Questo brano vuole evidenziare l’incredulità che c’è in noi davanti al dono. E’ una cosa antica l’incredulità davanti al dono. Già Adamo ed Eva nel giardino avevano il dono di essere a immagine e somiglianza di Dio… non ci credevano, l’hanno voluta rapire. E Israele nella terra promessa ha avuto il dono della terra, non ha accettato il dono, l’ha voluta possedere, è andato in esilio così l’uomo è uscito dall’Eden.
Così in questo dono che è il dono assoluto di Dio in cui dona se stesso, la reazione dell’uomo è non credere a questo dono, viverlo in altro modo, non accettare lo scandalo del dono. Comunque il dono è originario, precede ogni tentazione, ogni caduta, ogni tradimento e rimane oltre ogni caduta, ogni tentazione, ogni tradimento perché il dono di Dio è irrevocabile.
Il senso dell’Eucarestia è questo, che Gesù si dona a chi lo tradisce, a chi lo rinnega, perché non i sani hanno bisogno del medico ma i malati. E questo brano descrive lo scandalo, questa volta dei discepoli, davanti al fatto che Gesù da la sua carne e il suo sangue, da la vita, cioè vuol dire che muore. Loro si aspettavano che con un buon inizio così, avendo sfamato cinquemila persone, tutto andasse bene e si cominciasse quel Regno di Dio che tutti sempre promettono: tutti mangerete a sazietà, tutti starete bene ecc…ecc…
Gesù invece dice: questo qui è un segno di qualcos’altro, che dovete imparare a condividere il pane, a porre la vita al servizio degli altri, a diventare come il pane che si mette nelle mani degli altri perché Dio chi è? Non è uno che ha in mano tutto e tutti ma è uno che si mette nelle mani di tutti, al servizio di tutti. Volete essere come Dio? Ecco mangiate di questo pane, vivete di questo pane.
Quindi capite che lo scandalo che subiscono i discepoli è inevitabile… perché noi abbiamo un’immagine di Dio che è d un certo tipo, del Dio onnipotente… noi vogliamo essere come Lui. Il pane invece ci presenta un Dio che si fa pane, che si mette al servizio della vita, che si fa mangiare per diventare nostra vita, che non domina nessuno ma serve tutti, che scompare (perché il pane scompare).
Quindi c’è una concezione di Dio diversa, di un Dio che è amore, che non è potere, non è dominio, non è sopraffazione, non è violenza ma è un Dio che è dono, perdono, umiltà e servizio. E l’uomo vero a immagine di Dio è questo. E mangiare questo pane vuol dire vivere esattamente come Cristo, come Dio.

http://www.gesuiti-villapizzone.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/05/2020 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag .

  • 507.987 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 913 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: