COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

A. Cencini – Sentimenti di questo tempo: attesa e promessa

Forse è ancor più evidente e invadente della paura. Sembra meno pericolosa e per nulla patologica. È la sensazione dell’attesa, reazione del tutto naturale a ciò che stiamo vivendo in questi tempi.

30 novembre 2020
di: Amedeo Cencini
http://www.settimananews.it

Siamo “tutti in attesa”, e se l’espressione rimanda alla dolce attesa materna di chi sta per nascere, nell’epoca della pandemia si attende ciò che si teme, o comunque con timore, ciò che non si può sapere in anticipo, né gestire come dipendesse da noi: dall’esito dei tamponi all’incertezza di poter esser curati e di guarire; da chi attende il proprio caro, “prelevato” da casa e senza la possibilità di vederlo e accudirlo, allo stesso malato che ancor più ansiosamente aspetta di tornare tra i suoi; per non dire del senso drammatico di attesa in colui cui manca l’aria da respirare come in chi teme di perdere il lavoro…

Torna l’eco del lamento del salmista: “tra noi nessuno sa fino a quando” (Sal 74,9): fino a quando dovremo privarci di abbracci e strette di mano, fin quando queste maschere che ci rendono irriconoscibili, fin quando questa insicurezza che ci ruba la gioia e la voglia di vivere?

“Andrà tutto bene”, ci raccontavamo con patetica sicurezza alla prima ondata: oggi nessuno più lo osa dire! Realismo un po’ disperato, o demolizione di certezze fin qui accumulate?

D’altronde, “attendere” è verbo tipicamente umano, è la tensione di chi è pro-teso verso qualcosa d’importante che gli manca, verso un desiderio. Ma, mentre l’attesa indica qualcosa che l’uomo può solo aspettare, e i cui tempi d’attesa non dipendono da lui, il desiderio sottolinea di più l’atteggiamento attivo di chi coglie bellezza e verità di qualcosa (qualcuno) e fa di tutto per averlo.

L’uomo è essere desiderante. E, se la paura, come dicevamo l’altra volta (cf. SettimanaNews, 22 novembre, Sentimenti di questo tempo: la paura), è alla radice paura di Dio, così il primo e ultimo desiderio, nascosto dietro ogni desiderio, è quello di Dio. Così per ogni uomo e donna, credente o non credente, anche per chi non lo sa o lo irride, o non c’ha mai pensato o lo trova… troppo spirituale.

L’Avvento che stiamo vivendo è, in tal senso, metafora della vita umana, quale attesa-desiderio del Veniente. In realtà, metter Dio come punto finale d’ogni attesa-desiderio ci può aiutare a verificarne la qualità. Anche nel tempo della pandemia.

Dall’attesa alla pretesa

C’è un modo vero di attendere e uno meno vero o falso addirittura. Laddove vero sta per realistico, corrispondente alla natura di ciò che si attende, e al modo di porsi dinanzi all’atteso. Ad es., aspettarsi che la vita sia senza problemi e la felicità un diritto senz’alcun dovere, o che amare sia cosa spontanea e basti (lasciarsi) andare “dove ti porta il cuore”, vuol dire esser fuori di testa e andare proprio da nessuna parte o in fondo a qualche precipizio.

Ma c’è un’attesa pure nei confronti di Dio che non ci conduce dalle sue parti, come ad es. pensare che Dio debba sempre rispondere alle mie richieste o sia sempre d’accordo con me o si lasci trovare ove io lo cerco o debba intervenire per risolvere in un  baleno problemi che in fondo ho creato anch’io…, tutto ciò non solo è porsi fuori della realtà e del vangelo, ma semplicemente è attesa d’un dio-che-non-esiste, se non nelle nostre paure e attese infantili.

Da cui nascono tante pretese adulte. Pre-tesa come imposizione e, in tal caso, imposizione dell’attesa umana su Dio, ovvero la creatura che si fa un dio a sua immagine e somiglianza, e pretende che intervenga (cf. Sal 115,4-8). Arrabbiandosi e accusandolo se non lo fa. Come uno che sta sul binario sbagliato e s’ostina ad aspettare un treno che non passerà mai… La pretesa su Dio genera solo idoli.

Dalla promessa all’attesa

La realtà che stiamo vivendo, invece, ci sta mettendo davanti al Dio vero, che da sempre nelle Scritture sante ode il gemito di chi è solo e oppresso, ma che suscita anche nel suo popolo la voglia di libertà, lo provoca a mettersi in cammino e gli apre davanti un mare. Verso una Terra Promessa. Infatti è il Dio della promessa. Promessa che viene da lui ed è sempre più grande di noi e della nostra misura, bypassa e trascende alla grande ideali, sogni, paure, progetti umani, ed eleva all’estrema potenza la nostra capacità di bene e di felicità…

Eppure questo Dio in fondo non ci piace, perché è lui a prender l’iniziativa, perché quel che ci promette è fin troppo (pare impossibile!), perché risponde non alle nostre attese-pretese, ma alle sue promesse, e poi nei tempi e modi che lui sa, non quando diciamo noi, che intanto soffriamo, e non vediamo alcuna promessa realizzarsi.

Non è facile attendere-desiderare-sperare contro ogni speranza, quando le cose vanno male e noi ci sentiamo fragili e indifesi. Eppure è passaggio indispensabile per non soccombere: proprio allora sperimentiamo tutta la forza e il senso di quel concentrato di attesa-desiderio-speranza, quel mix di realtà presente e di futuro promesso che è la fede. Della fede – come diceva Lutero – che «è una stanza vuota, buia, in cui non si vede e non si sente nulla. Ma in quella oscurità c’è Dio!», il Dio fedele alla promessa, dunque veritiero. Quel Dio che non può esser preteso, ma “solo” atteso.

Mai atteso come in questo Avvento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/12/2020 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , .

  • 659.914 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 767 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: