COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

21 Ottobre – Teresa Grigolini

Serva di Dio Teresa Grigolini 
Suora comboniana, sposa e madre

Verona, 14 maggio 1853 – 21 ottobre 1931

Dal 2012 sta muovendo i suoi primi passi il processo di beatificazione di Teresa Grigolini Cocorempas, ma ci son voluti più di 80 anni per accorgersi che si trattava di una “vera martire” anche in assenza di spargimento di sangue. Bisognava infatti attendere che la sua congregazione religiosa si “riconciliasse” con la sua memoria, un processo lungo e complesso avviato nel 1995, quando a più di 60 anni dalla morte la sua salma è stata accolta nella tomba delle Missionarie comboniane, dov’era stata in precedenza rifiutata.
Nasce a San Martino Buonalbergo, poco fuori Verona, il 14 maggio 1853, in una famiglia benestante, in grado di garantirle anche una buona istruzione. Le mette “gli occhi addosso” don Daniele Comboni, il prete veronese a caccia di vocazioni per l’Africa, che è di casa presso la famiglia Grigolini in quanto buon amico del papà. Affascinata dalle prospettive del Comboni, finisce per condividere il suo sogno di “rigenerare l’Africa”, anche se la congregazione non c’è ancora e bisogna proprio partire dalle fondamenta. Comboni è certo di aver fatto con lei un ottimo acquisto, se la descrive con queste lusinghiere parole: “testa, capacità, carità e pietà distinta. A ciò aggiunge una salute di ferro ed una attività sorprendente, e anche in arabo si difende abbastanza: ecco il tipo che intendo io!”. Anzi, per descriverla come si deve, deve prendere a prestito le qualità di altre supercollaudate congregazioni: “essa alle qualità d’una Figlia di S. Vincenzo de’ Paoli, accoppia una sublime vita interiore d’una Sacramentina e d’una Figlia della Visitazione”.
Naturale, quindi, che ad una suora con questi indispensabili requisiti, possa affidare il ruolo di superiora di quel gruppetto di quattro suore che il 10 dicembre 1877 lo accompagna in Sudan per l’apertura della sua prima missione.  Monsignor Comboni muore in quella terra nel 1881 e gli viene dunque risparmiata la sofferenza di vedere le sue missioni travolte dal fanatismo islamico del Madhi, che autoproclamatosi successore di Maometto, dal 1882 al 1898 si impone come riformatore religioso e padre dell’indipendenza del Sudan. Suore e missionari vengono fatti prigionieri: alcuni muoiono nel primo mese di detenzione, altri scelgono l’apostasia in cambio della libertà, altri ancora come Teresa sopportano disumane condizioni di vita pur di non tradire il loro battesimo e la loro vocazione. Con il passare degli anni, le minacce di trasferire le suore in un harem si fanno sempre più pesanti e il governatore austriaco del Sudan, anche lui prigioniero, suggerisce dei finti matrimoni con dei prigionieri greci per salvare le apparenze e la vita alle suore, dato che la donna nella cultura mussulmana non può vivere sola e deve appartenere ad un uomo.  I madhisti si accorgono, però, dopo tre anni, che da questi matrimoni non nascono figli e quindi, subodorando un inganno nei loro confronti, minacciano l’uccisione dei prigionieri.
Il comboniano Padre Orwhalder, che in quel campo ha assunto funzioni di guida spirituale, decide così che almeno uno di quei matrimoni debba essere consumato, di modo che la nascita di un bambino salvi la vita di tutto il gruppo. La scelta ricade su Teresa, cui si chiede di sacrificarsi per tutti proprio nel suo ruolo di superiora. Accetta con la morte nel cuore, esclusivamente per “salvare le sorelle da mali peggiori”. Nascono tre figli, tra cui una bimba che muore a tre anni con grande dolore di Teresa. Nel 1898 con la vittoria degli Inglesi sul Madhi, tutti i prigionieri tornano alla loro situazione precedente, chi al convento chi nella propria famiglia: solo Teresa si accorge che “per me sola non ci sarà più né convento né famiglia e fino alla morte durerà la mia schiavitù», unita per tutta la vita a quel Dimitrj Cocorempas, che non ha né scelto né amato ed al quale si sente tuttavia legata per i figli che le ha dato. Assiste pazientemente il suo uomo, diventato violento, anche nella sua lunga malattia, lo riavvicina alla fede, e nel 1915 gli chiude gli occhi. Tre anni dopo rientra in Italia, con i figli ormai grandi e pronti a spiccare il volo, con grande imbarazzo dei parenti e del paese, “perchè tutti sapevano che ero stata suora”. La congregazione, in cui chiede di essere riammessa, si rifiuta di accoglierla e Teresa assapora fino in fondo l’incomprensione e l’esclusione, pur ritenendo di aver ad essa sempre appartenuto, almeno con lo spirito. “Dal vel del cor giammai disciolta”, spira dolcemente il 21 ottobre 1931, ad 81 anni, e solo 80 anni dopo viene messo in risalto il suo “martirio”, durato quasi mezzo secolo.

Autore: Gianpiero Pettiti
http://www.santiebeati.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21/10/2020 da in Carisma comboniano, Donne nella chiesa, ITALIANO, Santo del giorno con tag , , , .

  • 535.590 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 928 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: