COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Il Natale rischia di farci star male?

Francesco Occhetta
http://www.francescoocchetta.it/

Ma sì. Un pò è vero quello scrive Pierluigi Battista nella mailinglist di Futura del Corriere della Sera:
“Non abbiate paura, anche questo Natale passerà.
Se siete un po’ soli,
se siete rimasti soli,
se siete ancora soli,
se vi sentite soli anche con famiglie multiple e numerose,
se la festa dell’armonia, del calore familiare, dei legami, della pace, la sentite ostile e persino offensiva perché non siete in sintonia con il mondo, sappiate che c’è una sola ricetta.
Peggio della retorica natalizia, c’è solo la retorica antinatalizia.
Peggio del dolciastro del Natale, c’è solo il titanismo patetico di chi vorrebbe mettere una bomba (metaforica) sotto l’albero.
C’è solo un consiglio saggio: il Natale rischia di farvi star male? Ignoratelo”.

Un po’ è vero, diciamoci la verità. Ma un po’ è anche falso! E se oltre ad ignorarlo noi provassimo (almeno) a conoscerlo? Un antico proverbio armeno racconta che “per fare un albero di Natale ci vogliono tre cose: gli ornamenti, l’albero e la fede nel futuro“. Già ci vuole fede nel futuro! Ed è questa fede nel futuro che a volte ci manca e ci fa ignorare tutto: la vita, la morte, le malattie, il senso del lavoro, la vita politica ecc.

E se il nostro futuro davvero fosse in quel punto del passato? Lo scrivevo ai giornalisti dell’Ucsi: colpisce sempre la potenza dell’annuncio storico del Natale: «All’epoca della centonovantaquattresima Olimpiade; nell’anno 752 dalla fondazione di Roma; nel quarantaduesimo anno dell’impero di Cesare Ottaviano Augusto, mentre su tutta la terra regnava la pace, nella sesta età del mondo, Gesù Cristo, Dio eterno e Figlio dell’eterno Padre, (…) nasce in Betlemme di Giuda».

In quel momento «regnava la pace». C’è bisogno di pace. C’era pace nel cuore di Maria e nel cuore obbediente di Giuseppe per permettere al Verbo di rivestirsi di carne. Un antico documento, il Cronografo dell’anno 354 rivela che a Roma iniziarono a celebrare il Natale il 25 dicembre, “convertendo” la celebrazione pagana del solstizio d’inverno, Natalis Solis Invieti, la nascita del nuovo sole. È dopo la notte più lunga dell’anno che si celebra la nascita della Vita.

La fede nel futuro si rigenera nella pazienza del presente. Potrei sbagliarmi. Ma devo ancora essere falsificato. «Vivere è l’infinita pazienza di ricominciare — scrive Gregorio di Nissa —. Noi andiamo tutti di inizio in inizio, attraverso inizi sempre nuovi. Perché con Dio, c’è sempre un dopo».

È come se camminassimo su un crinale in cui dobbiamo scegliere se sbilanciarci sul lato della morte o della vita. Nella prima ci neghiamo il futuro, nella seconda ci sbilanciamo sul futuro con fede.

Rimane poi una paura: «Alla nascita di un bambino il mondo non è mai pronto. (…) Non c’è vita che almeno per un attimo non sia immortale. La morte è sempre in ritardo di quell’attimo». Sono parole che ci ricordano la forza del dono e il dovere della responsabilità. Ma anche della cura. Accogliere un bambino da tenere in braccio e da far crescere ci impone un dovere di responsabilità. E’ una provocazione che raggiunge il cuore anche dei non credenti. Parlare di pace, di giustizia, di perdono non è filantropia, ma responsabilità alla vita. E cura del futuro. Perchè se abbiamo fede nel futuro, allora la vita (che nasce) avrà cura di noi. Anche Battista consiglia di ascoltare le parole di Battiato:

Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d’umore
dalle ossessioni delle tue manie.
(…)
E guarirai da tutte le malattie
perché sei un essere speciale
ed io, avrò cura di te.

Buon Natale !

23 dicembre 2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25/12/2020 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag .

  • 592.195 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 945 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: