COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Il Papa: il rito zairese “via promettente” per un rito amazzonico

Nella prefazione al volume “Papa Francesco e il ‘Messale Romano per le diocesi dello Zaire’”, edito dalla LEV, il Pontefice riflette sull’inculturazione della liturgia: deve toccare il cuore di chi vive nella Chiesa locale

Debora Donnini – Città del Vaticano
1 Dicembre 2020
http://www.vaticannews.va

Il rito zairese del Messale Romano è “finora l’unico rito inculturato della Chiesa latina approvato dopo il Concilio Vaticano II” e “questo processo di inculturazione liturgica in Congo è un invito a valorizzare i diversi doni dello Spirito Santo, che sono una ricchezza per tutta l’umanità”. Lo sottolinea il Papa nella prefazione al testo, che viene presentato nel pomeriggio, il cui intento è proprio quello di conoscere in modo approfondito i diversi aspetti del “Messale Romano per le diocesi dello Zaire”, approvato nel 1988 dalla Congregazione per il Culto Divino. Edito dalla Libreria Editrice Vaticana e curato da Rita Mboshu Kongo, delle Figlie di Maria Santissima Corredentrice e docente di Teologia spirituale e formazione alla vita consacrata presso la Pontificia Università Urbaniana, il testo porta il suo contributo assieme a quelli di Maurizio Gronchi, Jean-Pierre Sieme Lasoul, Oliver Ndondo e Silvina Perez. L’approdo in libreria sarà il 9 dicembre.

Inculturazione senza stravolgere la natura del Messale Romano

Nel primo anniversario dell’Eucaristia celebrata dal Papa in rito zairese per i 25 anni dalla nascita della Cappellania cattolica congolese di Roma, viene dunque presentato questo volume che in appendice ha anche il Rituale di questa Messa e alcune immagini della cerimonia. “Papa Francesco e il ‘Messale Romano per le Diocesi dello Zaire’” ha come sottotitolo “Un rito promettente per altre culture”. Un “esempio di inculturazione liturgica”, scrive il Papa, che si richiama anche a Querida Amazonia in cui è detto esplicitamente di “raccogliere nella liturgia molti elementi propri dell’esperienza degli indigeni nel loro intimo contatto con la natura e stimolare espressioni native in canti, danze, riti, gesti e simboli”. “Già il Concilio Vaticano II aveva richiesto questo sforzo di inculturazione della liturgia nei popoli indigeni, ma sono trascorsi più di cinquant’anni e abbiamo fatto pochi progressi in questa direzione”, notava sempre l’Esortazione Apostolica postsinodale del 2020. Per Papa Francesco, dunque, “il caso del rito zairese suggerisce una via promettente anche per l’eventuale elaborazione di un rito amazzonico, in quanto vengono recepite le esigenze culturali di una determinata area del contesto africano, senza stravolgere la natura del Messale Romano, a garanzia della continuità con la tradizione antica e universale della Chiesa”. E il Papa spera quindi che questo lavoro “possa aiutare a camminare in questa direzione”.

Una celebrazione gioiosa luogo di incontro con Gesù

Nella prefazione il Papa sottolinea come nella celebrazione secondo il rito zairese, “vibra una cultura e una spiritualità animata da canti religiosi a ritmo africano, il suono dei tamburi e altri strumenti musicali che costituiscono un vero progresso nel radicamento del messaggio cristiano nell’anima congolese”. Si tratta di “una celebrazione gioiosa” e di “un vero luogo di incontro con Gesù”, nota citando, più volte, la Evangelii gaudium.

A proposito, dunque, dell’importanza dell’inculturazione, il Papa rimarca che “ogni popolo dopo avere fatto l’esperienza personale dell’incontro trasformante con Cristo, cerca di invocare Dio, che si è rivelato attraverso Gesù Cristo con le sue parole, con il suo linguaggio religioso, poetico, metaforico, simbolico e narrativo”. Ed è proprio “in questa dinamica che la Conferenza episcopale del Congo ha forgiato una personalità propria volendo pregare Dio, non per procura o con parole prese in prestito da altri, ma assumendo tutta la specificità spirituale e socio-culturale del popolo congolese, con le sue trasformazioni”.

La Chiesa e la bellezza di un volto pluriforme

Nel volume, poi, vi è un richiamo alla necessità di andare a qualcosa che tocchi “il mondo culturale delle persone” perché “la liturgia – evidenzia Francesco – deve toccare il cuore dei membri della Chiesa locale ed essere suggestiva”. Sempre richiamandosi all’Esortazione Apostolica sull’annuncio del Vangelo nel mondo attuale – ritenuta testo programmatico del Pontificato – il Papa ricorda che “il cristianesimo non dispone di un unico modello culturale”, ma “restando pienamente se stesso, nella totale fedeltà all’annuncio evangelico e alla tradizione ecclesiale, esso porterà anche il volto delle tante culture e dei tanti popoli in cui è accolto e radicato”. Quindi, nei diversi popoli che sperimentano il dono di Dio secondo la propria cultura “la Chiesa – evidenzia Francesco – esprime la sua autentica cattolicità” e mostra “la bellezza di questo volto pluriforme”. E “lo Spirito Santo abbellisce la Chiesa mostrandole nuovi aspetti della Rivelazione e regalandole un volto nuovo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/12/2020 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag , .

  • 587.402 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 942 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: