COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Ravasi – L’arcobaleno, segno dell’alleanza con Dio

IL GRANDE LIBRO DEL CREATO
Gianfranco Ravasi
Cardinale arcivescovo e biblista
Ogni anno per Famiglia Cristiana scrive riflessioni e commenti sui passi della Scrittura. Il tema di quest’anno è “Il grande libro del Creato”
https://www.famigliacristiana.it


Ravasi - L'arcobaleno, segno dell'alleanza con Dio


Suggello alla catastrofe del diluvio, questo ponte fra cielo e terra diventa l’emblema di un patto di taglio universalistico e cosmico: con l’umanità intera e con la stessa terra

Questo è il segno dell’alleanza che io pongo tra me e voi e ogni essere vivente che è con voi… Pongo il mio arco sulle nubi, segno di alleanza tra me e la terra» (Genesi 9,12-13). L’arcobaleno multicolore che si allarga nel cielo è il suggello alla terribile catastrofe del diluvio che, agli occhi dell’autore sacro, non è stato solo un giudizio divino sul male umano, ma anche un grandioso lavacro purificatorio e un grembo fecondo dal quale – attraverso Noè, i suoi figli e gli animali dell’arca – sboccia la nuova creazione. La trilogia descritta nelle prime pagine della Genesi tra creazione, de-creazione (diluvio) e ri-creazione ha ora il suo compimento definitivo, suggellato da un’alleanza con Dio di taglio universalistico e cosmico. Infatti coinvolta non è solo l’umanità salvata («voi») ma anche «ogni essere vivente» e la stessa «terra». Questo patto ha come emblema proprio l’arcobaleno che si staglia nel cielo dopo una bufera. Alcuni hanno pensato che esso sia simbolicamente l’arco di guerra che il Dio guerriero e giustiziere del diluvio depone trasformandolo in quel pacifico e multicolore segno di quiete dopo la tempesta.

Certo è che per molte culture l’arcobaleno è stato quasi il ponte tra terra e cielo: è la scala dai sette colori per la quale Buddha ridiscende dal cielo, è il ponte degli dèi per i pigmei e per i popoli della Polinesia, Melanesia e Indonesia, è il «ponte fluttuante nel cielo» per i giapponesi, mentre per le leggende cinesi è la metamorfosi di un Immortale la cui entità viene arrotolata come un serpente nel cielo. Nella mistica islamica i suoi sette colori sono immagini delle qualità divine riflesse nell’universo, è quindi un’epifania di Dio iscritta nella natura. Attraverso questo simbolo si cerca, perciò, di esprimere il dialogo tra la divinità e l’umanità, quello che la Bibbia chiama appunto «alleanza».

I pigmei dell’Africa centrale, ad esempio, credono che Dio riveli il suo desiderio di entrare in relazione con loro attraverso l’arcobaleno. Appena esso compare nel cielo, essi afferrano un arco, lo dirigono verso l’alto e cantano: «Tu hai rovesciato sotto di te, vincitore nella lotta, il tuono che brontolava ». La litania si conclude con l’invocazione, indirizzata all’arcobaleno, di intervenire presso il supremo Essere celeste perché egli non tuoni più, non mandi più acque violente, non sia più adirato con gli uomini e più non li uccida. I temi suggeriti dalla nostra narrazione biblica attingono, quindi, a un archetipo comune a tante culture.

Anche nella successiva tradizione cristiana si cercherà di arricchire di significati questo segno cosmico di pace e di alleanza. Infatti il Cristo paleocristiano e bizantino spesso troneggia sopra un arcobaleno. Il simbolo diventa, così, espressione della grazia e dell’amore di Dio. Non per nulla nel testo della Genesi si afferma che l’arcobaleno non è un segno destinato agli uomini perché si ricordino di Dio quando lo vedono sfolgorare in cielo, bensì si dichiara che è un segno per Dio perché «egli si ricordi» della sua promessa. La nostra conservazione nell’essere e nella vita dipende esclusivamente dalla volontà di Dio, noi siamo sospesi al filo del suo amore. Come dichiara Giobbe, «è Dio che ha nella mano l’anima di ogni vivente e l’alito di ogni carne umana» (12,10).

Questa è, perciò, una pagina di grande serenità che avvolge il lettore dopo l’incombere cupo del diluvio. È la riscoperta dell’armonia tra Dio e l’uomo, tra Dio e il creato e tra l’uomo e la natura. Ed è anche ciò che l’Apocalisse canterà nella sua raffigurazione della Gerusalemme nuova e discesa dal cielo (cc. 21-22).

09 luglio 2020

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 01/08/2020 da in Bibbia, ITALIANO con tag , .

  • 538.414 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 931 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: