COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Amedeo Cencini – Sentimenti del nostro tempo: rimozione e mistero

Il mistero è buono e amico, vuole svelarsi, mi manda messaggi…
e, se non lo capisco subito, è perché in esso c’è troppa luce, persino abbagliante, di fronte alla quale è normale difendersi chiudendo gli occhi. Ma piano piano vi possiamo entrare, o adattare la nostra vista a quella luce (i credenti chiamano tutto ciò “preghiera”)






Sentimenti del nostro tempo:
rimozione e mistero
9 dicembre 2020
di: Amedeo Cencini
http://www.settimananews.it

La rimozione è quel processo inconscio che ci consente di escludere dalla coscienza qualcosa d’indesiderabile e insopportabile perla stima di noi stessi o in contrasto col nostro modo di vedere le cose e dare un senso alla vita; per questo possiamo rimuovere anche il bene o quel positivo che non riconosciamo come tale.

È un meccanismo di difesa che, come tutte le strategie autodifensive, funziona solo a metà. Ovvero il rimosso – mai del tutto soppresso – riappare o ritorna, ma in forma non sempre chiara e che va comunque decifrata.

La rimozione del negazionista

Esiste anche una rimozione collettiva ove il fenomeno è tutt’altro che inconscio o invisibile; semmai, in tal caso, ciò che è oscuro è il motivo vero per cui si rimuove. Ed è forse quel che sta succedendo oggi con il Covid-19, rimosso-negato da alcuni: i negazionisti. Negano l’evidenza, vien da dire, ma negano soprattutto la paura di fronte a qualcosa che sentono illogico e ingiusto, che mette in crisi il loro sistema di comprensione del reale, forse addirittura la loro fede, e preferiscono concludere che il problema non esiste.

Nessuno di fatto è così spaventato da questa pandemia come i negazionisti, disperati dentro di sé e aggressivi all’esterno verso chi creerebbe panico e paure immaginarie, ma forse sono proprio loro i più colpiti psicologicamente e i più deboli in questa situazione.

Tutti un po’ negazionisti

In realtà la cosa ci riguarda tutti, tutti abbiamo rimosso qualcosa (o qualcuno). Ci stiamo rendendo conto, ad es., che abbiamo rimosso l’idea del nostro limite e fragilità, del nostro non sapere e non potere, l’idea che lo star bene individuale è legato allo star bene dell’altro, ma pure della terra, dell’aria, dell’acqua, delle piante…, perché questo mondo sia un giardino, casa di tutti.

Ma abbiamo pure pensato di poter vivere anche senza tormentarci ad affrontare le questioni fondamentali del perché della vita e della morte, del senso della sofferenza e della capacità di sopportarla, della gioia per la quale l’uomo è fatto, della sua sete d’infinito e di bellezza, della sua libertà che va sempre coniugata con la responsabilità…; non ci siamo preoccupati di capire cosa nasconda il bisogno di prossimità e di tenerezza, d’un bacio e d’una carezza, di una relazione verace e trasparente e, al tempo stesso, di silenzio e solitudine, di fermarsi per habitare secum, senza protesi e connessioni…; così come abbiamo miseramente banalizzato una delle realtà umane più belle e sacre, la sessualità e il suo mistero, e non abbiamo mai imparato a scoprire quanto abbiamo in cuore, attenti a quanto può infettarlo contagiando i rapporti…

Forse con una parola sola, piccola eppur grande, si potrebbe dire che abbiamo rimosso Dio, non credenti e credenti, o il mistero.

Ma perché questo?

Tra paura e pretesa

Da un lato, abbiamo avuto la pretesa di saper già tutto, tutto quanto ci serve per vivere; dall’altro, e più profondamente, abbiamo avuto paura di pensare e ripensare tutto ciò, di confrontarci su questi temi, per arrivare ognuno a fare una scelta di campo, libera e responsabile.

O ci siamo accontentati di copiare dal vicino, di ereditare da altri una tradizione, magari religiosa, divenendone osservanti o devoti, ma senza aprirci al mistero o cercando poi altrove, di fatto, le ragioni per vivere e per morire. È possibile aderire a una Chiesa, infatti, e non divenire mai credenti; o annunciare un Dio onnipotente, ma senza imparare a fidarsi di lui.

Questa pandemia, e il modo di viverla, ci sta facendo capire quanta allegra e stolta rimozione, più o meno di gruppo, vi sia nella nostra vita e pure nella nostra fede.

Il ritorno del rimosso

Come abbiamo detto, il rimosso torna, e sta tornando in questi tempi e in molte forme, più o meno evidenti, come domande, attese, inquietudini, nostalgie, riscoperta di qualcosa che sembrava scontato o al contrario eliminato per sempre, esigenze mai prim’avvertite, bisogno nuovo di rapporti, ricerca di un fondamento sicuro, capace di dar senso a tutto, persino un certo rimorso indica il ritorno del rimosso… Ed è già un modo diverso di guardare a questi tempi, scoprendovi addirittura un senso positivo e provvidenziale.

Poiché così siamo ricondotti a noi stessi, magari un po’ bruscamente, per non continuare a mentirci e farci del male, ignorando le domande che contano. Non si tratta di attender l’uomo al varco dei suoi fallimenti ed errori, magari per rinfacciarglieli. Bensì di accettare con realismo quel dato che s’impone sempre più con evidenza a chi è intelligente, abbia o no il dono della fede: la vita è mistero. E se non possiamo sapere e capire tutto d’essa, sarebbe insensato per questo scartare quanto non comprendiamo rimuovendo così il bello della vita. Quante cose abbiamo capito solo più tardi e più avanti nella vita!

Ma soprattutto decidiamo di restare di fronte al mistero, perché il mistero è buono e amico, vuole svelarsi, mi manda messaggi… e, se non lo capisco subito, è perché in esso c’è troppa luce, persino abbagliante, di fronte alla quale è normale difendersi chiudendo gli occhi. Ma piano piano vi possiamo entrare, o adattare la nostra vista a quella luce (i credenti chiamano tutto ciò “preghiera”).

E allora lentamente tutto s’illuminerà.

Anche la notte che stiamo ora vivendo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13/12/2020 da in Cultura, Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , , .

  • 592.180 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 945 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: