COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Attacco hacker ad Hong Kong: “Se non c’è fiducia, il dialogo tra Cina e Vaticano non può andare avanti”


PapaUdienzaPiazzaSanPietro_02102019_0590-755x491


Il settimanale della diocesi cattolica di Hong Kong “Examiner” apre con la notizia dell’attacco informatico ai computer della Holy See Study Mission e della diocesi. Sul sito, mons. Javier Herrera Corona, capo della Missione di studio della Santa Sede di Hong Kong, spiega che la sua istituzione ha vissuto una lunga storia di attacchi informatici, tra cui truffe ed e-mail fraudolente, ma dice anche di non avere prove di un “attacco specifico”, come asserito da Recorded Future. E sull’impatto che le accuse di hackeraggio potrebbero avere sul possibile rinnovo dell’accordo del Vaticano con Pechino, mons. Herrera fa notare che la Santa Sede “non discute informazioni relative ai negoziati attraverso canali elettronici”, facendo quindi capire che “il danno causato da qualsiasi violazione sarebbe limitato”

M. Chiara Biagioni
31 luglio 2020
https://www.agensir.it/

Una vicenda ancora tutta da chiarire, soprattutto per stabilire esattamente chi e perché si è infiltrato nel server e nella rete della Santa Sede. L’attacco informatico è stato scoperto da una compagnia privata di monitoraggio del web, “Recorded Future”, con base a Somerville (Massachusetts). La notizia appare oggi anche sul sito del settimanale della diocesi cattolica di Hong Kong “Examiner” in cui si fa sapere che l’attacco è partito dalla Cina ed avvenuto attraverso un “malware”: abbreviazione per malicious software, che significa letteralmente software malintenzionato. Il “malware” nella sicurezza informatica, indica un qualsiasi programma informatico usato per disturbare le operazioni svolte da un utente di un computer.

Secondo quanto riportato dal settimanale “Examiner”, gli hacker cinesi sono riusciti ad entrare, con questo metodo, non solo nei server vaticani ma anche nei computer della diocesi di Hong Kong, della Holy See Study Mission di Hong Kong ed “in altre organizzazioni cattoliche”. Il settimanale riporta nell’articolo anche una dichiarazione di mons. Javier Herrera Corona, capo della Missione di studio della Santa Sede di Hong Kong. Il rappresentante vaticano afferma che la sua istituzione ha vissuto una lunga storia di attacchi informatici, tra cui truffe ed e-mail fraudolente, ma dice anche di non avere prove di un “attacco specifico” come asserito da Recorded Future. L’unica cosa certa è che si è trattato di un “malware” nascosto in un’e-mail inviata a lui da un funzionario vaticano. Monsignor Herrera – sempre secondo quanto riporta oggi l’Examiner – ha rifiutato di commentare l’impatto che le accuse di hackeraggio potrebbero avere sul possibile rinnovo dell’accordo del Vaticano con Pechino. Fa poi osservare che

la Santa Sede “non discute informazioni relative ai negoziati attraverso canali elettronici”, facendo quindi capire che “il danno causato da qualsiasi violazione sarebbe limitato”.

La Holy See Study Mission a Hong Kong è considerata una delle missioni più strategiche del Vaticano nel mondo: agisce da ufficio di collegamento con le diocesi cattoliche nelle 33 province della Repubblica popolare cinese. Dal momento che il Vaticano non ha ancora stabilito rapporti diplomatici con la Cina, non ha una nunziatura a Pechino. Si è quindi pensato agli inizi degli anni ’90 di mettere una persona ad Hong Kong, legato alla nunziatura di Manila ma residente in città e quindi il più vicino possibile alla Cina. Si tratta sostanzialmente di un “one man office”, con persone che aiutano ma solo part time e per lo più per lavori di segreteria e traduzioni da e per il cinese.

Hong Kong gioca quindi un ruolo strategico nei rapporti tra Roma e Pechino. C’è stato in passato un forte scambio di contatti tra la diocesi di Hong Kong e la Cina, soprattutto a livello formativo, con professori del seminario di Hong Kong che regolarmente si recavano in Cina per aiutare nella formazione di seminaristi nei seminari. Ancora oggi ci sono preti che vanno e vengono dalla Repubblica popolare cinese dove tengono esercizi spirituali per il clero locale. Non bisogna poi dimenticare le tantissime congregazioni religiose, maschili e femminili, che in Cina hanno istituti e raccolgono vocazioni.

Cosa stava cercando Pechino? “Non saprei dirlo”, dice una fonte ad Hong Kong, interpellato dal Sir. “L’hackeraggio è purtroppo un sistema molto diffuso per qualsiasi motivo e a qualsiasi livello, al di là della Chiesa cattolica. Si va dal furto di ricerche scientifiche a raccolte di dati finanziari su ditte. Per il Vaticano probabilmente l’ipotesi più semplice da fare è che cercassero di capire quali sono le posizioni all’interno della Chiesa cattolica nei riguardi della Cina, di verificare se c’è una posizione unitaria e come spesso avviene, individuare anche le posizioni dei singoli individui coinvolti in vario modo. Insomma, raccogliere tutte le informazioni possibili per studiare la strategia da seguire nei contatti con il Vaticano”. La vicenda comunque – se fosse confermata nella sua portata – farebbe emergere

La Holy See Study Mission a Hong Kong è considerata una delle missioni più strategiche del Vaticano nel mondo: agisce da ufficio di collegamento con le diocesi cattoliche nelle 33 province della Repubblica popolare cinese. Dal momento che il Vaticano non ha ancora stabilito rapporti diplomatici con la Cina, non ha una nunziatura a Pechino. Si è quindi pensato agli inizi degli anni ’90 di mettere una persona ad Hong Kong, legato alla nunziatura di Manila ma residente in città e quindi il più vicino possibile alla Cina. Si tratta sostanzialmente di un “one man office”, con persone che aiutano ma solo part time e per lo più per lavori di segreteria e traduzioni da e per il cinese.

Hong Kong gioca quindi un ruolo strategico nei rapporti tra Roma e Pechino. C’è stato in passato un forte scambio di contatti tra la diocesi di Hong Kong e la Cina, soprattutto a livello formativo, con professori del seminario di Hong Kong che regolarmente si recavano in Cina per aiutare nella formazione di seminaristi nei seminari. Ancora oggi ci sono preti che vanno e vengono dalla Repubblica popolare cinese dove tengono esercizi spirituali per il clero locale. Non bisogna poi dimenticare le tantissime congregazioni religiose, maschili e femminili, che in Cina hanno istituti e raccolgono vocazioni.

Cosa stava cercando Pechino? “Non saprei dirlo”, dice una fonte ad Hong Kong, interpellato dal Sir. “L’hackeraggio è purtroppo un sistema molto diffuso per qualsiasi motivo e a qualsiasi livello, al di là della Chiesa cattolica. Si va dal furto di ricerche scientifiche a raccolte di dati finanziari su ditte. Per il Vaticano probabilmente l’ipotesi più semplice da fare è che cercassero di capire quali sono le posizioni all’interno della Chiesa cattolica nei riguardi della Cina, di verificare se c’è una posizione unitaria e come spesso avviene, individuare anche le posizioni dei singoli individui coinvolti in vario modo. Insomma, raccogliere tutte le informazioni possibili per studiare la strategia da seguire nei contatti con il Vaticano”. La vicenda comunque – se fosse confermata nella sua portata – farebbe emergere sostanzialmente una mancanza di fiducia. “Se il Vaticano e il governo cinese vogliono un dialogo sincero, lo devono costruire sulla fiducia gli uni verso gli altri.

Essere controllati tramite attacchi hacker dimostra che questa fiducia nei riguardi del Vaticano, purtroppo non c’è”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/08/2020 da in Attualità ecclesiale, Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , .

  • 537.914 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 930 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: