COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

La Menorah di Maria

Carissimo Manuel João!

Il Vangelo d’oggi (Luca 1, 39-56) mi porta a condividere con te un testo, con rinnovato augurio di felice Natale. Siamo nella tratta finale del nostro viaggio di preparazione per la celebrazione del Natale di Gesù. Ci auguriamo che la celebrazione della nascita di Cristo ci aiuti a vivere un momento di realizzazione delle nostre aspettative più personali e dei desideri più profondi – di bellezza, verità e bontà – di pace e di comunione con Dio e con gli altri, che il Natale cristiano proclama e offre a tutti.

Come preparazione immediata al Natale, il Vangelo di oggi ci propone un viaggio ad Ain Karim, il villaggio dove la tradizione cristiana colloca la residenza di Zaccaria e il luogo della visita che Maria fece a sua cugina Elisabetta. Chi può andarci, come chi non può, può ricostruire la scena leggendo il Vangelo. Prima di andarci, possiamo passare dalla sinagoga dell’ospedale di Hadassah, che si trova nella collina accanto, per contemplare le famose dodici vetrate di Marc Chagal: un’opera d’arte di grande bellezza che fa un memoriale delle benedizioni del patriarca Giacobbe a ciascuno dei suoi dodici figli, da Dio a un popolo. Andare lì, ci fa entrare in questo movimento di benedizione, di dono, di visita di Dio a un popolo, all’umanità. Un movimento in cui Dio esce da sé stesso, già iniziato nella creazione dell’universo, e che raggiunge la pienezza nella Sua nascita nella nostra umanità.  Da lì, si può camminare, lungo un sentiero nella collina, fino ad Ain Karim. La visita di Maria a sua cugina entra in questo movimento che Dio imprime all’universo e a chi lo accoglie: uscire da sé per incontrare l’Altro, che altro non è che Lui stesso.

Nella Chiesa della Visitazione si possono osservare i tratti e le caratteristiche dell’azione di Maria durante la sua visita a Elisabetta, rileggendo la narrativa di Luca, aiutati magari da qualche altro testo che portiamo con noi [io ho portato con me uno, che qualcuno aveva scritto con il suggestivo nome di “Menorah di Maria” (il noto candelabro ebraico a sette bracci), il candelabro natalizio di Maria con sette candele, i suoi atteggiamenti verso Elisabetta]. È questo testo che, qui riassunto, condivido brevemente con te, con un rinnovato augurio che questo Natale sia per tutti noi un tempo di visita e di incontro con Dio e con gli altri, illuminato dalle candele della Menorah di Maria:

1.- La prima candela è “attenzione”: intuire, percepire, vedere il bisogno dell’altro. Maria vedeva il bisogno di Elisabetta: “ubi amor, ibi oculos” (dove c’è amore, c’è uno sguardo attento!)

2.-Una seconda è “intelligenza” dell’amore: la capacità di percepire e di ascoltare il mistero dell’altro; di percepire con il cuore perché “cuor ad cuor loquitur” (il cuore parla al cuore). Sì, perché “l’essenziale è invisibile agli occhi” e solo il cuore può vederlo!

3.- La terza candela è “concretizzazione” in azione: essere sollecito e concreto nel rispondere alla situazione e ai bisogni degli altri. Maria fu concreta e sollecita nella sua risposta ad Elisabetta e andò a trovarla senza indugio per aiutarla.

4.- Il quarto cero è la “gioia”: i gesti di amore gratuito, spontaneo e non forzato (per senso del dovere o del galateo), fanno emergere e alimentano la gioia (niente ci dà più gioia di ciò che facciamo spontaneamente, di nascosto, liberamente). La gioia ha segnato l’incontro tra Maria ed Elisabetta.

5.- La quinta candela è la “tenerezza”: agire con gioia va oltre le distanze e avvicina chi vive lontano. Servire con tenerezza, come Maria serviva Elisabetta, nutre l’amore ed è fonte di gioia intima e duratura (l’amore è gioia per il bene dell’altro!).

6.- La sesta candela è “il dono”: un amore che viene dato, fatto dono senza chiedere nulla in cambio. Elisabetta e Maria si scambiano i loro doni. Entrambe sono incinte. Elisabetta, di Giovanni Battista che incarna millenni di attesa. Maria, di Cristo, il compimento che riempie questa aspettativa. Essi abbracciano, in uno scambio di doni, il mistero di un amore che li unisce e si irradia a tutti.

7.- Il settimo cero è il “silenzio”: una nuvola invisibile che copre gesti e azioni, esprime il primato dell’essere sul fare, della verità sull’apparenza; manifesta la sorpresa di fronte al mistero condiviso e apre il cuore e la bocca alla preghiera della lode. Maria recita il Magnificat. Elisabetta proclama la beatitudine di colui che ha creduto.

Buon Natale, dunque, in uscita, accendendo le candele del nostro candelabro alla misura e al ritmo che le circostanze della nostra vita suggeriscono, per arrivare a sperimentare la gioia dell’incontro con Cristo e con coloro che attendono la nostra visita e la nostra presenza.

Manuel Augusto Lopes Ferreira

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21/12/2020 da in ITALIANO, Vergine Maria.

  • 657.274 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 767 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: