COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Cina in Africa, dopo le aziende arrivano i militari

Il soft power non basta più. La Cina ora cerca di strutturare in Africa una rete di basi militari che rafforzino la sua presenza nel continente (per ulteriori approfondimenti leggi il nuovo numero di Africa). Secondo quanto riporta il sito dell’emittente britannica Bbc, che rilancia il rapporto Sviluppi militari e di sicurezza che coinvolgono la Repubblica popolare di Cina, redatto dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, Pechino avrebbe intenzione di creare, almeno inizialmente, quattro strutture militari permanenti.

L’interesse cinese si sarebbe concentrato su Angola, Kenya, Seychelles, Tanzania. Secondo il rapporto, i quattro governi africani non hanno ancora risposto all’invito cinese e la stessa Cina starebbe sondando la disponibilità di almeno altre dodici nazioni nelle quali creare strutture logistiche per supportare le forze navali, aeree e di terra.

Attualmente la Cina può già contare sulla base di Gibuti costruita nel 2017. Supportata dall’enorme porto multifunzionale, anch’esso inaugurato nel 2017, questa base ha (ufficialmente)un contingente di 400 uomini incaricati di proteggere i cittadini del Dragone nella regione e gli interessi economici e, in particolare, la rotta che, attraverso il Mar Rosso, unisce l’Asia al Mediterraneo (rotta fino a qualche tempo fa infestata dai pirati somali).

Questa sarebbe la «prima perla» di una collana che Pechino vuole creare lungo l’Oceano Indiano. E già in essa si vede una sorta di sfida a Europa e Stati Uniti. La base cinese si trova infatti vicino al porto di Doraleh, gestito dai cinesi, a Ovest della città di Gibuti. A Sud della città ci sono molte altre basi militari straniere, tra cui Camp Lemonnier (Marina degli Stati Uniti), Base aerienne 188 (aeronautica francese), la base della forza di autodifesa giapponese e la base militare nazionale di supporto della Marina italiana.

A queste presenza diretta, si aggiunge anche una sempre più massiccia partecipazione nelle missioni di pace delle Nazioni Unite. Attualmente più di 2.000 peacekeeper cinesi partecipino a cinque missioni di pace dell’Onu in Africa. Dal 1989, circa 40.000 caschi blu cinesi hanno servito in missioni delle Nazioni Unite prevalentemente in Africa. Una presenza discreta, ma sempre più massiccia.

(Enrico Casale)
9 settembre 2020
http://www.africarivista.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/09/2020 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

  • 511.177 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 916 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: