COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Enzo Bianchi – Cosa significa vivere da stranieri


Vivere da stranieri


Da sempre l’essere umano vive un profondo legame con la porzione di terra sulla quale viene al mondo e in cui abita: per questo la definisce patria, terra dei padri, e la sente come sua propria. Di fronte a questa realtà, dello stesso ordine dei legami di sangue, vi è però un’altra possibilità di considerare il mondo: vivere da stranieri, da pellegrini, fino a manifestare nella compagnia degli uomini una “differenza” rispetto agli altri.

Solo un esempio, al riguardo: si è dimenticato ben presto che i cristiani, all’inizio della loro vicenda storica e sociale, si chiamavano “quelli della via” ( Atti degli apostoli 9,2) e amavano definirsi “stranieri e pellegrini” ( Prima lettera di Pietro 2,11), ossia “quelli che abitano presso”, che costantemente montano e smontano la tenda, consapevoli di non avere una patria. E come dimenticare ciò che l’A Diogneto, mirabile testo del II secolo, dice a proposito dei cristiani? “Abitano una loro patria, ma come stranieri ( pároikoi). Ogni terra straniera ( xéne) è patria per loro e ogni patria è terra straniera ( xéne)”.

Ma questa dinamica attiene in modo più generale all’humanitas, alla vita umana sulla terra. Ovvero, vivere una “stranierità” antropologica di fondo consente di misurarsi quotidianamente con l’irriducibile dialettica tra appartenenza e differenza, tra convivenza civile e alterità. Scrive la grande pensatrice francese Julia Kristeva: “Lo straniero ci abita: è la faccia nascosta della nostra identità. Lo straniero è in noi stessi.

Se fuggiamo lo straniero e lo combattiamo, combattiamo contro il nostro inconscio. Lo straniero vive in me, dunque noi tutti siamo stranieri”. Ed Edmond Jabès faceva eco: “Lo straniero ti permette di essere te stesso, facendo di te uno straniero. La distanza che ci separa dallo straniero è quella stessa che ci separa da noi”.

Se dunque “ognuno di noi è straniero a se stesso”, la stranierità è una dimensione costitutiva dell’umano. Vivere da stranieri in questo mondo non equivale a evadere dalla storia, ma è un modo altro di discernere il mondo e le relazioni: significa non lasciare posto a logiche nazionalistiche o localistiche; non lasciare che il legame con la propria terra produca rifiuto degli altri, delle loro culture, fedi, etiche… Significa percepirsi come ospiti in ogni porzione di terra, chiamati a renderla insieme, nel dialogo difficile ma imprescindibile, più bella e abitabile.

Stranierità vuol dire rinuncia a essere “padroni di casa”, abbandono dell’autosufficienza che genera l’esclusione dell’altro. In positivo, si manifesta come solidarietà e soprattutto condivisione (vero nome della carità intelligente), praticata da chi ha rinunciato a possedere la terra per sé. Da chi, sentendosi sempre straniero, pellegrino e viandante, può ricominciare ogni giorno animato da una convinzione: “Mai senza l’altro”. Sempre in cammino, sempre in ricerca, semplice amante della bellezza e della gioia condivise.

La Repubblica – 29 giugno 2020
http://www.monasterodibose.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/06/2020 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag .

  • 471.223 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 883 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: