COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Gianfranco Ravasi – Il precursore, «amico dello sposo»

«E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo, perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade…» (Luca 1,76). Così il sacerdote Zaccaria, nel Benedictus, l’inno di ringraziamento a Dio per essere divenuto padre con sua moglie Elisabetta sterile e vecchia, annuncia la vocazione di suo figlio, Giovanni Battista. È di quest’ultimo che parleremo ora, riprendendo anche la prossima settimana – nell’ultima tappa del nostro viaggio biblico nell’orizzonte della vocazione divina – il suo legame con il Cristo di cui sarà il Precursore.

Infatti, una volta divenuto adulto, «nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare», forse nel periodo che intercorre tra il 27 e il 29 d.C. (a causa del diverso computo ipotizzato dagli storici), «la parola di Dio venne su Giovanni» (Luca 3,2). La sua, come sappiamo, sarà una voce destinata a scuotere i cuori del suo uditorio, che da tempo non sentiva più il rombo possente degli oracoli divini profetici. La conversione e il battesimo di penitenza sono il contenuto primario della sua predicazione. Ma lo scopo fondamentale della sua missione è l’annuncio del Messia, Gesù di Nazaret. Nel Vangelo di Giovanni è lui stesso che definisce attraverso un’immagine la sua vocazione: «Lo sposo è colui a cui appartiene la sposa; ma l’amico dello sposo, che è presente e l’ascolta, esulta di gioia alla voce dello sposo» (3,29). Il simbolo è desunto dall’antica società giudaica. Nella prassi matrimoniale c’era una figura giuridica detta shoshben: era un amico di fiducia dello sposo che conduceva tutte le trattative fra i due clan familiari coinvolti nelle future nozze, definendone sia la celebrazione, sia la dote (il mohar) che la sposa doveva portare, così da condurre a compimento e rendere valido l’atto finale.

Si trattava, quindi, di una funzione delicata che esigeva fiducia assoluta e amicizia intima. È curioso notare che anche san Paolo definisce proprio come il Battista la sua missione, quando ai Corinzi dichiara: «Io vi ho promessi a un unico sposo, per presentarvi a Cristo come vergine casta » (2Corinzi 11,2). È noto, inoltre, che il simbolismo nuziale fu applicato dai profeti all’alleanza tra il Signore e Israele: un esempio per tutti è la vicenda matrimoniale tormentata ma anche intensa che è alla base della vocazione di Osea, una storia che abbiamo già descritto in passato.

Gesù stesso aveva assunto questa immagine per definire indirettamente la sua figura nelle parabole nuziali di Matteo 22,1-14 e 25,1-13. In questa prospettiva, che vede Cristo come lo sposo della Chiesa, si inserisce la vocazione del Precursore. Egli è stato il tramite perché la comunità dei futuri seguaci di Cristo si unisse spiritualmente al suo Signore.

Egli è stato appunto «l’amico dello sposo» ed è, perciò, felice per l’abbraccio che ora si compie tra Cristo e la Chiesa. Non conosce l’invidia per questo esito, come invece rivelano di provare certi suoi discepoli che reagiscono al successo di Gesù («Colui che era con te [Gesù]…, al quale hai dato testimonianza, sta battezzando e tutti accorrono a lui», Giovanni 3,26). Anzi, il Battista pronuncia una fase finale lapidaria e luminosa, motto ideale di ogni vocazione cristiana: «Lui [Cristo] deve crescere, io invece diminuire» (3,30).

15 novembre 2018
http://www.famigliacristiana.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23/12/2020 da in ITALIANO, Riflessioni bibliche con tag .

  • 591.464 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 945 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: