COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Ravasi – Giuseppe, un padre giusto e umile

San Giuseppe, il padre legale di Gesù, lo sposo di Maria, [è]di professione téktôn ( Matteo 13,55), cioè falegname o carpentiere, di ascendenze nobili essendo della linea genealogica davidica, originario probabilmente di Betlemme ma residente a Nazaret. Figura modesta e silenziosa (nei Vangeli non è riferita nessuna sua parola), egli riveste un rilievo particolare solo nel racconto della nascita e dell’infanzia di Gesù secondo Matteo. Il cuore della narrazione è nell’annunciazione-vocazione che Giuseppe riceve da Dio attraverso un angelo (Matteo 1,18-25).

I Vangeli apocrifi si sbizzarriscono nel colmare liberamente i vuoti di una biografia scarna. L’antico Protovangelo di Giacomo (II sec.) e la successiva Storia di Giuseppe il falegname (IV sec.) lo ritraggono come un vedovo anziano con figli avuti dal precedente matrimonio, considerati da alcuni come «i fratelli e le sorelle di Gesù» presenti nei Vangeli canonici. Morirà prima della sua seconda moglie, Maria, che egli confessa di aver amato teneramente, assistito da quel figlio Gesù che egli aveva salvato dalle mire omicide del re Erode, facendolo migrare con sé in Egitto come rifugiato.

Ma la nostra attenzione si fissa solo sui dati dei Vangeli canonici e, quindi, sulla sua chiamata a essere il Redemptoris custos, come lo definirà la tradizione e come s’intitolerà l’esortazione apostolica a lui dedicata da papa san Giovanni Paolo II nel 1989. La serenità del suo fidanzamento con Maria – che nel diritto matrimoniale ebraico era il primo atto dell’evento nuziale stesso – è infranta dalla scoperta dello stato interessante della sua ragazza, allora forse poco più che dodicenne, «prima che andassero a vivere insieme».

Il suo tormento interiore giunge alla decisione di «ripudiarla» (era già iniziato il matrimonio con lei), ma senza un atto ufficiale clamoroso, bensì «in segreto». Matteo per questo suo atto lo definisce «giusto», sia perché non vuole avallare una paternità ignota con il suo nome, sia perché evita di consegnare la sua promessa sposa alla procedura aspra della Legge biblica che poteva comprendere la lapidazione dell’adultera (Deuteronomio 22,20-21).

L’angelo, latore del messaggio divino, lo destina invece a una missione: quel figlio reca in sé la presenza suprema di Dio che ha fecondato Maria attraverso il suo Spirito. Perciò la vocazione di Giuseppe sarà quella di perfezionare il matrimonio con Maria così da poter essere il padre ufficiale del futuro nato e, in questa veste, imporgli quel nome, Gesù, che avrà anche un valore simbolico, “Il Signore salva”. Ed egli accetterà di svolgere questo compito alto e umile al tempo stesso, ritirandosi quando il bambino raggiungerà con i dodici anni la maggior età.

Come sappiamo, in quella data, nel tempio di Gerusalemme, Maria si farà eco del suo sposo rivolgendosi al loro ragazzo così: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati ti cercavamo». Ma Gesù replicherà affermando la sua autonomia di figlio di un altro padre: «Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?», frase che può essere anche tradotta: «Devo stare nella casa del Padre mio». La strana, difficile eppur gloriosa paternità di Giuseppe lo rende patrono di quei genitori che – in forma molto diversa – vivono situazioni familiari impegnative, sofferte e inattese, e le vivono consapevoli che quella è la loro vocazione.

15 marzo 2018
http://www.famigliacristiana.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/12/2020 da in ITALIANO, Riflessioni bibliche con tag , .

  • 586.775 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 942 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: