COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Notizie e dati di una istituzione che ha 900 anni di vita: numeri, record e curiosità del “senato” della Chiesa

Papa Francesco ai nuovi cardinali: “Chi usa il Signore per promuovere se stesso è fuori strada”

“La strada di chi, magari senza nemmeno rendersene conto, usa il Signore per promuovere sé stesso; di chi cerca i propri interessi e non quelli di Cristo” non è “la strada di Gesù, è un’altra strada”. È il monito del Papa ai 13 nuovi cardinali, nell’omelia della Messa per il suo settimo Concistoro, celebrata nella basilica di San Pietro con alcune restrizioni rese necessarie dall’emergenza sanitaria in corso. 
Durante la cerimonia, alla presenza di un centinaio di fedeli in tutto, il Santo Padre ha imposto la berretta, consegnato l’anello e assegnato il Titolo o la Diaconia, “quale segno di partecipazione alla sollecitudine pastorale del Papa nell’Urbe”, a 11 nuovi porporati presenti in basilica, più due – il cardinale delle Filippine e quello del Brunei – collegati via Internet, una prima volta in assoluto.
Altro gesto finora inedito in un Concistoro: la richiesta del predicatore della Casa Pontificia, padre Raniero Cantalamessa, della dispensa dall’ordinazione episcopale, per “morire con l’abito francescano”. Il frate cappuccino, dunque – che terrà anche le prossime prediche di Avvento in Vaticano, alla presenza del Papa – ha ricevuto la berretta cardinalizia dalle mani di Bergoglio vestito con il suo abituale saio.
A causa della pandemia di Coronavirus, infine, non si sono svolte le tradizionali visite di cortesia ai nuovi porporati. Gli undici nuovi cardinali presenti, al termine del Concistoro, sono andati a trovare Benedetto XVI al Monastero Mater Ecclesiae in Vaticano dove, in un “clima di affetto”, sono stati presentati individualmente al Papa Emerito che ha espresso la propria gioia per la visita e impartito loro la benedizione. Domani, nella basilica vaticana, la Messa del Papa con i nuovi cardinali.

Home

Porpore e numeri, record e curiosità del “senato” della Chiesa

Il Concistoro del 28 novembre, il settimo convocato da Papa Francesco, porta a 229 le presenze nel Collegio cardinalizio (101 i non elettori). Notizie e dati di una istituzione che ha 900 anni di vita

Alessandro De Carolis – Città del Vaticano
http://www.vaticannews.va

Per alcuni secoli erano stati 30. Poi Sisto V nel 1586 li aveva portati a 70, ma niente a che vedere con l’ampiezza che conosciamo oggi, un gruppo di persone che rappresenta anche geograficamente gli evangelici “estremi confini della terra”. Il Collegio cardinalizio nella dimensione e composizione attuali è una scelta che matura per gradi nel Novecento. È Giovanni XXIII a “violare” per primo il limite storico di Sisto V, tanto che le porpore che al termine degli ultimi Pontificati tra XIX e XX secolo avevano oscillato su una media di 60 effettivi, alla morte di Papa Roncalli risultano essere 82 e fra loro si notano tratti somatici inediti, con i primi cardinali filippino, giapponese, africano.

Collegio “globale”

Passano pochi anni e Paolo VI completa l’opera. Crea ben 143 cardinali, ampliando ulteriormente la “latitudine” delle provenienze (il primo neozelandese, il primo malgascio, il primo singalese ecc…), determina il posto dei Patriarchi orientali nel Collegio e soprattutto stabilisce la soglia tuttora valida degli 80 anni per l’uscita dal consesso degli elettori. Alla morte di Papa Montini i cardinali sono 129, un numero che prelude all’ulteriore cambiamento impresso da Giovanni Paolo II. Con Papa Wojtyla il Collegio cardinalizio diventa compiutamente espressione della mondialità e dei 231 cardinali di una settantina di Paesi da lui creati in nove Concistori (addirittura 42 quelli del Concistoro del 2001, record per la Chiesa), sono tuttora 16 i porporati elettori sui 65 presenti nel gruppo, il più anziano dei quali è il 96.enne Jozef Tomko, creato nel 1985.

Più anziano, più giovane

Anche il Pontificato di Benedetto XVI vede l’ingresso nel Collegio di 90 porporati in cinque Concistori. Fra coloro che hanno ottenuto la berretta dal Papa emerito vi sono attualmente 39 elettori e 30 non elettori, compreso il più anziano dell’intera compagine, il 96.enne francese Albert Vanhoye, divenuto cardinale nel 2006. A Papa Francesco appartiene invece la creazione del più giovane cardinale vivente, Dieudonné Nzapalainga – appena 49.enne nel 2016 al momento della pubblicazione – che nelle vesti di metropolita di Bangui è anche la prima porpora nata nella Repubblica Centrafricana.

Francesco, porpore e periferie

Con quello del 28 novembre, Francesco avrà presieduto il suo settimo Concistoro e creato in totale 101 cardinali, 73 dei quali siedono al momento tra coloro con diritto di voto in Conclave. Per il Papa delle “periferie” anche la convocazione di domani mostra esordi e ritorni. Al primo caso appartengono il Brunei e il Ruanda – Paesi che fanno il loro storico ingresso nel Collegio – al secondo caso appartiene Malta, che per un breve lasso di tempo non era stata più rappresentata, ovvero dalla morte del cardinale Prosper Grech avvenuta nel dicembre 2019. Al Pontificato di Francesco appartengono anche altri record. Tra gli altri, quello delle sedi cardinalizie in Paesi che non l’avevano mai ospitata (oltre alla citata Repubblica Centrafricana,

Brunei e Ruanda, anche Haiti, Dominica, Birmania, Panama, Capo Verde, Tonga, Bangladesh, Papua Nuova Guinea, Malaysia, Lesotho, Mali, Svezia, Laos, El Salvador, Lussemburgo), il primo cardinale afroamericano (il metropolita di Washington Wilton Gregory), il primo nato dopo il Concilio (Nzapalainga), il primo convertito al cattolicesimo dai tempi di Jean-Marie Lustiger (il vescovo di Stoccolma Anders Arborelius, luterano di nascita).

Curiosità

Ad alcuni nomi è legata qualche curiosità statistica. Ad esempio, il 91.enne thailandese Michael Michai Kitbunchu, emerito di Bangkok, è quello che da più tempo fa parte (37 anni) del Collegio cardinalizio. Un record di durata condiviso con il 90.enne neozelandese Thomas Stafford Williams, ordinario militare emerito del suo Paese. Entrambi ricevettero la berretta dal Papa Wojtyla nel 1983.

Un altro dato riguarda la presenza delle famiglie religiose nell’attuale Collegio: sono 26, per un totale di 51 cardinali (29 gli elettori) che vestono l’abito del loro Istituto sotto la porpora. I più rappresentati sono i Salesiani (9), seguiti dai Gesuiti (7). Da notare che con padre Mauro Gambetti, custode del Sacro Convento di Assisi, entra a far parte del gruppo delle porpore anche l’Ordine dei Francescani Conventuali, in modo analogo ai Missionari di San Carlo inclusi per la prima volta grazie lo scalabriniano Silvano Maria Tomasi.

Anche la geografia come detto, specie per volontà di Papa Francesco, continua a ridisegnare, dilatandola, la mappa del Collegio, che ora arriva a 90 Paesi rappresentati, dall’Albania al Vietnam, con il gruppo dei cardinali italiani (47) largamente più numeroso, seguito da Stati Uniti (15) e Spagna (14). Dal punto di vista dei continenti, l’Europa annovera, tra elettori e non elettori, 106 cardinali, l’Africa 30, l’Asia 27. L’America del Nord ne conta 26, quella del Sud 25, quella centrale 9, mentre sono in 6 quelli dell’Oceania. Va precisato che i numeri di quest’ultimo computo non riguardano la nazionalità di origine degli appartenenti al Collegio, ma il luogo dove risiedono e svolgono, o hanno svolto, il loro servizio pastorale.

27 novembre 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/11/2020 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag , .

  • 586.779 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 942 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: