COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Se questo è un Masai

I celebri pastori della savana, diffusi tra Kenya e Tanzania, vengono raffigurati come fieri e autentici guerrieri, custodi di costumi e tradizioni imperturbabili nel tempo. Un’altra rappresentazione distorta dall’esotismo e dai pregiudizi

FCR01476KEN

A Maasai warrior stands on rocks in Lake Natron. / LUZ 

Provate a travestirvi da centurione romano e passeggiate intorno al Colosseo. Sarete soggetto di ripresa foto-video da parte di migliaia di turisti. Insistendo un po’, potreste guadagnare qualche soldo. Avete appena partecipato al fenomeno che gli antropologi definiscono ethnoshow, la rappresentazione cultural-farsesca del sé di intere popolazioni affamate. Tipo “notte della taranta”, per intenderci: chi si fa mordere dalla scolopendra per danzare?

Prendete i Masai. Nell’immaginario dell’Occidente essi sono: pastori nomadi di savana tra Kenya e Tanzania; razziatori e guerrieri armati di lancia; gente che, per divenire uomo, deve abbattere un leone con le proprie mani e farsi un’acconciatura con la criniera; uomini, donne e bambini abituati a vivere orgogliosamente in capanne ricoperte di sterco di vacca, circondati da mosche e bovini che amano alla follia; e, il che non guasta per la parte video, alti, magri, belli, vestiti di stoffe rosse e coperti di collane di perline; sono anche capaci di danzare a grandi balzi verticali, in trance. La domanda è: un Masai grasso (ce ne sono: date un’occhiata ai loro leader politici; d’altra parte, avete mai visto un politico africano magro?), uno che studia medicina a Londra, in giacca blu e cravatta regimental; uno che evita accuratamente le deiezioni bovine – è costui davvero un Masai?

Masai-3

Sguardo miope

Ogni cultura si regge sui cliché, uno specchio dell’anima offerto all’occhio altrui. Quasi sempre, il cliché è autocostruito su basi fasulle e narcisistiche (tutte le narrazioni dei vari nazional-populismi lo sono, per opportunismo politico e organizzazione del consenso), come avviene nei profili sui social. Queste forme per presentarsi agli altri diventano spesso trappole; come cantava Bob Dylan in Ballad in Plain D (1962): «Are birds free from the chains of the skyway?». Se neppure gli uccelli sono liberi dalle catene del cielo, i Masai si trovarono a fare i conti con la propria immagine, un cliché che si rivelò pericoloso quando arrivarono gli amministratori coloniali a fine Ottocento. A questi non parve vero di avere degni avversari, ovviamente trascurando il fatto che loro erano armati di fucili a ripetizione e mitragliatrici, che usarono contro le lance dei Masai.

Il cliché fece qualche morto. In seguito, fu lo stilema della pastorizia a uccidere altri Masai. La pastorizia a largo raggio prevede territori aperti, assenza di confini, libero accesso alle risorse. Niente da fare: per i Masai nacquero da subito politiche di pastorizia confinata (ranching) e azioni di erosione territoriale a favore dell’agricoltura estensiva. Non potendo evitare le zecche tramite le transumanze e costretti a densità eccessiva di bestiame e conseguente sovrappascolo, il nomadismo divenne condizione miserevole, marginalizzata anche a livello sociale.

STO00978KEN

Ben Koissaba, chairman of Maa Civil Society Forum, an activist group, wearing traditional clothes and a Nokia mobile telephone. The Masai are demonstrating against the fact that their communal land is being sold to other tribes. Because of their semi-nomadic lifestyle and lack of political representation, their interests have been marginalised. / LUZ

In posa per i turisti

L’arrivo del turismo di massa in Kenya e Tanzania diede un’innovativa chance di sopravvivenza ai Masai: la rappresentazione di sé stessi secondo cliché. Contemporaneamente successe l’identica cosa ai Tuareg del Sahara, anch’essi alti, belli e predoni, oltre che razzisti e trafficanti di schiavi. I giovani Masai che vivevano lungo le rotte turistiche (la riserva del Masai Mara viene da loro data in affitto al governo del Kenya, mentre in Tanzania hanno il permesso di pascolare tra zebre e leoni nel cratere di Ngorongoro) rispolverarono le tarmate criniere di leone (peraltro impossibili da ripristinare, date le severissime leggi contro la caccia) e le lance. I guerrieri si pitturarono di ocra rossa («facite ‘a faccia feroce!» di napoletana memoria) e cominciarono a vendere daghe agli assatanati dell’autenticità “tribale”, oltre alle fotografie di sé medesimi.

Fino agli anni Settanta, prima del boom dei viaggiatori d’avventura, la fotografia era un anatema per i Masai: ricordo un atterrito turista che mi narrò di aver viso partire un paio di lance verso il suo autobus stracolmo di attrezzature fotografiche.

Mondo che cambia…

Ovviamente, all’interno delle savane e sui monti esistono e resistono i Masai “autentici”. Il loro mondo è comunque mutato, assieme alle loro tuniche rosse, divenute a quadretti per questioni di mercato, oltre che di scelta estetica. In realtà, i Masai adorano le innovazioni tecnologiche, a modo loro.

Cominciarono con gli scaldamuscoli. Chissà dove li hanno visti. Fatto sta che i guerrieri (il-muran) iniziarono a fare incetta di calze di lana a colori bestiali, per poi tagliarne i pedalini e avvolgere il rimanente alle caviglie. Poi arrivarono le girandole di plastica sulla fronte (recentemente sostituite da roselline artificiali). Per aumentarne l’effetto, i guerrieri si impossessarono della tecnologia della bicicletta. Ora si aggirano sulle piste rosse con decorazioni nastrate al telaio e al carter, manubrio foderato di perline e girandola a tutta birra.

Più inquietanti sono la daga al fianco e il kalashnikov AK-47 a tracolla. Non parliamo degli smartphone. Nel 1968, quando cercai di raggiungere le famiglie masai a Pawaga, in Tanzania, dovetti traversare il fiume Ruaha in un cestello appeso sui coccodrilli, tirato a mano da me stesso.

STO05649KEN

Jeff Natekinye ole Sadera (28 years old, in the middle) with his friends at home in the evening. During the day he works as a tour guide, showing tourists all the wild animals which previous generations Masai used to hunt because they were killing their cattle. Masai communities are living on the edges of the National Park. Traditionally they move around with their cattle and goats and sheep. But urbanization, expanding agricultural sector on one hand and the National Park on the other, their space is diminishing. In dry seasons they are forced to graze their animals inside the National Park, despite the risk to be fined by the Rangers. / LUZ

Marchio di fabbrica

Oggi le comunicazioni sono istantanee, via rete mobile. I Masai hanno imparato a sfruttare la tecnologia dei cellulari: usano le mappe satellitari per localizzare acqua o pascoli, consultano il meteo, esaminano le quotazioni dei mercati del bestiame. E naturalmente si scattano selfie, che poi pubblicano sui propri profili social.

All’arrivo dei primi telefoni mobili, incontrai alcuni amici masai. Si aggiravano come impazziti dicendo in litania: «Qui non c’è campo, qui non c’è campo!». Infine ci siamo avvicinati a una baracca in legno a forma di cabina telefonica britannica. «Qui c’è campo», hanno detto i due cialtroni. E si sono messi a inviare sms dall’interno della baracca, assolutamente vuota. «Perché proprio qui dentro?», chiesi cercando inutilmente fili, antenne o quant’altro. «Ci si può appoggiare su quest’asse, vedi?», spiegarono.

Fatto sta che il cliché dei Masai è divenuto un marchio di fabbrica. Un esperto neozelandese di proprietà intellettuale sta catechizzando i Masai sui loro “diritti d’autore”, che renderebbero almeno una decina di milioni di dollari l’anno. Lasciando perdere i diritti dei Maori alla loro haka rugbistica, il suddetto esperto dovrebbe chiarire a quale persona Masai andrebbe riferito lo stilema “originario”: quello delle perline arrivate da Venezia tramite i mercanti arabi?

KENYA-ANIMALS-CONSERVATION-MAASAI

TO GO WITH AFP STORY BY FRANCOIS AUSSEILL Kenyan Maasai “Morans” (warriors) relay the GPS coordinates of the location of two-young lionesses they have been tracking on foot in the surrounding scrub, on September 11, 2016, at the Selenkay community conservancy, where some of the indigineous Maasai Morans have foregone their ancestral role as lion-hunters to instead protect the big cat under a conservation scheme named “Lion Guardians”. Coupling age-old Maasai know-how with contemporary science, co-founder of the scheme Stephanie Dolrenry inventories, photographs and studies the behaviour of the lions that are now returning to the 3,684 square kilometres (1,040 square miles) under surveillance by the project. In a previous life, the Massai men would have killed the animals as part of a rite known as “olamayio” which is traditionally seen as the highest act of courage, winning prestige and praise for the hunter. The scheme’s work boosted the Morans’ status within their community while their almost daily contact with the lions maintained their traditional aura. / AFP / TONY KARUMBA (Photo credit should read TONY KARUMBA/AFP/Getty Images)

Copertoni ai piedi

La faccenda più esilarante è successa con le famose scarpe “masai”. Tali calzature – dette “a barchetta” – vennero ideate dall’ingegnere svizzero Karl Müller. A quanto pare funzionano per ridurre la cellulite, tonificare i muscoli, modellare il corpo, sistemare problemi di schiena e cervicale. La leggenda narra che Müller abbia disegnato le scarpe dopo aver visto camminare i Masai, diritti come pali e resistenti come dromedari.

Il segreto, secondo gli esegeti, sta nel fatto che i Masai si muovono su ambienti diversificati (roccia, sabbia, erba, pianura, montagna) e «lo fanno a piedi scalzi». Balle. I Masai hanno sempre portato i sandali. La forma a barchetta della suola delle costosissime scarpe di Müller deriva dai copertoni che, in tempi recenti, sono divenuti di moda tra i Masai per la confezione dei sandali.

Un tempo le suole erano sottili, come la pelle di ippopotamo, vacca o rinoceronte, materia prima tradizionale. Poi i Masai cercarono di imitare le scarpe tecniche degli europei, ispessendo la suola. A quel punto, il copertone era così rigido da mantenere la sua forma tonda, pur con il peso del corpo. Anch’io uso i sandali di copertone. Come i nobili britannici, chiedo a un Masai di darmi i suoi sandali vecchi in cambio di un paio nuovo. In tal modo evito di affettarmi le dita con le tele ferrate e di cuocermi la pianta sulla gomma nuova. Ma quando ho provato a mettere i sandali “a barchetta” ho rischiato, nell’ordine, di cadere (in avanti o indietro, a seconda del rollio), di spezzarmi una caviglia (beccheggio laterale), di morire di tetano, di scuoiarmi i piedi.

(testo di Alberto Salza – foto di Afp / Panos / Marco Garofalo)
11 luglio 2020
http://www.africarivista.it

 

Un commento su “Se questo è un Masai

  1. Pingback: Se questo è un Masai — COMBONIANUM – Spiritualità e Missione | Mon site officiel / My official website

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23/07/2020 da in Cultura, ITALIANO con tag .

  • 468.044 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 880 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: