COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

San Basilio: i ricchi, debitori dei poveri

Omelia sul detto secondo Luca:
‘Distruggerò i miei granai e ne costruirò di più grandi’ (Luca 12,18)
di San Basilio il grande
(estratti)

Comprendi, o uomo, chi è colui che tutto ti ha elargito. Ricordati di te stesso, chi sei, che cosa amministri, da chi hai ricevuto, per qual motivo sei stato scelto tra molti. Sei diventato ministro del Dio buono, economo degli altri servi al pari di te; non pensare che tutto sia preparato per il tuo ventre. Considera quanto hai tra le mani come appartenente ad altri; per un po’ di tempo ti reca piacere, poi scorre via e scompare mentre te ne sarà chiesto rigorosamente conto. Tu invece tieni tutto chiuso dietro a porte e catenacci e sebbene tu li abbia messi sotto sigillo, sei tenuto sveglio dalle preoccupazioni e te ne vai ragionando a modo tuo, avvalendoti di quello stolto consigliere che è in te stesso.
Che farò? La risposta era semplice: “Sazierò gli affamati, aprirò i granai e chiamerò tutti i poveri. Imiterò Giuseppe annunciando apertamente la mia generosità, pronuncerò parole nobili: Quanti mancate di pane, venite a me; ciascuno potrà prendere parte, come a una fonte comune, al dono dato da Dio”…

Imita la terra, o uomo; da’ frutto al pari di lei, non mostrarti peggiore di un essere inanimato. La terra non dà frutto per il proprio godimento, ma a tua utilità; tu, invece, se mostri frutti di generosità, li raccogli per te, dal momento che la ricompensa delle opere buone ritorna su chi dona. Hai dato all’affamato e ciò che hai dato diventa tuo e ritorna a te con l’interesse. Come il grano caduto a terra si trasforma in guadagno per chi l’ha gettato, così il pane donato all’affamato restituisce in seguito un guadagno abbondante. La fine del lavoro dei campi sia dunque per te l’inizio della semina nei cieli…

Che cosa non inventi per guadagnare oro? Il grano per te diventa oro, il vino si trasforma in oro, la lana si tramuta in oro; ogni commercio, ogni progetto ti procura oro. L’oro stesso si autorigenera, moltiplicato dai prestiti, e non v’è sazietà, non si trova fine all’avidità…

I pozzi, se vi si attinge continuamente, danno un’acqua più limpida; se invece sono abbandonati, imputridiscono. Anche le ricchezze, se stanno ferme, diventano inutili; se invece si muovono e passano dall’uno all’altro, sono di utilità comune e portano frutto…

Anima, hai in serbo molti beni; mangia, bevi, datti alla gioia [Lc 12,19] ogni giorno. Quale follia! Se tu avessi l’anima di un maiale, quale altra
buona notizia potresti darle? Sei così rozzo, così ignorante dei beni dell’anima, che la riempi di cibi per il corpo e le offri quello che poi ricevono le latrine…

Distruggerò i miei granai e ne costruirò di più grandi. Se vuoi, hai dei magazzini: le case dei poveri…
Ora invece te ne stai torvo e solitario ed eviti di incontrare gli altri per paura di essere costretto a lasciar scivolare qualcosa dalle tue mani. Sai dire soltanto queste Parole: “Non ho niente, non posso dar niente, sono povero”. E sei davvero povero e bisognoso di ogni bene; povero di amore per il prossimo, povero di fede in Dio, povero di speranza eterna…

Chi è l’avaro? Chi non si accontenta del sufficiente. Chi è il ladro? Chi sottrae ciò che appartiene a ciascuno. E tu non sei avaro? Non sei ladro? Ti sei appropriato di quello che hai ricevuto perché fosse distribuito. Chi spoglia un uomo dei suoi vestiti è chiamato ladro, chi non veste l’ignudo pur potendolo fare, quale altro nome merita? Il pane che tieni per te è dell’affamato; dell’ignudo il mantello che conservi nell’armadio; dello scalzo i sandali che ammuffiscono a casa tua; del bisognoso il denaro che tieni nascosto sotto terra. Così commetti ingiustizia contro altrettante persone quante sono quelle che avresti potuto aiutare…

In che modo porrò sotto i tuoi occhi le sofferenze del povero affinché tu sappia da quali gemiti ti raccogli un tesoro? Di qual valore risulterà per te nel giorno del giudizio quella parola: Venite, benedetti del Padre mio, ereditate il regno preparato per voi dalla fondazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero nudo e mi avete vestito [Mt 25,34-36].
Quanto gelido orrore, sudore, tenebra scenderanno su di te, quando udrai la sentenza: Via da me, maledetti, nella tenebra esteriore preparata per il diavolo e i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero nudo e non mi avete vestito [Mt 25,41-43]. Qui, infatti, non si condanna chi rapina, ma chi non condivide il suo.

Vedi l’omelia completa:

Omelia sul detto secondo Luca:
‘Distruggerò i miei granai e ne costruirò di più grandi’ (Luca 12,18)
di San Basilio il grande

Vedi studio
Povertà e ricchezza nei Padri della Chiesa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15/11/2020 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , , .

  • 539.778 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 931 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: