COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Le regole per la celebrazione delle messe in presenza dei fedeli

Le regole per la celebrazione delle messe in presenza dei fedeli


Il protocollo tra CEI e Governo entrerà in vigore lunedì 18 maggio 2020 e presenta misure di sicurezza riguardanti chiese, accessi e liturgia.


Il protocollo tra CEI e Governo entrerà in vigore lunedì 18 maggio 2020 e presenta misure di sicurezza riguardanti chiese, accessi e liturgia.

È stato firmato oggi dal presidente del Consiglio dei Ministri, dal presidente della CEI e dal ministero dell’Interno il protocollo che permetterà una prima ripresa delle celebrazioni liturgiche con la presenza dei fedeli. Il documento, che entrerà in vigore lunedì 18 maggio 2020, presenta le misure di sicurezza da mettere in pratica per il contenimento della diffusione del coronavirus durante le messe.

L’accesso alla chiesa è individuale, ovvero non ci devono essere assembramenti sia nell’edificio che negli spazi annessi, come il sagrato e le sacrestie. Le persone devono quindi stare sempre a un metro di distanza tra loro e, per questo, il parroco deve valutare la capienza massima del luogo.
All’ingresso della chiesa, dei volontari o collaboratori, che devono indossare dispositivi di protezione individuale, guanti monouso e un evidente segno di riconoscimento, vigilano sull’ordine, sull’uso delle mascherine e sul numero massimo di persone consentite.
Si invitano i fedeli ad arrivare ordinatamente, mettersi in fila a un metro e mezzo di distanza e, se possibile, distribuirsi tra i diversi accessi, le cui porte vanno tenute aperte in fase di entrata e uscita e dove vanno resi disponibili liquidi igienizzanti. Non è consentito l’accesso alla messa nel caso in cui il fedele abbia sintomi influenzali o respiratori, febbre pari o superiore ai 37,5°C o sia stato in contatto con persone positive al Covid-19 nei giorni precedenti. Per quanto possibile, va previsto un luogo apposito per la partecipazione delle persone disabili.

La chiesa e la sagrestia vanno igienizzate al termine di ogni celebrazione mediante la pulizia delle superfici con idonei detergenti ad azione antisettica, favorendo anche il ricambio dell’aria. I vasi sacri, le ampolline, i microfoni e gli altri oggetti utilizzati durante la messa sono da disinfettare accuratamente. Le acquasantiere devono rimanere sempre vuote.

I concelebranti sono tenuti al rispetto della distanza di un metro anche nel presbiterio, come i fedeli nelle panche, dove non vanno lasciati sussidi per i canti o di altri tipo. Lo scambio del segno di pace va completamente omesso, mentre la distribuzione della comunione deve essere fatta dal sacerdote con guanti monouso e mascherina che copra naso e bocca, mantenendo un’adeguata distanza di sicurezza e offrendo l’ostia senza venire a contatto con le mani dei fedeli. Le offerte non vanno raccolte durante la celebrazione, ma attraverso appositi contenitori da collocare all’ingresso o in un altro spazio idoneo. Può essere presente un organista, ma non un coro. Queste disposizioni valgono anche in caso di battesimo, matrimonio, unzione degli infermi ed esequie (la confermazione è rinviata). Il sacramento della penitenza deve essere amministrato in locali ampi e aerati che garantiscano la distanza e la riservatezza, con il sacerdote e il fedele che indossano sempre la mascherina.

Ogni parroco deve diffondere nella propria comunità il contenuto del protocollo e all’ingresso di ogni chiesa va affisso un manifesto con le regole essenziali, tra le quali sono indispensabili: il numero massimo di partecipanti; il divieto di ingresso per chi ha i sintomi indicati o è stato in contatto con persone positive al coronavirus; gli obblighi della distanza di sicurezza, dell’igienizzazione delle mani e della mascherina.
Si suggerisce poi che, in caso di luogo di culto non idoneo al rispetto di tutte queste indicazioni, si può valutare di celebrare la messa all’aperto, assicurandone la dignità e comunque il rispetto delle disposizioni sanitarie. Si ricorda infine che per motivi di età e salute c’è la dispensa dal precetto festivo e, per andare incontro a chi non può partecipare, si favoriscono le trasmissioni delle celebrazioni in modalità streaming.

7 Maggio 2020

(Rete Sicomoro)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 09/05/2020 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag .

  • 584.271 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 941 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: