COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Gianfranco Ravasi – La tenda del Verbo

“Il verbo carne divenne
e pose la sua tenda in mezzo a noi.”
(Giovanni 1,14)

È uno dei versetti più celebri di tutti i Vangeli. Esso è incastonato nel grandioso inno che funge da prologo al quarto Vangelo. Abbiamo proposto una versione che ricalcasse l’originale greco, ben più intenso della pallida traduzione di uso comune: «Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi».
È proprio per la densità e i rimandi presenti in filigrana alla frase giovannea che abbiamo voluto collocarla tra i passi difficili dei Vangeli. Il messaggio è di per sé limpido ed è quello riassunto in un vocabolo teologico ignoto al Nuovo Testamento, “Incarnazione” (in greco sárkosis), usato per la prima volta da sant’Ireneo, padre della Chiesa e vescovo di Lione, nella sua opera Contro le eresie.

Il concetto è, però, ampiamente attestato negli scritti neotestamentari e ha il suo vessillo proprio in questo passo giovanneo. È suggestivo notare che un famoso scrittore agnostico come Jorge Luis Borges, nella sua raccolta poetica Elogio dell’ombra (1969), ha intitolato una poesia semplicemente così: Giovanni 1,14. In essa mette in bocca a Cristo stesso, in modo simbolico e ricco di immagini, proprio il mistero cristiano dell’Incarnazione: «Io che sono l’È, il Fu e il Sarà / accondiscendo al linguaggio / che è tempo successivo e simbolo…».
E concludeva con l’apice del divenire “carne”, ossia storia, tempo, limite, spazio, morte, cioè con la crocifissione: «Fui amato, compreso, esaltato e appeso a una croce».

Ebbene, nell’originale greco giovanneo si usa proprio il verbo del “divenire” (eghéneto) che è segno di mutevolezza e successione, di per sé incompatibile col Verbo che è eterno perché «presso Dio», anzi, che è Dio stesso (1,1), esistente già “in principio”, cioè prima di tutto l’essere.
Questo “divenire” è precisato con la parola “carne”, in greco sarx, che è in pratica equivalente a “uomo”. Si attua, così, non una semplice vicinanza o parvenza, ma una radicale immedesimazione di Dio nella nostra realtà fragile, caduca, mortale. Sarà questo lo “scandalo” del cristianesimo, rifiutato come follia dal mondo greco, ma anche ridimensionato e marginalizzato dalla stessa prima “eresia” cristiana, quella cosiddetta “gnostica”, incline a esaltare la trascendenza e la spiritualità del Verbo, negandone la “carnalità” umana.

La frase greca prosegue poi col verbo eskénosen che significa appunto “pose la sua tenda, si attendò”. Si ha qui un ammiccamento sia simbolico sia lessicale all’ebraico biblico. Nell’Antico Testamento, infatti, si parlava della “tenda dell’incontro” fra Dio e Israele, che era sia il santuario mobile del deserto sia il tempio fisso di Gerusalemme. Questo santuario era detto in ebraico mishkan, “casa, residenza, abitazione” divina sulla terra. Ebbene, la radice di questa parola è s-k-n che è la stessa del vocabolo greco sopra citato eskénosen (s-k-n).
C’è, però, una differenza radicale tra le due “tende-presenze”. In Cristo non si ha più un tempio di teli o di pietre, ma di “carne”. Il corpo di Cristo è il nuovo tempio, come dirà lo stesso Gesù non molte righe dopo nel quarto Vangelo (si legga il brano sulla purificazione del tempio dai mercanti in 2,13-22).
Ma forse si può pensare a un’ulteriore allusione da parte dell’evangelista sulla base della stessa radice s-k-n: gli Ebrei riconoscevano che nel tempio di Sion c’era la Shekinah, cioè la “Presenza” divina. Ecco ancora apparire s-k-n che appunto affiora – come si è detto – anche nell’eskénosen giovanneo.

20 giugno 2013
http://www.famigliacristiana.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31/12/2020 da in ITALIANO, Riflessioni bibliche con tag , .

  • 659.886 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 767 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: