COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

7 Ottobre – Beata Vergine del Rosario


santo-del-giorno

Una rassegna di Santi, maestri e testimoni del Vangelo di tutti i tempi che come fari luminosi orientano il nostro cammino di cristiani e missionari.

 7 Ottobre
Beata Vergine del Rosario.
Un “grano” dopo l’altro verso il cuore di Dio 


La santità si costruisce giorno per giorno, attraverso piccoli gesti semplici che sono però il segno di una vita più grande. È questo il senso della recita del Rosario, una preghiera che da secoli avvicina milioni di fedeli al messaggio del Risorto. Quei semplici grani sono il simbolo dei passi che non bisogna mai stancarsi di percorrere verso il cuore di Dio sull’esempio di Maria. Sta qui, quindi, il senso teologico della festa odierna della Beata Vergine del Rosario. Una celebrazione che nasce da un evento storico: nel 1571, con la vittoria di Lepanto, venne fermata l’avanzata ottomana e questo fatto venne attribuito dal Papa, Pio V, all’invocazione rivolta dall’intero popolo di Dio a Maria nel Rosario. L’invito, quindi, è quello a leggere le vicende umane con gli occhi del Vangelo: solo ripetendo il proprio “sì” a Dio è possibile cambiare davvero la storia.

Altri santi. Santa Giustina di Padova, martire (II-III sec.); san Marco, Papa nel 336.

Matteo Liut
Avvenire


Dai “Discorsi” di san Bernardo, abate
Bisogna meditare i misteri della salvezza

Il Santo che nascerà da te, sarà chiamato Figlio di Dio (cfr. Lc 1, 35), fonte della sapienza, Verbo del Padre nei cieli altissimi. Il Verbo, o Vergine santa, si farà carne per mezzo tuo, e colui che dice: “Io sono nel Padre e il Padre é in me” (Gv 10, 38) dirà anche: “Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo” (Gv 16, 28). Dunque “In principio era il Verbo”, cioé già scaturiva la fonte, ma ancora unicamente in se stessa, perché al principio “Il Verbo era presso di Dio” (Gv 1, 1), abitava la sua luce inacessibile. Poi il Signore cominciò a formulare un piano: Io nutro progetti di pace e non di sventura (cfr. Ger 29, 11). Ma il progetto di Dio rimaneva presso di lui e noi non eravamo in grado di conoscerlo. Infatti: Chi conosce il pensiero del Signore e chi gli può essere consigliere? (cfr. Rm 11, 24). E allora il pensiero di pace si calò nell’opera di pace: “Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi” (Gv 1, 14); venne ad abitare particolarmente nei nostri cuori per mezzo della fede. Divenne oggetto del nostro ricordo, del nostro pensiero e della nostra stessa immaginazione.
Se egli non fosse venuto in mezzo a noi, che idea si sarebbe potuto fare di Dio l’uomo, se non quella di un idolo, frutto di fantasia? Sarebbe rimasto incomprensibile e inacessibile, invisibile e del tutto inimmaginabile. Invece ha voluto essere compreso, ha voluto essere veduto, ha voluto essere immaginato. Dirai: Dove e quando si rende a noi visibile? Appunto nel presepio, in grembo alla Vergine, mentre predica sulla montagna, mentre passa la notte in preghiera, mentre pende sulla croce e illividisce nella morte, oppure mentre, libero tra i morti, comanda sull’inferno, o anche quando risorge il terzo giorno e mostra agli apostoli le trafitture dei chiodi, quali segni di vittoria, e, finalmente, mentre sale al cielo sotto i loro sguardi.
Non é forse cosa giusta, pia e santa meditare tutti questi misteri? Quando la mia mente li pensa, vi trova Dio, vi sente colui che in tutto e per tutto é il mio Dio. E’ dunque vera sapienza fermarsi su di essi in contemplazione. E’ da spiriti illuminati riandarvi per colmare il proprio cuore del dolce ricordo del Cristo.
(Disc. “De aquaéductu”; Opera omnia, edit. Cisterc. 5 [1968] 282-283)

Beata Maria Vergine del Rosario

Festa istituita dal Papa San Pio V nel 1572, a ricordo della vittoria navale del 7 ottobre 1571 riportata dalle forze cristiane sui turchi minacciosi, vittoria attribuita dal santo pontefice all’intercessione di “Maria aiuto dei Cristiani” invocata contemporaneamente dalle confraternite del Rosario.
Il brano evangelico lucano che la liturgia propone per la memoria di oggi, ritrae Maria SS.ma nel momento inaspettato e incomprensibile da parte umana, in cui l’angelo Gabriele annuncia alla Vergine di Nazaret che sta per divenire la madre di Dio fatto uomo. E’ il momento sublime della grandezza di Maria, “benedetta fra tutte le donne”. E’ l’inizio dell’interminabile catena delle “grandi cose” che l’Onnipotente ha compiuto in lei, nella sua assimilazione totale a Cristo suo figlio.
Avendo ricordo della celebrazione di questa festa con il Santo Padre Giovanni Paolo II in visita al santuario di Pompei, ormai qualche anno fa, sfogliamo la sua bella enciclica del 16 ottobre 2002, intitolata “Rosarium Virginis Mariae”, mettendoci con lui “alla scuola di Maria”, perché occupi anche in noi un posto importante nella nostra vita spirituale. Ai noti cinque misteri della gioia, del dolore e della gloria il Papa, ha voluto aggiungere quelli della luce, anello mancante nella nostra meditazione sulla vita di Gesù.
Sulla preghiera del rosario, “compendio del Vangelo”, si è formata la spiritualità delle nostre famiglie passate, raccolte nel silenzio serale avanti al quadro della Vergine in profonda meditazione. Se ne sente ora la mancanza, se ne vedono tristemente i risultati: l’invadente televisore strozza i sentimenti familiari, separa i cuori. Rimettiamoci sotto il manto di Maria, “madre, maestra, guida”, che sostiene il fedele con la sua intercessione potente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 07/10/2020 da in ITALIANO, Santo del giorno con tag .

  • 511.176 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 916 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: