COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Malaria, il killer che uccide più del Covid-19


malaria


Mentre l’attenzione del mondo è concentrata sull’epidemia di coronavirus, in Africa si fanno ancora i conti con una malattia antica eppure pericolosissima: la malaria. Nel 2018, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, il paludismo, provocato da un plasmodio trasmesso dalla puntura delle zanzare, ha colpito 228 milioni di persone e ha causato 405mila vittime. Nel solo continente africano i casi sono 213 milioni (il 93% del totale) e i morti 403mila. Una tragedia quasi dimenticata e di proporzioni vastissime se consideriamo che il coronavirus ha colpito «solo» 480mila persone e ha fatto 11mila vittime.

Non si tratta di fare classifiche tra diverse patologie, ma solo sottolineare come la malaria sia una minaccia che non è sparita. I casi, è vero, stanno calando, ma molto lentamente se consideriamo che il plasmodio aveva colpito 251 milioni di persone nel 2010 e 231 nel 2017. Ed è proprio l’Africa la regione più devastata. Più del 50% dei casi sono concentrati in sei nazioni africane: Nigeria (25%), Rd Congo (12%), Uganda (5%), Costa d’Avorio (4%), Mozambico (4%) e Niger (4%). Anche i morti sono in gran parte in Africa (94%): Nigeria (24%), Rd Congo (11%), Tanzania (5%), Angola (4%), Mozambico (4%) e Niger (4%).

La malaria influenza negativamente e in maniera significativa anche l’economia. Nei Paesi in cui è largamente diffusa, ampi strati delle popolazioni affette, pur non sviluppando le forme più gravi grazie all’immunità adattativa, non sono infatti in grado di lavorare efficacemente per lunghi periodi, senza contare i gravosi costi sanitari che si devono affrontare per la prevenzione e la cura.

Per contrastare questa patologia così diffusa, nei mesi scorsi è partita la sperimentazione di un vaccino in Kenya, Malawi e Ghana. Il Mosquirix, così si chiama, usa una proteina del parassita nel tentativo di bloccare l’infezione al livello iniziale. Il sistema immunitario del bimbo vaccinato dovrebbe riconoscere il parassita e produrre gli anticorpi necessari a debellarlo. Approvato nel 2015 dall’Oms, il Mosquirix è stato offerto nei tre Paesi pilota a 360mila bambini (la fascia di età più colpita è quella sotto i 5 anni).

«Se questo vaccino funziona, avremo anche più ore a disposizione per occuparci di altre malattie», sottolinea un’infermiera. I medici spiegano alla gente del villaggio che il vaccino non sostituirà i farmaci antimalarici o l’uso delle zanzariere, ma che sarà un’arma in più. L’arma che mancava per debellare una malattia così antica eppure ancora così minacciosa.

Enrico Casale
13 luglio 2020
https://www.africarivista.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14/07/2020 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , .

  • 471.231 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 883 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: