COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Ravasi – «Beata colei che ha creduto»

Anche noi ci incamminiamo idealmente verso quell’anonima «città di Giuda nella regione montuosa» di cui parla l’evangelista nel suo racconto (1,39- 45). In realtà la tradizione ha voluto identificare quella città ignota con il delizioso villaggio di Ain Karim (“la sorgente della vigna”) che oggi è in pratica un sobborgo di Gerusalemme. Là si eleva una basilica francescana in mezzo al verde e alla pace.

È curiosa la scelta di alcune antiche miniature di raffigurare le due donne incinte (l’una di Gesù e l’altra del Battista) che si toccano il ventre ingrossato. Non dimentichiamo che Elisabetta confessa di aver sentito sussultare nel suo ventre il piccolo Giovanni, quasi anticipando la sua missione di Precursore del Messia (1,44). Noi, quindi, celebriamo due donne, ma privilegiamo questa volta Elisabetta che in passato avevamo già incontrato anticipando – come fa Luca – l’esperienza della sua inattesa maternità (1,5-25). Alla Madre di Gesù e al suo famoso cantico, il Magnificat, dedicheremo in un’altra festa mariana un ritratto specifico.

Ora sono le parole rivolte da Elisabetta a Maria a costituire il filo conduttore della nostra riflessione. Esse sono strutturate su due generi letterari noti, la “benedizione” e la “beatitudine”. Iniziamo con la prima formula: «Benedetta tu fra le donne e benedetto è il frutto del tuo grembo» (1,42). Come è noto, essa è entrata nell’Ave Maria e nell’espressione «benedetta fra le donne» si ha, nel sotteso linguaggio semitico, una forma di superlativo, “benedettissima”. Il dono divino della “benedizione” sboccia dal «frutto del suo grembo». Come scriveva un esegeta, «se ogni madre di Israele vedeva, nella benedizione del proprio corpo fecondo, un segno attivo della grazia di Dio, tanto più la Madre del Messia è la benedetta per eccellenza».

La seconda dichiarazione di Elisabetta è la prima delle “beatitudini” del Vangelo: «Beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto» (1,45). San Giovanni Paolo II nella sua enciclica mariana Redemptoris Mater affermava: «Nell’espressione “Beata colei che ha creduto” possiamo trovare quasi una chiave che ci schiude l’intima realtà di Maria». È interessante notare che nell’originale greco dei Vangeli abbiamo un participio, pistéusasa, per cui potremmo tradurre: «Beata la credente», quasi come fosse una denominazione di Maria, un titolo riservato a lei anche dal Corano che è particolarmente attento alla figura della Madre di Gesù, tanto da dedicarle un intero capitolo o sura (la XIX).

La sua maternità, infatti, non è stata solo fisica; Maria, infatti, ha dovuto mettere in pratica quello che Gesù un giorno aveva affermato: «Mia madre e i miei fratelli sono coloro che ascoltano la Parola di Dio e la mettono in pratica» (Luca 8,21). E il cammino della sua vita fu un itinerario di fede, spesso ardua, fino alla vetta del Calvario. A differenza dell’incredulo Zaccaria, il padre del Battista, Maria fu “la credente” nel suo Figlio dall’inizio sino alla fine della sua esistenza.

23 maggio 2019
http://www.famigliacristiana.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21/12/2020 da in ITALIANO, Vergine Maria con tag , .

  • 659.886 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 767 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: